Colite nervosa: rimedi naturali

Colite nervosa

Colite nervosa, una fastidiosa patologia che molto semplicemente e dolorosamente colpisce il basso addome e ci tortura. Non è di solito un dolore lancinante ma continuo e fastidioso. Per questo, è meglio cercare di curarlo, mangiando in modo equilibrato e sano e, visto che si chiama Colite nervosa, provando ad essere il meno nervosi possibili. Questo problema, infatti, ha un’origine non solo ma anche psicosomatica.



 

 

Colite nervosa: sintomi

Ho parlato di “dolore al basso addome”, ma ce ne sono di tanti tipi. Quello che caratterizza la Colite nervosa è simile a quello di crampi addominali ed è dovuto alla formazione di gas intestinale. Si ha quindi un senso di gonfiore e di pesantezza, accompagnato da una continua nausea, ogni tanto anche da diarrea o, viceversa, da stitichezza.

Non è molto differente dalla gastrite, come sintomi, le due patologie hanno effettivamente molti sintomi in comune. Nel caso della Colite nervosa, l’infiammazione riguarda il colon, la parte finale dell’intestino. Se si ha il sospetto di soffrirne, meglio farsi visitare da un gastroenterologo che solitamente ci sottopone ad esami specifici come la colonscopia o l’ecografia addominale.

Colite nervosa

Colite nervosa: dieta

Noti i sintomi, cerchiamo di curarci, partendo dalla dieta: sane abitudini a tavola sono un ottimo presupposto per guarire, o per soffrire meno. Se, infatti, la Colite nervosa è legata a stati di stress e di ansia, è anche vero che la dieta svolge un ruolo fondamentale nel suo acuirsi.

L’alimentazione di chi soffre di questo tipo di infiammazione deve essere leggera: niente cibi precotti oppure conservati, soprattutto evitiamo salumi e insaccati, per non parlare dei fritti, da eliminare. Anche la carne rosse non è il massimo, per chi soffre di Colite nervosa, se molto cotta.

Altri alimenti che è meglio non mangiare spesso sono quelli in generale ricchi di grassi saturi e di zuccheri raffinati, compresi purtroppo “dolci troppo dolci” e la pizza. La dieta anti Colite nervosa prevede anche l’eliminazione di bibite gassate, bevande alcoliche ed eccitanti. Il caffè, se è dura da eliminare, almeno è da limitare a 2 tazzine al giorno.

Colite nervosa

Colite nervosa: cosa mangiare

Finora abbiamo detto cosa non mangiare, non vorrei sembrasse che per tenere tranquillo il colon, ci si debba trasformare in asceti. Tutto ciò che è non infiammante, per il nostro intestino, è il benvenuto a tavola. Quindi ottime le patate lesse o al vapore, le zucchine, le mele, le pere, il riso, l’orzo, lo yogurt, l’avena, le fette biscottate, le carote.

La carne non è da evitare, basta sceglierla magra, meglio se bianca, se invece amiamo il pesce, quello va bene sempre. Una volta che abbiamo adottato una dieta sana e completa, per curare la Colite nervosa i farmaci spesso diventano superflui, a meno di forti attacchi che non ci permettono di condurre una normale attività di lavoro o di svago. In quel caso, un po’ di sollievo ce lo possono dare gli antispastici, gli antinausea o, nel caso di diarrea, gli antidiarroici.

Più dei medicinali, però, valgono le pratiche rilassanti, se entrano a far parte del nostro stile di vita. Sono spesso consigliati lo yoga e il pilates, ma ognuno può puntare sullo sport che più sente adatto alla propria indole, l’importante è che il risultato sia il rilassamento psicofisico.

Colite nervosa: rimedi naturali

Un aiuto per curare la Colite nervosa, o alleviarne i sintomi quando diventano insopportabili, ci arriva anche dalla medicina naturale che ci suggerisce ad esempio, l’olio essenziale di basilico per combattere i crampi: 2 gocce sciolte in un cucchiaino di miele, un paio di volte al giorno, cambiano la vita.

Se tra i sintomi spunta anche il meteorismo, proviamo con i semi di anice, di finocchio e di cumino con cui preparare una tisana. Tra i rimedi omeopatici, compaiono anche i fiori di Bach, da scegliere mirando a quelli specifici contro ansia e stress.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Marta Abbà il 5 gennaio 2017