Cani famosi

Cani famosi

Cani famosi, ce ne sono nell’arte, nel cinema, nella storia, nei fumetti. E poi ci sono i cani famosi nella vita di ciascuno di noi, come quello che ci ha leccato il gelato da piccolo, quello della nonna, con cui giocavamo “assieme ai cuginetti”, quello del vicino che ci ha rubato gli spiedini durante una grigliata. Lasciando a ciascuno di noi la sua storia personale, vediamo i cani famosi ufficialmente, universalmente o quasi.



Nomi dei cani famosi

Non c’è uno standard di nome per i cani famosi o oggi va più di moda chiamare il proprio NON famoso cane, con il nome di un personaggio famoso per mostrare a tutti la propria ammirazione. Cani che si chiamano Ronaldo e Pelé, cani che si chiamano Sissi in onore della principessa, o Madonna in nome della cantante, oppure Marilyn. Ce ne sono diversi, ma i cani famosi davvero, diventano tali qualsiasi nome sia stato loro affibbiato.

Cani famosi maschi

Argo, è ultra famoso, per via del poema di Omero in cui compare in un passo, ad Itaca. E’ noto perché riconosce subito il padrone Odisseo anche se travestito da mendicante, e agita la coda, abbassa le orecchie. Una scena commovente che, anche chi non ha studiato troppo, ricorda con emozione. Argo universalmente rappresenta la fedeltà nei confronti del padrone.

Cani famosi

Cani famosi femmina

Dopo la famosa Laika, Belta (Scoiattolo) e Strelka (Freccia), vennero inserite nel programma spaziale sovietico e inviate in un volo orbitale di un’intera giornata il 19 agosto 1960, all’interno del razzo Korabl-Sputnik-2.

Le due cagnoline, diventarono famose per essere i primi animali tornati sani e salvi sulla Terra. Oggi riposano conservate nel Museo dei Cosmonauti a Mosca.

Cani famosi nella storia

Un cane famoso nella storia è quello che ha vissuto al fianco di Adolf Hitler. Era un Pastore Tedesco femmina di nome Blondi, che ne ha viste di tutti i colori. Questa razza era adorata da Hitler perché ne aveva uno così da piccolo, per cui nel 1941, gliene regalarono una per farlo felice. Blondi, non sapendo leggere i giornali né capendo la radio, è sempre stata affezionata ad Adolf ed è morta perfino insieme a lui il 30 aprile 1945.

Addestratore Cani famosi

Un celebre addestratore di cani famosi è un personaggio della TV che è noto in america, in Italia già meno. Si chiama César Millán ed è in verità uno scrittore ed educatore di cani messicano naturalizzato statunitense, oggi noto per il reality show Dog Whisperer – Uno psicologo da cani.

Ha iniziato tempo fa a lavorare per i cani delle star, via via ha addestrato quelli di Ridley Scott, Vin Diesel, Jada Pinkett Smith, fino ad avere una visibilità enorme. La sua carriera ha preso il volo e qualche anno fa Millàn ha anche fondato il suo primo Dog Psychology Center a Los Angeles.

Cani famosi nei cartoni animati

Tra tutti i cani famosi nei cartoni animati e nei fumetti, primo tra tutti il mitico Snoopy, ho deciso di approfondire la figura più in ombra, immeritatamente, di Sansone. E’ il cane protagonista di una striscia a fumetti ideata dell’artista statunitense Brad Anderson nel 1954. Le storie di Sansone hanno sempre al centro la famiglia Winslow, lui è un alano e il suo nome originale è Marmaduke. In Italia le strisce sono comparse soprattutto su Topolino.

Cani famosi

Cani famosi nei film

Nei film i cani famosi abbondano come nei cartoni, e nei telefilm e nelle serie TV, accade qualcosa di simile. Un cane protagonista molto emozionante è Hachikō, protagonista di varie pellicole, la più famosa è quella diretta da Lasse Hallström, “Hachi: A Dog’s Tale”, con Richard Gere.

Questo animale è di razza Akita Inu, pelo bianco, fedelissimo. Era il cane di un professore, lo accompagnava alla stazione a prendere il treno per andare a lavoro, la sera al suo ritorno aspettava alla stazione per riaccompagnarlo a casa. Quando il suo padrone è morto, Hachiko ha continuato ad aspettarlo alla stazione, stesso posto stessa ora. per ben dieci anni.

Altri cani famosi e film famosi sui cani, nell’articolo dedicato.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Ti potrebbe interessare:

Pubblicato da Marta Abbà il 10 giugno 2017