Bonsai da interno e bonsai da esterno

bonsai interno

Bonsai da interno e bonsai da esterno, consigli sulla pianta da scegliere per la coltivazione di bonsai in casa o in giardino.

bonsai sono alberi in miniatura che crescono in vasi molto particolari. I vasi dei bonsai, infatti, sono caratterizzati da una profondità estremamente ridotta per limitare lo sviluppo dell’apparato radicale dei bonsai.

Chi vuole comprare un bonsai, generalmente, si reca da vivai specializzati e ne sceglie uno in base al proprio gusto personale, senza badare alle esigenze della pianta. Eppure dovremmo scegliere il bonsai in base alle cure che possiamo dedicargli e all’ambiente in cui intendiamo coltivarlo. Al momento della scelta del bonsai è sempre bene rivolgersi a vivaisti specializzati nella coltivazione e cura dei bonsai perché meglio sapranno indicarvi la pianta più adatta alle vostre esigenze.

Quale bonsai scegliere?
Se siete alle prime armi, una pianta adatta è il bonsai di ginepro, si tratta di un sempreverde piuttosto resistente e che, al contrario di molti altri bonsai, non richiede particolari cure.

Un’altra opzione è data dalle specie Ficus, già usate in dimensioni reali per la coltivazione in casa.

La scelta può essere effettuata anche in base al budget che intendiamo spendere. Esistono bonsai più o meno rari e più o meno ricercati. Si parte da una spesa minima di 30 – 100 euro per salire anche oltre il migliaio di euro per le specie più rare.

Migliori bonsai da coltivare in casa

I migliori bonsai da interno sono quelli che non amano essere esposti ai raggi diretti del sole e che tollerano il clima secco nella maggior parte dell’anno.

bonsai da coltivare in casa più popolari sono:

  • Ficus Retusa o Formosanum
  • Serissa Foetida o Japonica variegata
  • Camelia
  • Gardenia
  • Buxus Harlandii
  • Zelkova Nire
  • Ligustrum…

Il ficus Retusa è un bonsai dal fogliame verde scuro intenso. Va irrigato regolarmente e con una certa generosità. La sua vegetazione va potata periodicamente per il mantenimento della forma.

La Serissa è un bonsai da interno molto popolare per il suo aspetto estetico e per i suoi fiori. Chi vuole un bonsai di olmo può puntare alla Zelkova Nire, di origine cinese. Questo bonsai non tollera le basse temperature e si adatta bene all’ambiente interno. Le cure da dedicare al bonsai di olmo cinese sono contenute nel nostro articolo guida Come curare un bonsai.

bonsai da esterno

Migliori bonsai da coltivare in giardino

bonsai da esterno sono piante più resistenti al freddo anche se è sempre consigliato di porre il bonsai sotto una tettoia o nelle zone più riparate del giardino.

Chi vuole coltivare bonsai in giardino dovrà preferire i bonsai di azalee che offrono una fioritura abbondante, oppure le diverse specie di acero, dall’acero palmatum all’acero burgerianum. Anche il cedro, il faggio, la betulla e il bonsai di ulivo possono essere coltivati in giardino. Per la coltivazione di bonsai in giardino è meglio scegliere le specie che si adattano meglio al clima mediterraneo, un esempio è il bonsai di ulivo della qualità silvestre, dalle foglie più piccole e quindi più indicato per la coltivazione a bonsai.

Ricordate che anche tra i bonsai vi sono le specie caducifoglie, quindi non bisogna allarmarsi se nei mesi invernali vediamo cadere le foglie di bonsai di cedri, larici e olmi… anche i bonsai attraversano fasi di riposo vegetativo e riprenderanno la piena attività durante la primavera successiva con nuovi germogli.  Un bonsai interessante da ospitare e curare è quello del Ficus Benjamina non pretenzioso ma altrettanto bello.

Bonsai, cure e rinvaso

Le cure dipendono dalle specie che intendiamo coltivare. Il rinvaso del bonsai, invece, dipende sia dalla dimensione del vaso di partenza che dalla specie!

Gli alberi a crescita rapida hanno bisogno di rinvasi più frequenti (vanno rinvasati ogni 2 anni o in casi estremi addirittura ogni anno). Gli alberi a crescita lenta e tutti i bonsai più vecchi e maturi, necessitano di rinvasi più sporadici, in intervalli di tempo compresi tra i 3 e i 5 anni.

Quando rinvasare bonsai? Il rinvaso va fatto a inizio primavera, quando l’albero è ancora in fase di riposo vegetativo.

Pubblicato da Anna De Simone il 21 settembre 2016