Biancospino: pianta

biancospino pianta

Biancospino: pianta e consigli alla coltivazione. Proprietà e controindicazioni degli estratti del biancospino. Consigli utili e usi.

Biancospino: pianta

Il biancospino è un piccolo arbusto o alberello molto ramificato. E’ usato sia come pianta ornamentale che come pianta officinale.

Grazie al suo andamento arbustivo, il biancospino può essere coltivato come siepe.

Parliamo di una pianta caducifoglia (quindi non è sempreverde). Può svilupparsi tra i 50 cm e i 6 metri di altezza. Presenta una corteccia compatta e un fusto di colore grigio.

I rami più giovani presentano spine e in primavera producono gemme e fiori. Il biancospino della specie Crataegus monogyna, talvolta è usato il sinonimo Crataegus oxyacantha.

Biancospino: fiori e fioritura

Per scopo ornamentale, la pianta biancospino è coltivata per i suoi bellissimi fiori bianchi ermafroditi che spuntano in tarda primavera.

Il periodo della fioritura va da maggio (nel meridione) a giugno (nel nord Italia). La durata della fioritura dipende dal clima e può perdurare per una buona parte dell’estate.

fiori di biancospino hanno un diametro di 10 mm e presentano delicati petali bianchi (cinque petali) e numerosi stami rossi. I fiori ermafroditi sono impollinati da qualsiasi insetto, dai moscerini alle api!

Biancospino: frutti o bacche

Dai fiori si sviluppano dei frutti tondeggianti simili a bacche. Ogni frutto contiene un singolo seme di biancospino.

I frutti di biancospino sono commestibili e usati per marmellata, confetture o produrre sciroppi e gelatine. Sono usati per aromatizzare il vino o produrre un liquore tipico.

I frutti sono lunghi e piccolini, somigliano a una piccola oliva dal colore rosso. Hanno una sapore delicato e presentano tipicamente un solo seme nella specie C. monogyna ma può presentare fino a 5 semi in altre specie.

Biancospino: siepe e pianta ornamentale

Nel giardinaggio il biancospino si può coltivare in vaso singolarmente o a schiera, per allestire una siepe. Per coltivare una siepe di biancospino o un biancospino in vaso sono valide le indicazioni viste nella guida: come coltivare il biancospino.

La siepe di biancospino è utile soprattutto a scopo agricolo: le sue spine e le folti ramificazioni possono allestire una recinzione naturale molto compatta. La siepe di biancospino è a bassa manutenzione: questa pianta vede una crescita molto lenta.

Esistono numerosi ibridi e varietà da coltivare a scopo ornamentale o da usare per la coltivazione di una siepe. Non manca un ibrido Crataegus x media (C. monogyna × C. laevigatadi cui sono note diverse varietà come la Paul’s Scarlet, un biancospino dal fiore rosa scuro, quasi purpureo. 

Esistono varietà a foglie variegate o con fiori leggermente più grandi da coltivare per le fioriture.

Biancospino: proprietà

Si parla spesso di “biancospino officinale”. In realtà si tratta della stessa specie (Crataegus monogyna) usata per coltivazioni ornamentali.

A questa pianta sono state associate proprietà terapeutiche tanto che è usata a scopo medicinale. In erboristeria sono molto popolari le gocce di biancospino.

Le parti della pianta utilizzate sono le foglie, i fiori e talvolta i frutti. E’ una buona fonte di sostanze dalla potente attività antiossidante. In particolare, queste sostanze fitochimiche antiossidanti sono presenti negli estratti di foglie e fiori.

Biancospino: compresse

Per sfruttare le proprietà antiossidandi del biancospino sono disponibili estratti in gocce o compresse.

Le compresse sono da preferire in quanto conservano la gran parte dei principi attivi presenti nella pianta. Non sono state provate scientificamente le proprietà rilassanti, tuttavia sono state messe in evidenza attività antiossidanti. Le sostanze fitochimiche riuscirebbero a contrastare i radicali liberi prevenendo l’invecchiamento cellulare.

Inoltre sono state messe in evidenza alcuni benefici sull’apparato cardio-circolatorio. Sulla pressione arteriosa e sulla funzionalità cardiaca.

Se cercate un prodotto per il rilassamento, è meglio sceglierne uno che vede gli estratti di biancospino associato con principi attivi vegetali dall’effetto rilassante.

Tra i prodotti presenti in commercio, segnaliamo le compresse naturali della casa Matt. Tra tanti prodotti abbiamo scelto questo perché ai principi attivi del biancospino, unisce quelli della Valeriana (proprietà rilassanti). Si tratta di un integratore al 100% di origine vegetale, quindi può essere assunto anche da chi conduce uno stile di vita Vegan.

Link utili da Amazon: Matt compresse
Prezzo: 6,29 euro con spedizione gratuita da Amazon.

Biancospino: controindicazioni

La pianta non presenta particolari controindicazioni. Per i dettagli sui benefici, le proprietà e le controindicazioni legate all’uso degli estratti di biancospino, è disponibile l’approfondimento: biancospino: proprietà e controindicazioni

Pubblicato da Anna De Simone il 20 novembre 2018