Ananas in vaso, ecco come ottenere la pianta

ananas in vaso

Ananas in vaso, ecco come ottenere la pianta dal ciuffo del frutto per avviare la coltivazione dell’ananas. Questa guida che vi spiegherà come coltivare la pianta di Ananas in vaso o in giardino, dalla prima radicazione alle cure per garantire la sopravvivenza della pianta.

L’ananas è una pianta esotica. Appartiene alla famiglia Bromelia (Bromeliaceae), è originaria delle zone costiere dell’America Latina e dell’America Centrale naturalizzata sulla costa occidentale africana e coltivata fortemente a Cuba, in Thailandia, nelle Filippine e in tutta l’Asia sud-orientale .

Ananas, proprietà

La popolarità dell’ananas non si deve solo alla sua bontà: è ricca di bromelina e papaina e le sue radici sono usate per la preparazione di decotti contro la diarrea mentre altri preparati a base della pianta di ananas si utilizzano come anti-infiammatori e agenti proteolitici. Dalle foglie si ricava una fibra impiegata dall’industria tessile per la produzione di corde e tessuti. L’estratto secco dell’ananas è impiegato per migliorare i processi digestivi e per contrastare la ritenzione idrica.

Coltivazione dell’ananas: periodo e tecnica

La coltivazione dell’ananas può essere praticata anche nelle nostre case. Per la messa a dimora dell’ananas possiamo usare la parte non commestibile di questo frutto.

Il periodo ideale per iniziare a coltivare ananas con questa tecnica è l’inverno.

Mettendo a dimora il ciuffo dell’ananas si potrà ottenere una pianta forte e rigogliosa nel giro di poco tempo: l’ambiente domestico è caratterizzato da temperature più calde, soprattutto in inverno quando il sistema di riscaldamento è attivo.

L’accrescimento dell’ananas in vaso coltivato con questa tecnica è rapido: la temperatura favorevole migliora la germinazione e velocizza la crescita.

Dal ciuffo dell’ananas possiamo ottenere, in breve tempo, una pianta ben sviluppata.

Ananas in vaso

Cosa occorre per coltivare l’ananas in vaso? 
Organizzatevi con recipienti di varie dimensioni, possibilmente ricavati con i principi di riciclo e riutilizzo. In fondo, anche il ciuffo di ananas sarebbe uno scarto alimentare se non fosse riutilizzato in questa opera di giardinaggio! Questa tecnica di coltivazione vi consente di riutilizzare lo scarto dell’ananas (e sacrificare un pochino di polpa), quindi in linea con la tecnica armatevi di materiali riciclati!

Potete usare recipienti di terracotta, plastica o torba compressa o riutilizzare i contenitori dello yogurt da 500 gr. Vanno bene anche i contenitori di polistirene dei gelati o altri tipi di vaschette. Ai contenitori riciclati va praticato un piccolo foro di scolo sul fondo.

Insieme ai contenitori, preparate il substrato di crescita mescolando (in parti uguali) sabbia, torba e terriccio comune, arricchitelo aggiungendo un fertilizzante liquido diluito in acqua. Se vi risulta più pratico, potete acquistare un terriccio pronto all’uso che incorpora già fertilizzante, sabbia e torba. Per evitare ristagni idrici durante la coltivazione dell’ananas, predisponete, sul fondo del contenitore, uno strato di argilla espansa.

Come piantare l’anans in vaso

Piantare l’ananas in vaso è semplice. Potete farlo in tre semplici passi:

  • 1). Pulite l’ananas e prelevate la sezione per il trapianto in vaso
    Prendete un coltello ben affilato e separate il frutto dal ciuffo misurando 3,5 cm a partire dall’attaccatura delle foglie. Fate asciugare la sezione prelevata riponendola in un luogo asciutto e riparato (lontano da mosche o altri insetti). Il ciuffo d’ananas potrà essere trapiantato in vaso solo dopo 24 ore.
  • 2). Trapiantate il ciuffo d’ananas in vaso 
    Preparate il vaso con il terriccio così come descritto prima. Il contenitore scelto dovrà essere abbastanza grande da lasciare 4 cm dal perimetro del ciuffo d’ananas fino al margine interno del vaso. Il ciuffo va interrato per 1 cm. Sul fondo del vaso predisponete uno strato drenante realizzato con un paio di cm di argille espansa o cocci di terracotta.
  • 3). Irrigazione e crescita 
    Dopo la messa a dimora, bagnate abbondantemente il terriccio ripetendo l’operazione ogni volta che vedete il suolo asciugarsi. La pianta di anas mostrerà i primi segni della ripresa vegetativa dopo un paio di mesi.

Altre info per la coltivazione dell’ananas in casa o in giardino: come coltivare l’ananas

Pubblicato da Anna De Simone il 29 marzo 2016