Alberi sempreverdi: quali sono

Alberi sempreverdi

Le loro foglie non cadono ed è per questo che si chiamano alberi sempreverdi. Sono verdi anche in inverno, è questo il loro “bello”, perché sono perfetti per mantenere vivo e accogliente il proprio giardino o anche il proprio balcone durante la stagione in cui le temperature e le intemperie rendono impossibile la vita per molte altre piante.

Non è che gli alberi sempreverdi non perdano mai le foglie, le rinnovano costantemente e non tutto d’un colpo, quindi noi non ce ne accorgiamo quasi, c’è un ricambio continuo, un po’ come quei lavori che sono h24 in cui diversi dipendenti fanno i turni. Anche le foglie dei nostri sempreverdi, fanno i turni per cadere, garantendoci una chioma verdeggiante 12 mesi su 12. C’è anche da dire che, per le loro caratteristiche, le foglie possono persistere funzionali sulla pianta per più anni, per un numero diverso a seconda della specie, ma comunque con il tempo vengono rinnovate.



Alberi sempreverdi da giardino

Prendiamo il tasso, sia perché in giardino ci sta alla perfezione, sia perché è di fatto il più illustre rappresentate delle tantissime varietà di conifere utilizzate come alberi sempreverdi da giardino. E’ una pianta grande, le sue dimensioni sono XXL per la categoria ma ad impressionare è anche il suo portamento maestoso e imponente. Ci sono esemplari di Tassi che arrivano anche a 20 metri di altezza, in generale sono tutti sopra i 10 metri ad una certa età, molto dipende anche da come li manteniamo in vita.

Le foglie di questo sempreverde sono come spesso accade piccole e dalla forma allungata ma sono in grado di formare una chioma folta e frondosa. Non è affatto difficile coltivare un Tasso, non va neppure irrigato perché se la cava con l’acqua piovana, è necessario stargli dietro un pochino nel periodo immediatamente successivo alla messa a dimora. In generale predilige zone soleggiate e, una volta stabilizzatosi nel terreno, non teme il caldo né il freddo.

Bello, maestoso ed indipendente ma anche insidioso. Le bacche rosse prodotte da questo albero sono estremamente tossiche per l’uomo e anche per alcuni animali.

Alberi sempreverdi da giardino

Alberi sempreverdi aromatici

Per definizione, o quasi, l’Eucalipto è uno degli alberi sempreverdi aromatici più noti. Vive bene all’aperto, in spazi vasti e dove regna un clima temperato. Arriva anche a 30 metri di altezza ma solo se è piantato in un terreno ben drenato e molto spazioso. Il tronco dell’Eucalipto è massiccio e coperto da una corteggia liscia dal caratteristico colore grigiastro mentre le foglie hanno un colore che va dal verde all’azzurro e una forma ovale, simile a quella di un cuore. Non richiede molte cure particolare questo albero se non in fase di concimazione e durante il primo anno di vita.

Una volta che la pianta ha attecchito nel terreno e ha sviluppato il proprio apparato radicale, non avremo di che preoccuparci. Oltre ad essere un albero ornamentale stupendo, l’eucalipto ha anche delle proprietà benefiche davvero notevoli, lo sa bene chi prende spesso l’influenza con la tosse.

Alberi sempreverdi: elenco

Alberi sempreverdi: elenco

Fare un elenco di tutti gli alberi sempreverdi da giardino è una bella impresa, lo sarebbe anche leggerlo, direi, viste le tante piante così considerate. Non possiamo però non citare tutte le varietà di conifere, dai pini con le loro tante tipologie, agli abeti. Sono tutti alberi perenni, che colorano parchi e spazi verdi con sfumature e profumi davvero intensi.

Di solito si tratta di specie che non sono troppo pretenziose, desiderano una buona esposizione alla luce del sole ma mai diretta, motivo per cui spesso le conifere vengono piantate in zone di semi ombra anche sotto la chioma di altre piante. In generale gli alberi sempreverdi sono alberi comuni che troviamo in prevalenza in aree geografiche in cui regnano climi tropicali umidi oppure climi freddi. Ci sono molti alberi sempreverdi anche tipici della macchia mediterranea.

Eccone alcuni: l’ulivo Olea europaea (presente in gran parte dell’Italia), la sughera Quercus suber, il leccio Quercus ilex, il mirto Myrtus communis, l’alloro Laurus nobilis, il corbezzolo Arbutus unedo, il carrubo Ceratonia siliqua, il brugo Calluna vulgaris, l’erica Erica carnea, ecc…

Alberi sempreverdi da balcone

Anche da giardino, ma in città è da balcone, l’albero dell’ulivo. Io stessa ne ho avuti due per anni e anni sul balcone di casa e sono arrivati anche a produrre le loro olive. L’ulivo è un albero sempreverde perfetto per crescere in Italia con il suo caratteristico tronco legnoso di colore marrone-chiaro tendente al grigio, pieno di nodi da fare “paura”. Le foglie dell’ulivo sono verde argento, la corteggia tende al grigio ed è anche profumata.

Quando produce i fiori l’ulivo ci regala piccoli fiorellini bianchi che si trasformano poi nei preziosi frutti. Se teniamo un ulivo sul balcone dobbiamo fare molta attenzione a riservargli molto spazio per crescere anche in larghezza, in inverno è meglio ricoprirlo con un telo, in estate se la cava benissimo da solo, con tanta acqua e una leggera concimazione organica.

Alberi sempreverdi da ombra

Raffinata, elegante e verde, la Magnolia è un albero sempreverde da giardino che crea parecchia ombra tanto che non la si può posizionare a caso. In primavera regala delle fioriture mozzafiato, la sua chioma è molto compatta e formata da foglie carnosi e verde scuro. Oltre ai fiori produce anche gli inconfondibili frutti a pigna pieni di semi, di colore rosso brillante.

Alberi sempreverdi da frutto

Tra gli alberi sempreverdi da frutto ho scelto il Ginepro per via della sue famosissime bacche ricche di principi naturali benefici. Ci sono tisane, grappe e infusi al Ginepro, tutti prodotti con le bacche di questa pianta rustica che si adatta a qualsiasi clima e terreno, sia in montagna che al mare. Lo troviamo persino in formato Bonsai ed è effettivamente molto decorativo e coreografico. L’unica cosa da ricordare è di non esporre la pianta a temperature sotto allo zero quando è ancora giovane

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 20 novembre 2018