Agrumi in vaso

agrumi in vaso

Agrumi in vaso: consigli sulla coltivazione, analisi del problema delle foglie gialle. Concimazione, potatura, cure e rinvaso.

Gli agrumi sono piante del genere Citrus, famiglia delle Rutacee. Sono arbusti o alberelli sempreverdi che crescono bene all’aperto nelle zone a clima mite. Nell’Italia Settentrionale la coltivazione in vaso è d’obbligo così da spostare le piante in luoghi riparati durante l’inverno. Se non avete la possibilità di ritirare al chiuso gli agrumi in vaso, potete ripararli con particolari protezioni.

Quali agrumi coltivare in vaso

Gli agrumi in vaso hanno uno sviluppo limitato, sono più adatti come piante ornamentali che per la produzione: il raccolto sarà piuttosto esiguo. Gli agrumi da coltivare in vaso più ornamentali sono il chinotto, calamondino, kumquat e kucle: questi agrumi possono offrire un’ottima chioma ad alberello, necessitano di vasi dalle dimensioni contenute e possono essere spostati più facilmente.

In termini di spazio, agrumi come arancio, mandarino, cedro e limone sono più impegnativi da coltivare. Crescono solo in vasi molto capienti ma possono dare buone soddisfazioni in termini di raccolto.

Coltivare Limone in vaso

Tra le varietà di limone più adatte alla coltivazione in vaso segnaliamo la Florentina (limone toscano), il limone lunario (anche detto limone quattro stagioni) e il limone salicifolia. Il limone a foglia salice è molto decorativo, anche il limone lunario è bellissimo: fiorisce tutto l’anno.

Coltivare Arancio in vaso

La varietà di arancio più adatte alla coltivazione in vaso e che produce la cosiddetta arancia dolce è la varietà calabrese a frutto ovale che riesce a offrire fiori molto profumati e frutti dal colore giallo arancio.

Coltivare cedri in vaso

Il cedro è un agrume molto aromatico. La varietà da coltivare in vaso è la Maxima, conosciuta anche come cedro gigante. Chi preferisce frutti dalle piccole dimensioni e fiori violacei può scegliere la varietà Aurantiata, o cedro della Cina.

Coltivare mandarino in vaso

Il mandarino è un agrume dai frutti saporiti e dalla buona resistenza al freddo. Il mandarino Satsuma si presenta come un alberello dalla chioma espansa e dai frutti leggermente schiacciati (e dolci).

Agrumi in vaso con foglie gialle

Se coltivate in vaso piante di agrumi che irrigate con acqua del rubinetto, potrebbe insorgere il problema delle foglie gialle. Gli agrumi temono la clorosi e non andrebbero bagnati con acqua calcarea. L’acqua del rubinetto è ricca di calcare e causa clorosi ferrica che si manifesta con l’ingiallimento fogliare.

Come risolvere? Ecco diverse soluzioni:

  • Irrigate con acqua piovana
  • Aggiungete un cucchiaino di aceto nell’annaffiatoio e lasciate riposare l’acqua per almeno 12 – 24 ore. Quando irrigate, non usate l’acqua che si trova sul fondo dell’annaffiatoio.
  • Distribuite sul terreno del ferro chelato.

Agrumi in vaso, concimazione

Per la coltivazione degli agrumi in vaso, il concime è fondamentale e va somministrato almeno due volte all’anno. Se la produzione di foglie e di frutti è ridotta (magari spuntano limoni e arance ma di dimensioni piccole) meglio somministrare azoto.

Il fertilizzante va posto ai bordi del vaso e va interrato con una piccola zappetta a mano. Per tutte le informazioni su come concimare gli agrumi in vaso vi rimandiamo alla pagina: concimazione degli agrumi in vaso.

Agrumi in vaso, cure e irrigazione

Quello degli agrumi è un genere molto differenziato ma non quando si tratta di cure ed esigenze colturali: tutti gli agrumi necessitano delle medesime cure, soprattutto se coltivati in vaso.

1) Per la coltivazione di agrumi in vaso scegliete una posizione riparata dai venti forti.

2) Fate in modo che abbiano almeno 5 ore di sole al giorno.

3) Irrigate abbondantemente soprattutto nei periodi primaverili – estivi. In estate irrigate quotidianamente mentre in primavera limitatevi a irrigare due o tre volte a settimana in base all’andamento climatico e all’umidità in atmosfera.

4) Usate un terriccio specifico per agrumi e dopo l’acquisto dell’alberello, eseguite subito un primo rinvaso.

5) Sul fondo del vaso, predisponete uno strato di 3 cm di argilla espansa. L’argilla assorbe l’acqua evitando ristagni idrici e mantiene l’ambiente umido più a lungo.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra lecerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 6 agosto 2016