Zone Climatiche nel mondo

zone climatiche

Zone climatiche, sulla terra ce ne sono molte perché svariati sono i fattori che le determinano. Vento e montagne, latitudine, correnti marine e oceaniche e chi più ne ha più ne metta. E ci si mette anche l’uomo insediandosi, costruendo e coltivando ad influire sulle zone climatiche. E’ quindi stato necessario semplificare ed individuarne alcune che indicativamente descrivono situazioni emblematiche a cui fare riferimento.



Le zone climatiche indicano ciascuna quella fascia della Terra con un determinato tipo di clima, ci sono quelle temperate, tropicali, polari e le zone climatiche anche subpolari, e poi le sottocategorie. Il clima nelle zone climatiche dipende dai seguenti fattori: la latitudine, da cui dipende l’angolo di inclinazione dei raggi solari che colpiscono la terra, l’altitudine, la presenza di rilievi, mari e correnti, venti, attività umana industriali e agricoli. E poi la composizione dell’atmosfera che influisce su come le radiazioni solari vengono filtrate.

La Terra e la natura sono troppo complicate per essere catturate con uno schema – vero – ma le zone climatiche danno una impressione di ordine in una meteorologia in continua evoluzione.

zone climatiche

Zone climatiche della Terra

Combinando i fattori che definiscono il clima si ottengono quasi come fosse una formuletta matematica, ma in modo molto meno preciso, le varie zone climatiche terrestri. E sono tantissime. Per limitare la descrizione e renderla utilizzabile si è scelto di basarsi sulle diverse condizioni di irradiazione dovute all’inclinazione dell’asse terrestre, unita al moto di precessione della Terra, leggero e ondulatorio. Si ottengono così tre zone climatiche, composte da cinque zone distinte delimitate da 4 paralleli.

La zona tropicale ed equatoriale si estende dal Tropico del Cancro al Tropico del Capricorno ed è torrida: fa costantemente caldo, le notti durano 12 ore, i raggi solari arrivano perpendicolari e “picchiano”. Al variare del grado di umidità si hanno regioni umide, regno delle foreste pluviali, aride, con la savana e un po’ di vita umana, e le regioni desertiche con zero vegetazione ad eccezione delle oasi.

zone climatiche

Zone climatiche temperate

Questa tipologia è presente in due zone, quella tra il Circolo polare artico (Boreale) ed il Tropico del Cancro e quella tra il Tropico del Capricorno ed il Circolo polare antartico (Australe). In queste aree le 4 stagioni sono ben riconoscibili, i raggi arrivano sulla Terra obliqui dando origine a varie sotto zone climatiche, con regimi di volta in volta di tipo mediterraneo, oceanico, montano e continentale.

Sul mediterraneo siamo tra i 10 °C e i 25 °C, gli inverni sono brevi e miti e piovosi, le estati lunghe e secche. In zone così crescono gioiosamente alberi da frutta e la macchia mediterranea, l’uomo si occupa con soddisfazione di allevamento e agricoltura. Quando il clima è oceanico, con inverni miti ed estati fresche, e temperature tra gli 8 °C e i 15 °C, piove tutto l’anno per cui il paesaggio è verdeggiante e favorevole a pascoli, campi coltivati e boschi di piante.

Le zone climatiche caratterizzate da un regime montano, dove si balla tra i 15 °C e i -8 °C, hanno inverni rigidi, estati fresche e forti escursioni termiche diurne. La vegetazione tipica è composta da boschi di castagne e querce a foreste di conifere, ma dove fa più freddo regnano pascoli a roccia e ghiacciai. Di solito non sono aree molto popolate, ci vive chi si occupa di pascoli o turismo.

Il clima continentale può essere fresco o freddo, nel primo caso le temperature sono tra i -6 °C e i 25 °C, piove frequentemente e si trovano boschi di aghifoglie e latifoglie, e molti uomini impegnati in attività di allevamento e all’agricoltura. Il clima continentale freddo, freddo da -10 °C fino a 20 °C, è adatto a conifere, querce, faggi e betulle, la popolazione è meno numerosa in zone climatiche come queste e si coltivano segale, avena e patate.

zone climatiche

Zone climatiche polari

In questo caso, come prevedibile, abbiamo la versione Nord e quella Sud, in corrispondenza dei due poli e con il Circolo Polare Artico e il Circolo Polare Antartico a delimitare il tutto. Il clima è ovviamente molto rigido e ci sono ghiacci perenni a tutte le quote, si passa dal giorno polare, di sei mesi, alla lunga notte polare, lunga anche lei sei mesi.

La zona artica è abitata da popolazioni che allevano renne o pescano, in inverno si sta a -15 °C d’inverno, c’è una banchisa e alcune zone di terraferma coperte da una calotta polare dove, nel disgelo estivo, spuntano muschi e licheni, più a sud tundra e taiga. Al polo Sud, zona antartica, c’è un vero e proprio continente fatto da colate glaciali ma sopravvivono numerosi animali.

zone climatiche

Zone climatiche in Italia

L’Italia è divisa in sei zone climatiche etichettate con lettere dalla A alla F: ciascun comune appartiene a una delle zona climatiche indipendentemente dalla Regione in cui si trova, a seconda di Gradi Giorno. Detto GG, è un parametro che per ogni località indica il fabbisogno termico necessario mediamente per mantenere un clima confortevole nell’abitazione.

Si calcola considerando un periodo annuale convenzionale di riscaldamento e sommando le differenze giornaliere tra la temperatura convenzionale ideale in casa (20°C) e la temperatura media giornaliera all’esterno dell’abitazione. Se il GG è basso, non occorre un riscaldamento intenso e prolungato, viceversa se è alto. Si parte dalla zona A, zona alpina, con GG non superiore a 600, poi c’è la B, padana, con GG da 600 a 900, segue la appenninica C da 900 a 1.400, la zona adriatica settenrionale D con GG tra 1.400 e 2.100. LA E è la zona tirrenica, con GG da 2.100 fino a 3.000, se infine il GG è ancora maggiore siamo nella zona F, sud-orientale e delle isole.

zone climatiche

Zone climatiche europee

Anche in Europa abbiamo differenti zone climatiche, se ne contano nello specifico cinque, dovute all’ampia estensione in latitudine del continente. Partiamo dal clima subartico o di alta montagna, tipico del nord d’Europa, con scarse precipitazioni, nevose, e temperature sopra lo zero solo in estate: anche a causa dei venti freddi la vegetazione in zone climatiche come questa scarseggia.

Il clima continentale è quello prevalente a livello europeo, caratterizzato da una breve estate e afosa che si alterna con l’inverno freddo e nevoso. Quando il clima è atlantico, come in Gran Bretagna, Irlanda e anche Svezia, Norvegia e Portogallo, oltre che sulle coste di altri paesi, piove molto e le temperature restano miti.

Quando invece il clima è montano, nelle catene di vette situate nell’Europa centro-meridionale, troviamo inverni rigidi e nevosi ed estati fresche e piovose. Il nostro clima è nella zona climatica mediterranea dove troviamo tutti i paesi che si affacciano al nostro mare e godono di inverni brevi e miti e di estati lunghe e calde. Piove molto poco in primavera e in autunno, tra maggio e settembre c’è pericolo di siccità.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Altri articoli che ti possono interessare:

Pubblicato da Marta Abbà il 13 febbraio 2016