Yin yang: tattoo e simbolo

Yin yang

Yin yang, un simbolo visto e rivisto, un simbolo che tutti noi conosciamo per un motivo o per l’altro perché semplice da ricordare e molto gettonato ma pochi sono coloro che si sono presi la briga di indagare da dove viene. Se siete tra questi, bene, altrimenti buona lettura!



Yin e Yang è un concetto davvero molto antico, i filosofi cinesi lo usavano per spiegare l’origine del Cosmo: da uno situazione di assenza di poli, detta Wu-Chi, prima dell’origine dell’universo, sono poi spuntati yin yang dal nulla dando origine al Tai-Chi, la prima forza dell’Universo, la Suprema Polarità.

Yin e yang: significato

Secondo il pensiero cinese, che è poi quello da cui tutto il concetto parte, il significato di yin yang è quello di dualità, quella dualità che ritroviamo in ogni elemento dell’universo, noi compresi. In ogni cosa, persona, creatura, concetto, convivono due entità opposte e complementari che formano la totalità. Ritroviamo questa concezione nel Taoismo, fondato sugli insegnamenti del filosofo Laozi, e nel Confucianesimo.

Yin yang: tattoo 

Che facciano male o meno, che piacciano o no, i tatuaggi sono sempre più diffusi in Italia come in altri paesi, non solo orientali. Quelli che rappresentano il simbolo dello Yin Yang sono tra i più richiesti, lo troviamo in varie versioni, da quella più stilizzata a quella più creativa, grandi e piccoli. Dove? Sulla schiena come sul seno, sulle natiche o sulle caviglie: che importa? Tanto la dualità è insita in tutto ciò che esiste.

Yin yang

E’ in parte un tatuaggio apprezzato esteticamente ma molti lo scelgono perché rappresenta “il lato in ombra della collina”, con lo Yin, e “il lato soleggiato della collina”, con lo Yang. Tatuarsi lo yin yang significa affiancare sul proprio posto la natura femminile e quella maschile, la Luna e il sole, il buio e la luce, la passività e il movimento, le energie distruttrici e quelle vivificanti. Il nero e il bianco.

Yin yang: simbolo

Il simbolo artistico dello yin yang è molto semplice, ma è a sua volta simbolicamente complesso da spiegare. Come spesso accade, un segno grafico è in grado di sintetizzare concetti molto complessi in modo efficace. Con lo yin yang si mostra che l’uno non può esistere senza l’altro e sono interdipendenti questi due “lati”, ciascuno contiene il seme del proprio opposto.

Il simbolo mostra equilibrio tra bianco e nero ma nella realtà può essere turbato. E cosa accade? Si verifica un eccesso di Yin, un eccesso di Yang, una insufficienza di Yin oppure una insufficienza di Yang. Questi sbilanciamenti producono azioni e interazioni, fanno evolvere.

Yin yang

Yin yang: collana 

Noto il significato dello yin yang viene voglia di portarlo sempre con sé. Un simbolo per ricordarci che in ciascuno di noi ci sono buio e luce che convivono e devono convivere senza ferirci. Se non vogliamo tatuarci possiamo optare per una pregiata collana con pendente da 40 euro, semplice e lineare.

Yin yang: olio 

Il potere dello yin yang va a brandizzare anche degli oli per massaggi da poteri speciali. A 13 euro su Amazon si può acquistare una boccetta da 200 mL di olio per massaggi rilassanti “yin yang”.

Yin yang: frasi

Per finire, ecco alcune frasi pronunciate da chi lo yin yang lo ha studiato e “praticato”, vissuto sulla propria pelle e reso famoso.
La tua vita è l’armonia in cui si fondono yin e yang. (Chuang-tzu)
L”i o” è anche l'”altro”, l'”altro” è anche l'”io”. (Chuang-tzu)
Tutte le creature portano lo yin sulle spalle e lo yang tra le braccia; il soffio vuoto ne fa una miscela armoniosa. (Lao Tzu)
“I cinesi concepivano tutto l’universo come attivato da due princìpi, yang e yin, il positivo e il negativo, e ritenevano che nessun essere, sia animato che per così dire inanimato, possa esistere se non in virtù di questo scambio incessante delle due forze, materia ed energia, yang e yin, cielo e terra, concepiti in essenza come una cosa sola, o come due poli coesistenti di un insieme indivisi bile”. (Bruce Lee)

Yin yang: mandala

Yin yang

Yin yang

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 25 aprile 2018