Tunnel per orto invernale

Tunnel per orto

Allestire i tunnel per orto è un lavoro impegnativo, ma è necessario se ci si vuole garantire una produzione invernale di ortaggi freschi (finocchio, lattuga da taglio, radicchio, ravanello, scarola…). La quantità di lavoro comunque dipende dal risultato che si vuole ottenere e dalle dimensioni del tunnel per orto.

Se si tratta di un orto domestico e non vi serve una serra invernale (che è un’altra cosa) può bastare poco. Qui trovate le indicazioni su come costruire dei mini tunnel per orto o acquistarne di già pronti da montare investendo pochi euro.

Tunnel per orto invernale: come allestirne uno

L’intelaiatura del nostro tunnel per orto è formata da sostegni ad archetto. Va benissimo l’alluminio anodizzato, ma si può ricorrere a oggetti di recupero. La lunghezza è da stabilire a seconda che si voglia coprire più aiuole o una soltanto. Più i tunnel sono alti e più sono difficili da costruire e da gestire. Stiano parlando di tunnel per riparare le file di ortaggi, non di serre!

Per la copertura utilizziamo dei teli di polietilene dello spessore di 0,15 mm. Per fissarli agli archetti usiamo delle semplici clip. È importante, affiché i tunnel per orto risultino solidi, che le estremità degli archetti siano profondamente ancorate nel terreno. Per resistere al vento, vanno interrate anche le estremità del telo plastico.

Sui lati possiamo prevedere dei sistemi di arrotolamento del telo (anche semplicemente con dello spagno e degli elastici) affinché le file di ortaggi possano essere arieggiate nelle giornate di sole a fine inverno. Tutti questi materiali si trovano abbastanza facilmente nei negozi di articoli per giardinaggio e agricoltura. Si possono anche acquistare dei kit complete di tutto il necessario, ancora più facile da trovare online e farsi spedire direttamente a casa:

Qui trovate un kit per mini tunnel (3 mt di lunghezza) a un ottimo prezzo: mini tunnel per orto

qui un altro (3 mt di lunghezza) un pò più grande per gli ortaggi più voluminosi: tunnel per orto

Pubblicato da Michele Ciceri il 10 ottobre 2015