Tunnel carpale: sintomi

tunnel carpale sintomi

Parliamo dei sintomi della sindrome del tunnel carpale. Che cos’è questa malattia, come si esegue la diagnosi e la terapia chirurgica.

Con il termine “sindrome del tunnel carpale” si fa riferimento all’infiammazione cronica della borsa tendinea dei flessori (tunnel) che comprime il nervo mediano innescando una serie di sintomi a carico degli arti superiori (dita, mani, gomito e talvolta spalla).

Sindrome del tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale è una neuropatia legata a un’alterazione del nervo mediano che passa il cosiddetto “canale carpale”.

Il nervo mediano, a livello del “canale carpale” che attraversa il polso, viene compresso e/o risulta infiammato.

Il nervo mediano governa la sensibilità di tutte le dita tranne del mignolo.

Che cos’è il tunnel carpale? 

Tunnel carpale: cos’è. Il tunnel carpale è un costituente dell’anatomia del polso. E’ composto da ossa carpali (scafoide, trapezio, piriforme, uncinato) e dal legamento traverso del carpo, il nastro fibroso che costituisce il cosiddetto “tunnel“. Questo tunnel, ospita, al suo interno, il nervo mediano che diverse strutture vascolari e tendinee.

Le cause della sindrome del tunnel carpale sono state associate a ripetuti e prolungati movimenti di flesso-estensione del polso. Questi movimenti causano un’infiammazione che riduce le dimensioni del “nastro fibroso” (il tunnel) e determinano la compressione del nervo mediano che innesca una serie di sintomi.

I movimenti usuranti che causa della sindrome del tunnel carpale sono i più svariati. Per fare qualche esempio, questa neuropatia è più frequente tra i giocatori di bowling, chi lavora al computer con un uso smodato di tastiera e mouse, chi usa il martello pneumatico, chi suona il flauto traverso e le percussioni.

Tunnel carpale: sintomi

sintomi sono a carico del pollice, indice, medio e metà dell’anulare. A carico di queste dita, può presentarsi un’alterazione della sensibilità (formicolio mani). Con l’aggravarsi dei sintomi, chi soffre di tunnel carpale può riferire fastidio al polso, al gomito e fino alla spalla.

Quando il tunnel carpale è a uno stadio avanzato, ai sintomi appena descritti si aggiunge una perdita della sensibilità del pollice e della porzione muscolare alla sua base che va incontro a ipotrofia. In altre parole, il paziente perde parte della funzionalità della mano e ha fatica ad afferrare oggetti che possono cadergli con facilità da mano.

sintomi del tunnel carpale non vanno assolutamente sottovalutati. La neuropatia potrebbe essere i frutto dell’usura legata a movimenti ma le statistiche cliniche la vedono spesso associata al diabete e all’artrite reumatoide (una malattie autoimmune). Per questo motivo, un’attenta diagnosi dovrà essere effettuata da uno specialista che dovrà valutare i sintomi nel loro insieme.

Tunnel carpale: sintomi

  • Parestesia
    alterazione della sensibilità delle prime quattro dita del corpo descritta come formicolio
  • Intorpidimento della mano
    spesso descritta come rigidità delle dita
  • Presa più debole
  • Ridotta sensibilità delle dita
  • Oggetti che sfuggono di mano
  • Dolore alle prime dita della mano
  • Dolore al polso
  • Dolore al braccio
  • Dolore al gomito
  • Dolore alla spalla

In alcuni casi il dolore si irradia seguendo parte del percorso del nervo mediano, quindi i pazienti possono lamentare dolori al gomito, al braccio, al gomito, fino alla spalla.

Tunnel carpale: diagnosi e trattamento

La diagnosi del tunnel carpale va affidata a uno specialista. In genere, gli esami diagnostici usati sono:

  • Radiografia delle mani
    Si usa per confutare la presenza di artrosi o fratture
  • Elettromiografia
    Si usa per individuare la presenza di un eventuale schiacciamento (compressione) del nervo che percorre il tunnel carpale.

Se la storia clinica del paziente dovesse presentare fattori d’interesse in grado di orientare il medico verso altre patologie, lo specialista potrebbe prescrivere altri test di laboratorio (in genere analisi del sangue). In caso di infiammazioni e di forte rigidità e altri sintomi, lo specialista potrebbe ritenere opportuno prescrivere l’analisi per il fattore reumatoide.

Molti specialisti per diagnosticare il tunnel carpale si servono di manovre cliniche quali:

  • Test o manovra di Phalen
  • Manovra o test di Tinel

Con il test di Phalen, lo specialista chiederà al paziente di porre i palmi delle mani affrontati (come a recitare una preghiera), tenendo i gomiti flessi e gli avambracci in posizione orizzontale. In caso di sindrome del tunnel carpale, nel giro di circa un minuto, dovrebbero comparire formicolii nelle prime tre dita.

Il test di Tinel si esegue esercitando una decisa pressione a livello dell’ingresso del tunnel carpale. Tale pressione è esercitata con un martelletto per i riflessi.

Nella foto in alto, con la freccia rossa, abbiamo messo in evidenza il nervo mediano che, comprimendosi, dà vita ai sintomi del tunnel carpale.

Pubblicato da Anna De Simone il 10 ottobre 2018