Stella cometa: significato e disegni

Stella cometa

Stella cometa, un modo inesatto per parlare delle comete, dal greco cométes, dal latino cometes o cometa, corpi celesti noti dall’antichità e che da quando sono state notate sono rimaste associate a concetti negativi per superstizione. Sono state considerate portatrici di sventura



Quando si parla di stella cometa, nella maggior parte dei casi, si finisce per pensare alla stella di Betlemme, va specificato che ci sono molte altre comete anche note come quella di Halley, ma soprattutto che dire “stella cometa” è scorretto o per lo meno impreciso. Per stella si intende un corpo di grandi dimensioni e a enormi distanze dal sistema solare, fissa e puntuale nel firmamento, per cometa invece si intende qualcosa di molto più piccolo e situato all’interno del sistema solare che appare mobile, nel firmamento, e per di più con forma e dimensioni non puntuali.

Stella cometa

Stella cometa: significato

Le comete, come si devono chiamare, sono corpi celesti con un’orbita intorno al Sole che viene dettata dalle leggi di Keplero. Si distinguono dai pianeti e anche dai pianetini perché hanno delle orbite diverse e anche una struttura fisica dissimile. Per quanto riguarda l’orbita, quella della stella cometa può essere ellittica, parabolica o iperbolica.

Nel primo caso, possiamo fare una ulteriore distinzione tra comete a lungo periodo di rivoluzione siderale oppure a breve periodo, il valore chiave per capire è quello di 200 anni. Nel caso di comete con orbite paraboliche e iperboliche, è necessario specificare che stiamo ancora parlando di orbite ellittiche, a voler essere precisi, ma che risultano allungate in modo anomalo dalle perturbazioni prodotte dai pianeti. Accade con Giove, ma non solo.

Stella cometa: disegni

Soprattutto per via della presenza di una stella cometa nel presepe, sotto Natale, fioccano disegni e dipinti di stelle con la coda.

Stella cometa

Stella cometa in inglese

In inglese ci parla di comet, oppure, in senso figurativo, di guiding star con un esplicito riferimento al ruolo di questa stella nel Presepe.

Stella cometa per presepe

Nel presepe ci ha la stella di Betlemme, raccontata nel Vangelo di Matteo dove guida i Magi a fare visita a Gesù appena nato. Ci sono opinioni controverse in merito alla veridicità di questa versione, tra storici cristiani e non-cristiani, e anche tra biblisti cristiani e non. E poi c’è chi come l’astrofisico dell’università di Notre Dame (Indiana), Grant Matthews vede la cometa come la stella un fenomeno del tutto eccezionale dovuto all’allineamento di pianeti.

In particolare il Sole, la Luna e Saturno si trovavano nella costellazione dell’Ariete, Venere in quella dei Pesci e Marte e Mercurio dalla parte opposta del cielo, nel Toro. In quell’epoca l’equinozio di primavera era in Ariete.  Questa coincidenza tornerebbe ad avere un valore simbolico: Giove e Luna indicano la nascita di una persona importante, Saturno simboleggia la vita e l’Ariete nell’equinozio di primavera da il via alla stagione della vita. Da questa serie di indizi i Magi avrebbero intuito ciò che stava per accadere?

Stella cometa

Stella cometa vera

Andiamo a scoprire cosa sono le comete, o meglio, di cosa sono “fatte”. Hanno un nucleo molto compatto e brillante composto da materiale di tipo meteoritico misto a gas congelati, e una chioma che lo avvolge il nucleo, una specie di coda che spunta solo se si avvicinano al Sole, in direzione opposta ad esso.

Ciò che accade è che quando una cometa passa vicino al Sole, il calore scioglie il suo rivestimento di ghiaccio, che sublima e dà luogo a una nube di gas e polvere che costituisce la chioma. Essa è luminosa per via dell’eccitazione degli atomi e delle molecole da parte della radiazione solare.

Se sentiamo associare le comete a delle cifre e dei numeri, si tratta della loro denominazione ufficiale che affianca l’anno del loro passaggio ad un numero romano che indica l’ordine di scoperta nel corso dell’anno.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 6 febbraio 2018