Soluzioni semplici per smacchiare i tessuti

Smacchiare i tessuti

Per smacchiare i tessuti si ottengono già buoni risultati con soluzioni semplici di acqua e aceto o succo di limone, sale, bicarbonato, soda, ammoniaca e sapone liquido. Sostanze di uso comune, in buona parte naturali e poco inquinanti, che possono sostituire gli smacchiatori chimici complessi e iper aggressivi.

Qui sotto trovate 5 soluzioni liquide semplici (le più semplici) per smacchiare i tessuti da utilizzare in alternativa ai prodotti chimici, ciascuna con l’indicazione delle macchie su cui sono efficaci. E ricordate che un buon prodotto per smacchiare i tessuti deve fare semplicemente due cose: sciogliere la macchia e asportarla. Prima quindi bisogna capire di che macchia si tratta.

Soluzioni per smacchiare le macchie di proteine (uovo, latticini, sangue..)

Funzionano bene: acqua e sapone; acqua e aceto; una pastella morbida di amido e acqua. Le prime due soluzioni sono indicate per tutti i tessuti e si usano strofinando leggermente la macchia per poi sciacquare con acqua pura (dopo aver lasciato agire qualche minuto). La soluzione amido+acqua è indicata soprattutto per lana a e delicati: spennellate la macchia, lasciate agire e spazzolate via. Una cosa da ricordare con le macchie di questo tipo è di usare acqua fredda o tiepida (mai calda), altrimenti la proteina coagula e diventa ancora più difficile da rimuovere.

Soluzioni per smacchiare le macchie di grasso (burro, olio, margarina…)

Funzionano: acqua e sapone; acqua e ammoniaca; alcol; glicerina. Le prime tre sono indicate per tutti i tessuti (applicare, lasciare agire e sciacquare via), la glicerina è preferibile per i capi delicate. Un aiuto in più contro queste macchie consiste nell’applicare una sostanza che assorba il più possibile il grasso: amido, talco, sepiolite o farina vanno bene, da spazzolare via prima di agire con lo smacchiatore.

Soluzioni per smacchiare le macchie di amidi (cacao, impasti, budino, patate..)

Usate: acqua e sapone; acqua e soda; acqua e bicarbonato. Vanno bene su tutti i tipi di tessuti (tamponare, strofinare, lasciare agire e sciacquare). Prima di intervenire con lo smacchiatore raschiate via gli eventuali residui solidi con un cucchiaio o la lama non affilata di un coltello.

Soluzioni per smacchiare le macchie di coloranti sintetici (pennarelli, inchiostro, vernice…)

Qui la cosa si fa dura e ottenere buoni risultati con soluzioni semplici non è facile. Meglio puntare su un sapone smacchiatore fatto in casa che potrete preparare mescolando questi ingredienti: 65 gr. di alcol, 200 gr. di sapone di Marsiglia grattugiato, 15 gr. di trementina, 3 tuorli d’uovo e argilla Bianca quanto basta per fare una pasta densa. Come al solito: applicare, lasciare agire e sciacquare. Se la macchia è causata da colori solubili in olio si può usare la trementina, con gli acrilici una miscela di alcol e ammoniaca.

Soluzioni per smacchiare le macchie di coloranti naturali (vino rosso, erba, frutta, verdure, muffa, miele…)

In questo caso è più facile e si possono usare: il sapone smacchiatore fatto in casa descritto sopra; aceto caldo diluito in acqua con un po’ di sale; yogurt o latte. Il sapone per tutti i tessuti, le altre soluzioni per i delicati. Latte o yogurt vanno distribuiti sulla macchia e lasciati agire più ore. Con queste macchie la prima cosa da fare è sfruttare l’azione scolorante naturale dell’ossigeno applicando acqua minerale gassata, sale o succo di limone. Poi fate asciugare al sole.

Pubblicato da Michele Ciceri il 28 luglio 2015