Serra solare: normativa e calcolo

Serra solare

Serra solare, un dispositivo che fa parte dei sistemi solari passivi e di cui si va a misurare e ad apprezzare, il guadagno energetico che si riesce a ricavare durante la stagione invernale. Una serra solare vera per funzionare non richiede elementi impiantistici, tutti i suoi vantaggi sono dovuti alla sua conformazione, alle sue caratteristiche architettoniche e ai materiali di cui è composta.



E’ importante non confondere questa serra con quelle che diventano un nuovo locale aggiuntivo per la casa, uno spazio in cui le persone “abitano” o “lavorano”. Non è corretto pensare “mi faccio una serra solare” per avere modo di aggiungere una stanza per gli ospiti o uno studio dove passare le giornate leggendo e scrivendo.

Serra solare: cosa è

La serra solare è un modo per risparmiare energia, un dispositivo che nel campo dell’edilizia viene spesso impiegato in modo virtuoso sia quando va ad aggiungersi ad una costruzione preesistente, sia quando si inserisce in una casa ancora in fieri, già nel progetto iniziale.

Ci sono anche delle serre solari che sono state inserite durante interventi di recupero edilizio, chiudendo balconi, terrazze, logge, altane e altre simili strutture. L’importante è che questa serra sia costituita da ampie superfici vetrate perché proprio questi elementi consentono ai raggi solari di penetrare all’interno del volume facendo aumentare sia il calore che la luce.

Di norma la serra solare viene usata per ridurre i consumi, quelli legati al riscaldamento e alla luce elettrica, a volte anche il consumo di metano può essere abbattuto in questo modo perché il calore ricavato dal sole con la serra riesce ad essere sfruttato in impianti di cottura a induzione. Non accade sempre ma è una opzione interessante.

Serra solare

Serra solare: normativa

Non si può improvvisare la costruzione di una serra solare senza prima aver verificato che essa rispetti il Regolamento Urbanistico che ne determina altezze, distanze dai confini e dai fabbricati e altri parametri che variano anche da Comune a Comune.

A livello nazionale i riferimenti normativi in tema di governo del territorio e di edilizia sostenibile, sono le Leggi Regionali e i Regolamenti Edilizi ed Urbanistici locali quindi può capitare che una serra solare fatto nell’uno o nell’altro paesino, sia approvata e rifiutata.

Ci sono dei requisiti che sono richiesti ovunque e che rendono la serra solare unica e vantaggiosa. Per quanto riguarda il guadagno energetico durante la stagione invernale, il disavanzo positivo deve essere in genere almeno del 20% rispetto alla soluzione senza serra solare (con notevoli differenze tra Comune e Comune). In pratica la nostra serra deve produrre un guadagno energetico al pari di una macchina a carburanti.

Queste rigide regole ci sono anche perché un intervento come l’inserimento di una serra solare è oggi tutelato da leggi comunitarie, nazionali e regionali, gli Enti Locali hanno l’obbligo di controllare che tutti i requisiti siano rispettati e che ci sia un effettivo risparmio energetico e non solo la volontà di ampliare la casa in cui si vive.

Serra solare: permessi

Non tutte le serre sono serre solari, ci sono quelle che non sono captanti. Vediamo cosa significa essere una serra solare. E’ necessario essere rivolta a sud quando le superfici opache vengono illuminate un tempo sufficiente per fare in modo che in una giornata, la serra riceva calore a sufficienza da riscaldare gli ambienti interni. Una caratteristica essenziale perché alla base del risparmio energetico a cui una serra di quelle solari deve apportare un risparmio energetico reale.

I raggi del sole, in una serra solare vera, devono poter penetrare davvero in modo da infondere nel volume racchiuso in essa, sia luce, sia calore, in quantità significative.

Queste precisazioni, che a livello tecnico sono poi accompagnate da numeri e leggi, fanno in modo che i furbetti non costruiscano una veranda “normale” cercando di usufruire dei vantaggi che si hanno per le serre solari. Nulla contro le verande, lecito è costruirle, ma sono un diverso intervento edilizio: non sfruttano a sufficienza l’irradiazione del sole, a volte perché il piano è basso oppure per via di un differente orientamento.

Ci sono casi sfortunati in cui l’orientamento è perfetto ma la casa del vicino ci fa ombra e non possiamo realizzare una serra solare. La veranda, al contrario della serra, va ad incidere sulla cubatura della nostra casa.

Serra solare: calcolo

Quando si realizzano delle serre solari, è essenziale sapere che sono delle strutture da escludere dal computo urbanistico, quindi non vengono considerati un volume aggiuntivo da calcolare ma al pari di locali tecnici. Questo non è l’unico vantaggio delle serre solari che godono di vantaggi anche a livello urbanistico.

E’ importante però, sempre a proposito di calcoli, che il rapporto tra superficie vetrata e superficie totale sia almeno il 70% e se vi sembra troppo, pensate che ci sono delle amministrazioni locali che chiedono di raggiungere il 100%;

Altro numero importante per una serra solare è quello che misura il volume lordo, mai deve superare il 10% del volume riscaldato dell’edificio. Anche in questo caso di Comune in Comune possono esserci delle variazioni fino ad arrivare ad una percentuale incentivante ammessa del 20%.

Serra solare

Serra solare: costo al mq 

Quanto costa una serra solare al mq è difficile da valutare senza conoscere le caratteristiche della serra, quelle al contorno e anche la localizzazione. Di Regione in Regione i prezzi cambiano anche perché in alcune zone se ne costruiscono molte, in altre esse costituiscono una novità.

Per iniziare a giocare con la luce del sole e capirne gli effetti e i comportamenti, si può acquistare su Amazon un kit scientifico per costruirne una in miniatura. A 15 euro si ottiene tutto ciò che serve per una serra a tutti gli effetti solare, trasparente, con tanto di torba e semi, per farvi crescere un piccolo orto che dimostra quanto può accadere se si sfrutta al meglio la radiazione del sole.

Serra solare

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 17 novembre 2017