Scoiattolo volante giapponese

Scoiattolo volante

Scoiattolo volante, che non decolla ma quasi, e ne esistono varie specie anche se il più noto è quello del Giappone, presente in grande quantità in questa terra e quindi non considerato per ora a rischio di estinzione. Possiamo incontrare di persona il scoiattolo volante nelle foreste sempreverdi boreali, anche, dove costruisce nidi con muschi e licheni, posizionandosi dove i rami si congiungono. Fra gli alberi predilige pino o peccio.



Scoiattolo volante giapponese

Il suo nome scientifico è Pteromys momonga Temminck ed è una specie endemica del Giappone, misura tra i 12 e i 23 cm ma si deve aggiungere a questa lunghezza, quella della coda che può essere anche di 10-12 cm. Non è noto quanto pesi uno scoiattolo volante giapponese, valutiamo che deve “volare” quindi non sarà certo massiccio e in generale non ci sono grandi differenze tra esemplari femmina.

Il mantello di questo animale può essere grigio argentato ma anche di un colore più “spento”, sul dorso, mentre sul ventre il pelo è più chiaro, tendente al bianco, tutte tinte che gli permettono di mimetizzarsi con la corteccia degli alberi delle foreste in cui vive. Il patagio arriva fino alle caviglie, dai polsi, ma le due zampe posteriori non risultano connesse e nemmeno la coda.

Scoiattolo volante

Scoiattolo volante siberiano

Se il giapponese sta “confinato sulle isole di Honshu, Shikoku e Kyushu, un altro scoiattolo volante, il siberiano, si è installato in Hokkaido, lo possiamo anche sentire chiamato dai più esperti Pteromys volans. La sua taglia è ridotta rispetto a quella dei cugini volanti, ha un corpo che richiama la struttura dello scoiattolo rosso eurasiatico, con il corpo lungo circa come quello del giapponese, o poco meno, ma con una cosa di 9-14 cm.

Il peso dello scoiattolo volante siberiano è stimato attorno ai 100-150 grammi, ma può anche arrivare ai 170 grammi. La sua testa si mostra piccola e tondeggiante, come anche le orecchie, mentre ad attirare l’attenzione sono senza dubbio gli occhi: grandi e neri, e particolarmente tondi. Sono importanti non solo dal punto di vista estetico perché permettono all’animale di vedere di notte.

Corte e tozze le zampe non sono da atleta ma molto agili, tutti e 4 i piedini hanno unghie particolarmente robuste e rispetto al giapponese, il siberiano non ha la membrana alare che unisce le zampe anteriori alla base della coda.

Il colore del mantello è grigio argento oppure grigio cenere, ma ventre, collo e faccia interna degli arti sono bianchi, la coda può assumere varie sfumature, anche tendenti al rossiccio, e poi ci sono dei piccoli baffi, lunghi 6 cm massimo, e sempre sempre neri.

Scoiattolo volante domestico

Lo scoiattolo volante domestico non è molto domestico. Non solo per il fatto che ama vivere nelle foreste e stare sugli alberi o nel verde, ma anche perché è particolarmente attivo di notte. Quindi lasciamolo trascorrere come desidera, molto tempo sugli alberi, evitando anche che ci disturbi il sonno.

Nella foresta può trovare anche di che nutrirsi: noci, pinoli, gemme e corteccia, ma anche frutta e un po’ di insetti di piccola taglia. Quando nascono soni nudi e non indipendenti, la madre se ne deve occupare per circa sei settimane per poi svezzarli mentre il maschio se ne frega fin da subito.

Scoiattolo volante asiatico

Il termine “asiatico” è molto generale, sta ad indicare il gruppo di scoiattoli volanti in cui si distinguono varie specie. Sono tutti mammiferi ma appartengono a diversi raggruppamenti tassonomici e sono caratterizzati dalla presenza di questa membrana che li rende, appunto, simili a dei super eroi con il mantello. Quando viene spiegata, consente il volo librato o planato.

Scoiattolo volante: prezzo

Non essendo un animale adatto alla vita domestica, è piuttosto inutile conoscere il prezzo dello scoiattolo volante, se mai fosse in vendita. Meglio accontentarsi e divertirsi con un pigiama intero da uomo da scoiattolo volante, a 48 euro su Amazon, e ammirare le foto di quello vero lasciandolo vivere dove vuole.

Scoiattolo volante foto

Scoiattolo volante

Scoiattolo volante

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 21 maggio 2017