La raccolta dei mirtilli

Raccolta dei mirtilli

La raccolta dei mirtilli è sempre una festa. Il periodo giusto è in estate, giugno-agosto, per i mirtilli neri. In autunno per i mirtilli rossi o cranberry.

Da noi in Italia è più diffuso il mirtillo nero, detto anche mirtillo americano, che cresce spontaneo nelle regioni del nord a mezza montagna. Lo si può anche coltivare e ogni pianta arriva a produrre fino a 1,5 chilogrammi di mirtilli.

La maturazione è a scalare dalla tarda primavera ad agosto e la raccolta dei mirtilli dipende sempre dalle varietà coltivate. La regola dei mirtilli è che non bisogna avere fretta, ma neanche perdere l’attimo: i frutti vanno raccolti sono quando la bacca è completamente colorata, senza però lasciarli a lungo maturi sulla pianta perché appassiscono e cadono.

Un’altra regola che si impara alla prima raccolta è quella di maneggiarli il meno possibile. I mirtilli maturi sono sodi, ma è facile schiacciarli con le dita o rovinarli nel cestino quando se ne prendono troppi.  Molto meglio raccogliere le sole bacche pronte e rendere più frequenti le raccolte, almeno ogni tre giorni per i mirtilli coltivati nel periodo centrale della maturazione.

Fatta la raccolta dei mirtilli si pone il problema della loro conservazione. Fuori dal frigorifero i mirtilli non intaccati resistono bene al marciume fino a 4-5 giorni, però avvizziscono rapidamente e la superficie delle belle sfere lisce si increspa. Il sapore resta buono ma le bacche diventano meno adatte ad alcune preparazioni, per esempio accompagnare le creme dolci e i gelati o per realizzare deliziose marmellate.

Basta un frigorifero per conservare i mirtilli fino all’autunno inoltrato. Niente freezer e congelamento, è sufficiente la temperatura costante di 2-3 °C che di solito si raggiunge in quasi tutti i frigo nella parte bassa degli scomparti. Con il congelamento la scadenza si sposta anche più avanti e raggiunge l’anno con i mirtilli surgelati. Ricordate però che congelare e surgelare sono due cose diverse e la surgelazione non è un processo fattibile in casa.

I mirtilli, assieme al ribes, ai lamponi e alle more di gelso, sono considerati un ‘superfood’ con proprietà dietetiche e curative il cui consumo è considerato importante per la difesa della salute.

Se vuoi piantare un mirtillo in vaso prova con questi:

Mirtillo gigante tardivo

Mirtillo gigante precoce

Pubblicato da Michele Ciceri il 9 giugno 2015