Come proteggere gli animali dal caldo

proteggere gli animali dal caldo

Ci si chiede come proteggere gli animali dal caldo quando fa già caldo e non si è pronti per provvedere nella giusta maniera, attrezzati e informati. Prima quindi di andare in allarme nel bel mezzo della torrida estate, impariamo una volta per tutte qualche semplice strategia per proteggere gli animali dal caldo senza per forza trasferirci con loro in una baita di montagna. Ben venga, se possiamo, ma non è la soluzione più pratica ed economica che esista.



Da proteggere dal caldo ci sono i cani e i gatti ma anche i conigli e le cavie, e tanti animale domestico che non sempre hanno le capacità innate di adattarsi e sopportare alte temperature. Alcuni, poi, possono anche essere soggetti alle scottature solari ed è quindi consigliato di applicare della crema solare ad alta protezione, sulle estremità bianche e sulle punte delle orecchie prima di farli uscire.

Come proteggere gli animali dal caldo: cani

I cani soffrono il caldo, è cosa nota, e sono note anche le cose da non fare per proteggerli da inutili fastidi. Iniziamo con una raccomandazione banale ma che non tutti vogliono ascoltare. Quella di non abbandonare mai un animale dentro l’auto, basta pensare alla temperatura interna dell’abitacolo, anche con i finestrini aperti, per ricordarci quanto potrebbe patirne. C’è anche il rischio di causarne la morte.

Presi dall’o una corsa al parco, ricordiamoci anche che non è il caso di costringere i cani a sforzi eccessivi: evitiamo pasentusiasmo di fare una gita seggiate nelle ore più calde e portiamo sempre con noi una bottiglietta di acqua e una ciotola.

Per proteggere gli animali dal caldo c’è anche un utile e pratico “soffiatore di aria calda” acquistabile anche on line.

proteggere gli animali dal caldo

Come proteggere gli animali dal caldo: gatti

Come i cani, anche i gatti non hanno la capacità di “sudare” come facciamo noi umani, per cui per abbassare la loro temperatura corporea respirano in modo più frenetico. Per aiutarli, facciamo in modo che possano sempre sostare in un luogo ombreggiato e ventilato avendo a disposizione acqua fresca.

Per proteggere i gatti dal caldo alimentiamoli con cibo leggero e digerire facilmente. Se ci accorgiamo che la pelle scotta, che barcollano o sono in affanno, anche se in un primo momento potrebbero non gradire, bagniamoli delicatamente con acqua fresca in modo da abbassare la loro temperatura. Possiamo utilizzare anche i contenitori quadrati che contengono acqua ghiacciata dei frigoriferi portatili, avvolti in un tessuto.

proteggere gli animali dal caldo

Come proteggere gli animali dal caldo in casa

Anche se non escono, non da soli, mettendosi al sole, i pesciolini sono animali da proteggere dal caldo tanto quanto quelli precedentemente elencati. Ricordiamoci quindi di fare in modo che la loro vasca, o l’acquario, non risulti mai esposto in modo diretto al sole. Ciò chi causerebbe solo inutili sofferenze. Anche cambiare più spesso l’acqua è importante, quando ci sono temperature elevate.

Passando a come proteggere gli animali dal caldo nel caso di canarini e criceti, le precauzioni sono simili. Non mettiamo la loro gabbia al sole diretto e nemmeno sul balcone, meglio un luogo in casa, fresco, arieggiato e ombreggiato.

proteggere gli animali dal caldo

Come proteggere gli animali dal caldo in giardino

In giardino, oltre a stare attenti alle zone di sole, è necessario prendere precauzioni anche per evitare che i parassiti attacchino i nostri animali. Soprattutto cani e gatti. Muniamoci di un antiparassitario, cercandone uno di qualità ma anche adatto alla specie e alla taglia, ricordandoci che alcuni prodotti per cani possono essere letali per i gatti.

Anche conigli e cavie possono essere presi di mira dagli attacchi dei parassiti, meglio quindi fare attenzione in estate e ispezionare attentamente ogni giorno l’animale per verificare l’eventuale presenza di uova di mosche sul pelo.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 6 aprile 2017