Pompa di calore Acqua acqua

pompa di calore acqua acqua

Come funziona una pompa di calore acqua acqua e confronto con la più comune pompa di calore aria acqua. Installazione, costi, vantaggi e svantaggi.

La pompa di calore acqua-acqua ricava il calore utile dall’acqua di falda che, anche in pieno inverno, mantiene una temperatura media intorno ai 10 – 15 °C.

Nella pompa di calore acqua acqua, si utilizza l’acqua sia come fonte di calore che come fluido di lavoro all’interno dell’impianto.

Nelle più comuni pompe di calore acqua aria, la fonte termica è l’aria. L’acqua, al contrario dell’acqua, può avere temperature molto variabili così, la pompa di calore di tipo acqua – aria risulta quella meno efficiente.

Acqua di falda, fiume, lago o mare

Le pompe di calore acqua-acqua possono ricavare il calore utile da qualsiasi sorgente acquosa.

Nei casi più comuni, si chiede il permesso al comune per potersi agganciare alla falda acquifera della zona. Nonostante questo luogo comune, è altrettanto possibile ricavare il calore utile dall’acqua di superficie come quella di fiumi, laghi o addirittura del mare.

pompa di calore acuqa acqua

La pompa di calore acqua – acqua falda acquifera vede una fonte con temperature che si attestano, generalmente, intorno ai 12 – 15 °C. In prativa la temperatura è costante e non vi sono molti rischi da considerare. Quando si valuta l’acqua superficiale come sorgente di calore, invece, bisogna considerare diversi rischi.

Anche se la “pompa di calore acqua-acqua superficiale presenta un’elevata efficienza, le acque salmastre possono provocare corrosione, mentre per quanto riguarda una pompa di calore che sfrutta l’acqua di un fiume, bisogna tenere conto della variabilità della portata e della presenza di contaminanti. Anche la stessa acqua di falda deve rispettare precisi standard qualitativi, pena l’inefficienza della produzione di calore. Per questi rischi, l’installazione di una pompa di calore acqua-acqua è consigliata solo in quelle zone dove la sorgente del calore (fiume, lago o falda che sia) sia stabile e affidabile.

Pompa di calore acqua acqua di falda

Quando si decide di comprare una pompa di calore acqua-acqua, bisogna fare le dovute considerazioni circa la progettazione e la realizzazione del pozzo. Si parla di pozzo di estrazione e pozzo di iniezione. Come premesso, è bene documentarsi e fare le dovute ricerche sulla qualità dell’acqua che si usa come sorgente di calore.

L’acqua di falda sfruttata come fonte di calore, non deve contenere sostanze in grado di formare depositi, inoltre, particelle dalle dimensioni superiori a 1 mm possono facilmente causare dei danni.

Per ovviare al problema delle impurità, è consigliato installare un filtro supplementare a quello in dotazione con la stessa pompa di calore. L’aggiunta di un ulteriore filtro, è una soluzione economica anche per prevenire danni all’evaporatore; nelle acque di falda potrebbero essere presenti sostanze colloidali in grado di intorpidire l’acqua, ricoprire l’evaporatore della pompa di calore e ostacolare la trasmissione di calore.

Pozzo di supporto con acqua glicolata

Quando non è possibile accedere a una falda acquifera con qualità comprovata, la pompa di calore acqua-acqua dovrà essere affiancata da un circuito secondario riempito di acqua glicolata. in questo contesto si parla di pompa di calore acqua glicolata/acqua.

Pompa di calore acqua-acqua, il pozzo di estrazione e di iniezione

L’acqua di falda usata come sorgente di calore per la pompa acqua-acqua dovrà essere prelevata dal terreno mediante un pozzo di estrazione e reintrodotto nello stesso terreno mediante un pozzo di iniezione.

Il pozzo di estrazione deve garantire un prelievo costante per il flusso minimo dell’acqua nella pompa di calore.

Il pozzo di iniezione deve essere perforato a 8 – 15 metri, nella direzione del flusso dell’acqua di falda che restituisce l’acqua prelevata dal flusso di estrazione, quindi deve poter garantire l’assorbimento della medesima quantità di acqua prelevata con il pozzo di estrazione.

Pompa di calore acqua acqua, vantaggi e svantaggi

Da quanto detto, è facile capire quali siano gli svantaggi dell’installazione di una pompa di calore acqua acqua:

  • Alti costi di installazione
  • Opere di installazione invasiva
  • Presenza di permessi da richiedere al comune
  • Poco idonea per zone con falde incerte

Tra i vari tipi di pompa di calore, quella acqua – acqua consente di fare completamente a meno della caldaia a gas. Questo è indubbiamente uno dei suoi vantaggi. Tra gli altri vantaggi della pompa di calore acqua acqua segnaliamo una resa costante che non si lascia influenzare dalle condizioni atmosferiche così come avviene con la pompa di calore acqua-aria.

Gli svantaggi economici possono essere tamponati con la presenza di incentivi come il conto termico e il bonus ristrutturazione. Se l’acquisto e l’installazione di una pompa di calore avviene in concomitanza con i lavori di ristrutturazione di un edificio, è possibile avvalersi di detrazioni fiscali in grado di coprire fino al 65% della spesa.

Il costo di una pompa di calore acqua acqua varia molto in base alle necessità di installazione. Non sempre, infatti, i lavori di trivellazione sono simili. I lavori possono essere più o meno invasivi per raggiungere la quota alla quale si trova la falda.

Foto di apertura: schema di funzionamento di una pompa di calore acqua-acqua da ecowatch.com

Pubblicato da Anna De Simone il 31 agosto 2017