Phlox, coltivazione e cure

phlox pianta

Phlox, coltivazione e cure. Le caratteristiche della pianta e della specie phlox paniculata. Varietà disponibili, foto e istruzioni su come coltivare i phlox.

Il genere Phlox è costituito da circa sessanta specie di piante erbacee (anche tappezzanti), annuali e perenni. Non mancano specie rustiche e semi rustiche.

Il genere Phlox appartiene alla famiglia delle Polemoniaceae. Tra le specie di Phlox più apprezzate vi è indubbiamente la phlox paniculata.

Phlox Paniculata

La pianta raggiunge un’altezza massima di 100 cm. Si può coltivare da nord al sud (è resistente al freddo e al caldo) e offre abbondanti fioriture. La fioritura del Phlox Paniculata va da fine giugno fino a settembre.

Ne esistono più di 100 varietà con fiori dalle forme e dai colori più svariati. Non mancano phlox a fiori screziati, fiori doppi, fiori singoli o più tipicamente raccolti in infiorescenze ovali. Per le sue abbondanti fioriture (e anche per la forma dei suoi fiori coloratissimi), la pianta phlox paniculata può essere considerata un’ottima alternativa all’ortensia. Nelle foto presenti in questa pagina, si vedono diverse varietà di phlox paniculata.

Le foglie sono tipicamente lanceolate, lunghe 4-5 cm. In genere le foglie sono verdi ma non mancano varietà con foglie ornamentali variegate di bianco crema.

plox paniculata

Le infiorescenze del phlox, per la loro forma, ricordano quelle delle ortensie. In alcune varietà, le infiorescenze riescono a raggiungere una lunghezza di oltre 20 cm.

Come coltivare phlox

Non si tratta di piante grandi, così si possono adattare anche nei giardini più piccoli. E’ possibile coltivare più varietà così da ottenere degli angoli di giardino variopinti.  Si possono coltivare anche varietà a fioritura tardiva e a fioritura precoce, così da ottenere una produzione di fiori scalare.

phlox non necessitano di particolari cure. Basta fornirgli il terreno adeguato e la giusta esposizione per avere, estate dopo estate, abbondanti fioriture colorate.

Il terreno dovrà essere ben lavorato e, sul fondo, converrà interrare dello stallatico ben maturo così da garantire alla coltivazione una buona fonte di azoto organico e elementi nutritivi. In alternativa, è possibile usare terricci ricchi di compost.

Dove e quando piantare i phlox

Se il periodo della fioritura va da fine giugno a inizio settembre, il periodo buono per la messa a dimora dei phlox cade in autunno.

Queste piante perenni preferiscono posizioni molto luminose anche se, per far durare più a lungo i fiori, sarebbe meglio posizionarle in zone parzialmente ombreggiate.

Come piantare i phlox? Interrando le radici fino al colletto e mantenendo una distanza tra le piante di 40 cm.

Phlox, coltivazione e cura

Phlox paniculata sono molto resistenti al freddo, quindi al contrario delle ortensie, non hanno bisogno di alcuna protezione neanche per chi coltiva a nord. In inverno non necessitano nessuna cura. Le prime attenzioni dovranno arrivare in primavera: è in questo periodo che sarebbe meglio somministrare una prima concimazione.

A partire dal mese di maggio, ogni 15 giorni, somministrate un prodotto ternario a elevato titolo di potassio. In alternativa, potete somministrare un concime a lenta cessione da spargere alla base delle singole piantine fin dal mese di aprile. Usate concimi granulari alle dosi minime. Se non indicato sulla confezione, somministrate un cucchiaio da cucina di concime per ogni pianta.

 

fiori di phlox

Durante l’estate, la pianta ha bisogno di molta acqua. Un deficit idrico potrebbe impedire o minimizzare la fioritura. Per stimolare la fioritura, togliete sempre le infiorescenze appassite cosicché la pianta possa emettere nuovi germogli. Attenti però! Questa pratica evitatela nei primi anni di coltivazione perché quando il phlox si irrobustisce e matura, riesce a fornire fioriture più abbondanti.

Phlox, malattie

Le varietà rustiche sono le più resistenti, tuttavia, alcune varietà possono essere vulnerabili alle malattie fungine soprattutto al mal bianco. Se in giardino avete già avuto problemi di mal bianco, meglio effettuare trattamenti preventivi sul phlox con prodotti a base di rame.

Per la prevenzione delle malattie, favorite la circolazione dell’aria e intervenite con prodotti come l’antimicotico verderame.

Pubblicato da Anna De Simone il 7 settembre 2017