Olio bianco, tutte le info

Olio bianco

L’olio bianco è un composto chimico molto usato in diversi settori, nonostante la sua tossicità è impiegato in agricoltura, in veterinaria, in elettronica e… in cosmetica. Questo ingrediente, infatti, lo ritroviamo anche negli oli emollienti per neonati e bambini.

I termini olio bianco olio minerale sono sinonimi. In entrambi i casi si tratta di una miscela oleosa ricavata dal petrolio.

Nota bene: l’olio bianco non va confuso con il petrolio bianco anche se in entrambi i casi si tratta di miscele di idrocarburi ottenute per distillazione del petrolio greggio. Allora come distinguerli? Ogni confezione presenta la sua etichetta… ma in ogni caso, l’olio bianco, a differenza del petrolio bianco, è inodore!

Olio bianco: composizione

L’olio bianco è una miscela costituita per la maggior parte da alcani a catena lunga (contenenti circa 15-40 atomi di carbonio) derivati dal petrolio.

L’olio minerale è trasparente, incolore e inodore. Da un punto di vista chimico è composto principalmente da alcani e in misura minore da cicloalcani. Presenta una densità di circa 0,8g/cm3.

In base al suo impiego, l’olio bianco può presentare una composizione differente, ne è un esempio l’aggiunta di composti volatili profumati quando destinato a uso cosmetico.

L’olio bianco o olio minerale, è prodotto per distillazione frazionata del petrolio greggio.

Olio bianco: tossicità per l’uomo

L’OMS, organizzazione mondiale della sanità, classifica gli oli minerali non trattati o solo lievemente trattanti nel Gruppo 1 degli agenti cancerogeni per l’uomo. Significa che sono considerati cancerogeni per l’uomo. A causa della pericolosità per la salute umana, sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, vi sono delle normative molto rigide legate ai tempi di esposizione all’olio bianco da parte degli addetti ai lavori che si occupano della sua produzione.

Olio bianco: tossicità per parassiti e piante

L’olio bianco esercita un’azione tossica sia sulle piante (fitotossico) che sui suoi parassiti.

La tossicità per le piante (fitossicità) è una conseguenza della penetrazione del liquido oleoso per capillarità all’interno dei tessuti vegetali. Per questo motivo si consiglia di eseguire trattamenti con moderazione e a intervalli di tempo consistenti.

L’azione insetticida (tossicità sui parassiti delle piante) è legata alla densità del liquido: l’olio bianco provoca l’occlusione degli spiracoli tracheali degli insetti con conseguente morte per asfissia.

Per abbassare la tossicità sulle piante, la composizione dell’olio bianco a uso agricolo è sbilanciata a favore delle paraffine (idrocarburi alifatici ad alto peso molecolare o alcani). L’olio bianco per uso agricolo, per non essere tossico sulle piante, subisce un ulteriore processo di raffinazione dolo la distillazione.

Olio bianco insetticida: dove comprarlo

L’olio bianco è facile da trovare in commercio. Puoi rivolgerti a un consorzio agrario, presso un garden center o vivaio ben fornito. In alternativa puoi sfruttare la compravendita online.  Su Amazon, l’olio minerale più apprezzato è quello prodotto dalla Bayer, ammesso in agricoltura biologica e non fitotossico: l’olio bianco in questione ha subito un ulteriore trattamento per eliminare i composti  ad alto peso molecolare (fitotossici). In questo modo è possibile eseguire più trattamenti anche a stretto giro.

L’olio bianco in questione si compra su Amazon al prezzo di 11,80 euro con spese di spedizione comprese nel prezzo. Per tutte le informazioni ti rimando alla pagina ufficiale: Oliocin Bayer.

Olio bianco fatto in casa

Se cerchi un’alternativa ecologica, sappi che puoi preparare in casa una versione fai da te dell’olio minerale. L’olio bianco fatto in casa si prepara a partire da olio di mais, olio di soia o altri oli vegetali arricchiti con del detergente. In questo caso, l’uso deve avvenire a intervalli di tempo elevati.

Questo insetticida biologico fai da te si prepara mescolando 400 ml di olio vegetale e 100 ml di sapone di Marsiglia.

Olio bianco negli alimenti

Per fortuna l’uso dell’olio minerale negli alimenti non è stato approvato nell’Unione Europea, ma fuori dai confini europei è usato occasionalmente nell’industria alimentare. E’ usato soprattutto per la preparazione di dolciumi e indicato in etichetta come “E905a”.

A causa delle sue proprietà idrorepellenti, è spesso usato per il trattamento dei taglieri da cucina in legno.

Olio bianco nei cosmetici

Lo stesso olio per bambini è spesso prodotto a partire da olio minerale profumato. L’olio bianco lo ritroviamo anche nei prodotti di bellezza. In particolare, tra gli ingredienti lo si trova annoverato come:

  • Paraffinum Liquidum
  • Paraffinum subliquidum

E’ un ingrediente ubiquitario, l’olio minerale più raffinato non ostruisce i pori.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 ottobre 2018