Massaggio Shiatsu: cos’è e benefici

massaggio shiatsu

Si chiama shiatsu (指 圧) ed è una tecnica giapponese che fonda le sue radici nella medicina orientale cinese. La pratica originaria è detta “tui na” ed è giunta in Giappone nel periodo Nara (710-793). E’ chiaro che il massaggio Shiatsu conta su secoli e secoli di pratica anche se il primo vero centro Shiatsu è nato negli anni ’40 a opera di Tokukiro Namikoshi, considerato come il padre del massaggio Shiatsu moderno. 

Una piccola curiosità: all’alba dei tempi, in Giappone, il massaggio Shiatsu era praticato esclusivamente dai ciechi che, a scapito del senso della vista, riuscivano a potenziare le capacità tattili. Ancora oggi, la comunità non vedente nipponica continua a lavorare come professionista del massaggio shiatsu.

Massaggio Shiatsu: cos’è

Scritta erroneamente shatsu o shatzu, la parola Shiatsu è giapponese e significa letteramente “pressione delle dita”. Non è ammesso l’uso di macchinari o strumenti meccanici.

Il massaggio Shiatsu si pratica applicando pressione non solo con le dita delle mani, ma anche con quelle dei piedi, con i palmi delle mani e con i pollici. Si tratta di una manipolazione mobilitazione atta a correggere problemi muscolari o strutturali, oppure a promuovere una buona salute muscolo-scheletrica.

Per le sue caratteristiche, lo shiatsu può includere tecniche di stretching. La diagnosi viene fatta da un esperto con palpazioni mirate e, talvolta, l’esame del polso.

Massaggio shiatsu: si fa vestiti?

La seduta si può svolgere:

  • sdraiati a terra su un tappetino o su un futon
  • sdraiati su un lettino
  • seduti

Durante la seduta, l’esperto potrebbe chiederti di cambiare più volte posizione, in base alle zone d’intervento e ai sintomi da trattare.

Al contrario di altri massaggi, l’utente si può sottoporre a una seduta di massaggio shiatsu senza la necessità di spogliarsi, quindi vestito.

Il massaggio shiatsu fa male?

La risposta è molto seggettiva, dipende molto dalla situazione di partenze dell’utente che si sottopone al massaggio. Se hai dubbi che il massaggio shiatsu possa essere doloroso, chiedi di intervenire con pressioni più delicate, lente e ripetute. I massaggi shiatsu, così somministrati, coadiuvano il rilassamento muscolare e, al contempo, migliorano la situazione articolare, linfatica e circolatoria.

Quanto dura una seduta?

La durata e il costo vengono concordati con il professionista prima dell’inizio della seduta. In genere, una seduta completa dura dai 40 ai 60 minuti.

Benefici dello shiatsu

Non ci sono prove scientifiche che possano far emergere i benefici dello shiatsu come trattamento medico specifico. Tuttavia, la tecnica dello Shiatsu è approvata dal Ministero della Sanità giapponese.

Nel 2015, il Dipartimento della sanità australiano ha pubblicato una ricerca che vagliava i possibili benefici di diversi trattamenti alternativi, il massaggio shiatsu è stato annoverato tra le 17 terapie che non riportavano una comprovata efficacia.

Nota bene: le ricerche mediche si focalizzano sulla cura o la prevenzione di determinate patologie ma non sull’alleviare i sintomi. Infatti il massaggio shiatsu non dovrebbe essere visto come uno strumento per “curare” patologie ma una tecnica per alleviare determinati sintomi.

Se lo shiatsu non cura alcuna malattia, può essere però utile nel trattamento di molti sintomi quali:

  • Contratture da stress e nervosismo
  • Contratture da vita sedentaria o postura sbagliata
  • Per alleviare muscoli e articolazioni indolenziti
  • Per alleviare tensioni muscolari e rilassare i muscoli
  • Per alleviare dolori della zona cervicale
  • Per alleviare il mal di testa soprattutto quando generato da tensioni muscolari o se di origine nervosa
  • Per coadiuvare il rilassamento e contrastare problemi di insonnia
  • Difficoltà digestive legate alla sfera emotiva (gastriti nervosi, digestione lenta, gonfiore addominale…)
  • Per allentare l’ansia

Se i benefici dei massaggi shiatsu sono numerosi, molto meno fitto è l’elenco delle controindicazioni e degli effetti collaterali.

Massaggio shiatsu: controindicazioni

Premesso che il massaggio shiatsu sia eseguito da un operato esperto, non dovrebbero esistere controindicazioni.

Gli unici casi in cui sono presenti controindicazioni sono: in caso di fratture recenti, durante la degenza post-operatoria, in caso di ernia del disco infiammata o in fase acuta, in caso di difficoltà respiratorie o gravi problemi epatici.

Dove fare massaggi shiatsu?

Sono molti, in Italia, i centri e i professionisti privati che offrono sedute di massaggio shiatsu. Per proteggerti da operatori non abilitati, la Federazione Italiana Shiatsu Insegnati e Operatori, ha reso pubblico il registro dei professionisti accreditati. Per consultare l’elenco e individuare un professionista accreditato ti rimandiamo al Registro Italiano Operatori Shiatsu.

Vi sono anche massaggiatori esperti nel massaggio shiatsu non accreditati dall’ente di riferimento segnalato, tuttavia, in questi casi, ti consigliamo di informarti sulla reputazione dell’operatore e sugli attestati conseguiti.

Se sei affascinato dalla medicina alternativa e dalle tecniche orientali, ti consiglio di leggere l’articolo dedicato all’Agopuntura.

Pubblicato da Anna De Simone il 25 settembre 2018