Lithops, coltivazione e cure

lithops semi cure vendita piante coltivazione

Lithops, coltivazione e cure da dedicare alle piante sasso. Consigli utili e dove trovare i semi da far germinare.

La coltivazione in vaso dei Lithops può regalare grandi soddisfazioni. I Lithops sono piante appartenenti alla famiglia delle succulente ma il loro aspetto si discosta fortemente dalle classiche piante grasse. I Lithops sono piante dalle dimensioni esigue, basterà pensare che le specie “giganti” raggiungono i 3 cm di altezza.

Lithops, specie consigliate

Il nome Lithops deriva dal greco lithos (pietra) e opsis (aspetto). Il nome connota la somiglianza delle piante ai sassi. Non è un caso che il nome comune di queste piante sia sassi viventi pietre vive.

Esistono circa 90 specie di lithops anche se quelle accettate ufficialmente e inserite nelle antologie botaniche sono solo una ventina. Tutte le specie sono originarie delle zone semidesertiche dell’Africa del Sud, in particolare della Namibia e del Sudafrica.

Tutte le specie di lithops sono piante perenni, quasi acaule (senza fusto) e dalle dimensioni ridottissime. Il fusto, infatti, è molto corto e resta al di sotto della superficie del terreno. Alcune specie di lithops si sviluppano quasi totalmente sotto terra esponendo solo la parte superiore delle foglie.

Tra le specie più apprezzate vi è la Lithops salicola (riconosciuta a livello tassonomico). La lithops salicola raggiunge un’altezza massima di 3 cm e ogni “sasso” è largo circa 1,5 cm. Queste piante sasso sono di color olivaceo e con il tempo potrebbero moltiplicarsi spontaneamente e raggiungere anche “colonie” di 20 o più esemplari.

Per due piante della specie Lithops salicola basta un piccolo vaso dal diametro di 6 cm. Le dimensioni indicate sono valide per l’acquisto di un vaso utile alla coltivazione di due esemplari di qualsiasi specie di lithops.

In particolare, la specie lithops salicola produce un fiore molto grande dal colore bianco puro.

La specie Lithops bromfieldii produce un fiore giallo. La specie lithops pseudotruncatella groendrayensis è molto simile alla già descritta lithops salicola. La differenza tra la specie lithops pseudotruncatella e la salicola sta nel colore. Se nella salicola si tratta di un olivastro maculato nel giallo, nella lithops pseudotruncatella il colore è uniforme (sempre verde olivastro). Dal colore più verde vivace è la specie Lithops lesliei albinica. Il fiore è come quello descritto per la pseudotruncatella e la salicola (bianco e grande) ma qui il sasso è verde chiaro.

Lithops, cura e coltivazione in vaso

Le cure da destinare alle piante sasso sono identiche, a prescindere dalla specie. Ecco come coltivare lithops e quali cure impartire a queste bellissime piante dall’aspetto insolito.

Dove coltivare lithops, posizione del vaso

Il vaso va posizionato in piena esposizione solare. I Lithops sono molto resistenti alla siccità, essendo originari dell’Africa, odiano le piogge e le continue irrigazioni.

I lithops devono essere esposte al sole diretto per almeno 3-4 ore al giorno.

La coltivazione va tenuta a temperature moderate: 17-23°. Il vaso o il terrario contenente la coltivazione dei Lithops va posto sul davanzale a sud-est della casa.

Irrigare i lithops

Essendo abituati ad habitat secchi e aridi, i lithops non devono essere “irrigati” in modo classico ma mediante nebulizzatori.

Vanno irrigate con nebulizzazione e seguendo le fasi vegetative. Da dicembre a marzo le piante devono essere tenute all’asciutto. In questi mesi non devono essere mai irrigate e solo a fine inverno, se si nota che il fiore ha difficoltà di sviluppo, si potrà operare con un’unica nebulizzazione.

Nei mesi che vanno da aprile ad agosto, se le foglioline mostrano raggrinzimenti, irrigate ogni 20 giorni. Da settembre a dicembre dovranno essere bagnate ogni 15 giorni. Insomma, ecco un altro motivo per cui amare queste piante: in un anno le Lithops dovranno essere irrigate circa 10 volte che, per una pianta, significa l’apoteosi del risparmio idrico!

Lithops, rinvaso

I lithops possono restare nello stesso vaso per diversi anni. Un eventuale rinvaso va fatto in primavera. Approfittate anche per eseguire la divisione dei cespi e ottenere nuovi vasi con piante. I lithops, infatti, si moltiplicano facilmente in modo spontaneo.

Terriccio e concime

Il terriccio della coltivazione deve essere ricco di minerali e povero di materia organica. Potete usare un terriccio per piante grasse. Se in casa non ne avete, si trova facilmente presso qualsiasi garden center o sfruttando la compravendita online. Il terriccio ideale per i lithops è dato da torba bionda e torba nera. Per farvi un’idea vi rimando alla pagina Amazon del terriccio per piante succulente di fondolinfa, come potete vedere non contiene alcun compost (quindi non ha poca materia organica) ma è ricco di sostanza minerali. Il prodotto in questione è proposto su Amazon al prezzo di 16,90 euro con spese di spedizione gratuite. Per tutte le info, leggete la scheda prodotto.

I lithops non necessitano di concimazioni.

Semi di lithops e piante

La vendita di queste piante è ormai molto comune. Si possono trovare nei consorzi agrari e nei garden center più forniti. Chi preferisce può acquistare piante e semi direttamente online.

Attenzione ai semi!
I semi sono piccolissimi e, come succede per la gran parte di piante grasse, non hanno un’elevata germinabilità. Acquistate semi in eccesso per ottenere buoni risultati. I semi, inoltre, non vanno interrati ma solo poggiati su un “letto di semina” da nebulizzare solo al momento della semina.

Su Amazon sono molte le proposte. Tra le tante, vi segnaliamo un mix di semi di lithops che contiene tutte le specie citate in questo articolo. Una bustina si compra con 3,90 euro e spedizione gratuite.

Per tutte le info: bustina mix di semi

Vi raccomandiamo di seminare in eccesso per portare avanti la coltivazione di un buon numero di piante.

Se volete andare sul sicuro, non mancano le piante già sviluppate. Ce ne sono molte. Tra le tante vi segnaliamo la specie Lithops salicola (descritta in precedenza). Un’unica piantina si compra con 7,45 euro e spese di spedizione comprese nel prezzo. Per tutte le info vi rimando alla pagina ufficiale: Roccia Viva L. salicola.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 giugno 2017