Ionizzazione dell’aria in casa

Ionizzazione dell'aria

La ionizzazione dell’aria è determinata da semplici processi naturali come le radiazioni solari o l’infrangersi delle acque. Questi fattori agiscono sulle molecole d’aria, normalmente neutre, scindendole in coppie di ioni di polarità opposta e generando così ioni negativi. Per questo motivo in spiaggia o vicino a una cascata l’aria è ben ‘ionizzata’, cioè carica di ioni negativi che facilitano l’assorbimento di ossigeno nel sangue dandoci una sensazione di benessere.

Sì, ma in casa? Negli ambienti dove trascorriamo la maggior parte del tempo, cioè negli ambienti chiusi o per strada in città, la ionizzazione dell’aria avviene all’inverso. Qui il numero degli ioni negativi diminuisce drasticamente perché l’inquinamento atmosferico ed elettrico produce particelle caricate positivamente (ioni positivi) che ostacolano l’assorbimento di ossigeno da parte dell’organismo.

Che fare? L’aria inquinata da una presenza massiccia di ioni positivi può essere migliorata da dispositivi depuratori e ionizzatori dell’aria, cioè apparecchi che filtrano meccanicamente l’aria emettendo ioni negativi. La ionizzazione dell’aria avviene perché gli ioni negativi, legandosi alle particelle caricate positivamente, fanno precipitare gli inquinanti accentuando il processo di pulizia e vitalizzazione dell’aria.

La ionizzazione dell’aria con apparecchi ionizzatori è particolarmente importante per le camere dei bambini, delle persone anziane e di chi soffre di allergie. È importante anche negli ambienti dove si fuma, però senza delegare allo ionizzatore la funzione di depurare completamente l’aria, che deve essere ricambiata spesso.

Come scegliere uno ionizzatore dell’aria? Il primo consiglio è di evitare dispositivi che ionizzano l’aria senza prima depurarla. Il secondo, di valutare al momento dell’acquisto anche la reperibilità dei filtri. Questo perché i filtri sporchi peggiorano la qualità dell’aria anziché migliorarla e, di tanto in tanto, vanno sostituiti. Per un buon apparecchio di buona marca preparatevi a investire un centinaio di euro.

Precauzioni? Tutti gli apparecchi per la ionizzazione dell’aria producono ozono in quantità variabile. Non è una cosa positiva perché l’ozono è un gas tossico se respirato in alte concentrazioni. Uno ionizzatore d’aria di buona di buona qualità dovrebbe emettere ozono in quantità non superiore a 0,1 parti per milione.

Buoni ionizzatori si possono acquistare anche online, per esempio questo Depuratore ionizzatore dell’aria

Per una parziale ionizzazione dell’aria è utile anche la Lampada di sale dell’Himalaya

Pubblicato da Michele Ciceri il 19 giugno 2015