Inquinamento da fumo di sigaretta

inquinamento da fumo di sigaretta

Inquinamento da fumo di sigarette: che impatto hanno le sigarette sull’ambiente? E sull’aria che respiriamo? Tutte le informazioni sull’inquinamento indoor e outdoor causato dalle sigarette.

 

Analisi e dati statistici sull’inquinamento causato dal fumo delle sigarette e che impatto ha questo gas sull’ambiente in cui viviamo. 

Le sigarette inquinano l’aria e l’acqua

L’inquinamento da fumo di sigarette è fin troppo sottovalutato! In realtà, il fumo di sigaretta inquina l’ambiente in forma diretta e indiretta. La forma diretta è quella che tutti intuiamo: un utente fuma e sprigiona in atmosfera il gas della combustione della sigaretta. La forma indiretta è più complessa e anche più nociva: la gran parte dei gas della combustione vengono trattenuti nel filtro della sigaretta, nel cosiddetto “mozzicone”. Quando un utente getta il mozzicone per strada, non butta via solo un cilindro di materiale plastico ma anche una piccola cassaforte di agenti nocivi. I mozziconi, entrando in contatto con l’acqua, liberano nell’ambiente tutte le sostanze tossiche contenute nel tabacco lavorato e così, oltre a inquinare l’aria, le sigarette sono una fonte dannosissima di inquinamento idrico.

Di cosa è fatto il fumo di sigaretta? 

Il fumo di sigaretta è costituito da gas e particolato in sospensione, una miscela gassosa che contiene più di 4000 sostanze chimiche, classificate, a seconda della sostanza, come irritante, nociva, tossica, mutagena o cancerogena.

Di queste 4.000 sostanze, 50 sono elencate tra quelle a più alto rischio per la salute, classificate come cancerogene. Tra le sostanze cancerogene contenute nel fumo di sigaretta citiamo il fenolo, la formaldeide e la benzopirene. Il fumo di sigaretta contiene metalli pesanti come l’arsenico, il piombo e il cadmio, anche questi considerati cancerogeni per la salute dell’uomo. Altre sostanze tossiche contenute nel fumo di sigaretta sono il benzene, il toluene, l’acetone, l’acido cianidrico, i nitrati e l’acetaldeide.

Quando fumiamo una sigaretta o inaliamo fumo passivo, respiriamo e sprigioniamo nell’ambiente sostanze impiegate nella coltivazione del tabacco e nell’industria manufatturiera che porta alla produzione delle sigarette. Tra queste sostanze citiamo una grossa abbondanza di butano, ammoniaca e altri residui di fungicidi, erbicidi, insetticidi e pesticidi.

Inquinamento da fumo di sigarette

Uno studio scientifico basato sul contenuto di metalli pesanti nei mozziconi di sigarette ha messo in evidenza una sconcertante verità: i metalli pesanti contenuti nelle cicche di sigarette possono essere considerati come inquinanti primari delle acque potabili. Lo studio, pubblicato nel 2009 dalla ricercatrice Jessica Moerman e intitolato “Not Just an Eyesore: Analysis of Metals Leached from Smoked Cigarette Litter” si è concentrato soprattutto su metalli quali cadmio, cromo, piombo, stronzio, titanio, manganese e bario. Cioè solo pochi dei tanti inquinanti presenti nel filtro delle sigarette.

Inquinamento indoor da fumo di sigaretta

Nonostante l’allerta sociale circa i danni causati dal fumo di sigarette, sono molti gli utenti che fumano tanto negli ambienti pubblici quanto entro le quattro mura domestiche. Il fumo di sigaretta è tra le principali fonti di inquinamento indoor.

Negli ambienti chiusi come quello domestico, il fumo di sigaretta può creare concentrazioni di polveri sottili molto elevate, fino a 100 volte superiori ai limiti di legge consentiti per l’ambiente esterno. Per proteggere la casa dalle fonti di inquinamento indoor vi consigliamo di leggere l’articolo dedicato ai rimedi per purificare l’aria di casa.

Gli agenti inquinanti sprigionati, nelle case, mediante il fumo di sigaretta sono molto inferiori a quelli presenti in ambiente.  In casa, la cicca di sigaretta è correttamente smaltita quindi i metalli pesanti e gli altri inquinanti intrappolati nel filtro non finiscono per disperdersi nella casa, tuttavia, il fumo di sigaretta continua a essere dannoso.

Gli agenti inquinanti liberati in casa con il fumo di sigaretta sono l’ossido di carbonio, composti organici volatili (voc) e particolato respirabile. Il fumo di tabacco è una miscela molto complessa che può variare anche nel tempo, i composti possono reagire in differenti modi e i base alle altre sostanze gassose presenti in casa dando vita a ulteriori sostanze nocive. Molti dei composti liberati dal fumo di sigaretta come fonte di inquinamento indoor, sono irritanti, tossici, cancerogeni, mutageni e teratogeni. Consigliamo la lettura del nostro articolo Come smettere di fumare.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 3 giugno 2016