Come ridurre il consumo energetico

come ridurre costo bollette
Come ridurre il consumo energetico: idee, suggerimenti e trucchi per risparmiare sulla bolletta elettrica e consumare meno energia.


Per ridurre il consumo energetico dobbiamo essere disposti a cambiare qualcuna delle nostre abitudini quotidiane. Sono certa che ignorate i dispositivi lasciati in standby così come non vi curate dell’isolamento termico dei vostri infissi.

Risparmiare energia significa soprattutto mantenere in buono stato di funzionamento tutti gli elettrodomestici, eseguire i dovuti interventi di manutenzione della rete elettrica e mantenere in buona salute l’involucro edilizio.

Attenzione ai paradossi!
E’ possibile ridurre il consumo energetico sfruttando al massimo la luce naturale ed evitando di lasciare i dispositivi in standby ma se usate ancora uno scaldabagno di vecchia generazione, saranno gesti quasi vani! Prima vi vedere come ridurre il consumo energetico con azioni semplici da eseguire, facciamo una lista di quelli che sono i punti critici del consumo energetico nelle quattro mura domestiche.

Le fonti di maggior consumo di energia

E’ ormai certo, a incidere più pesantemente sulla vostra bolletta sono gli apparecchi che provvedono al riscaldamento e alla produzione di acqua calda sanitaria. Per ridurre il consumo energetico in questo contesto, da un lato bisogna puntare all’efficienza del dispositivo impiegato e dall’altro bisogna migliorare lo stato di coibentazione del vostro edificio.

  • – Cercate di capire come coibentare casa senza dover spendere un patrimonio in interventi di ristrutturazione. Eventualmente, tenete presente che esiste un bonus ristrutturazione che prevede uno sgravio fiscale dal 50% fino al 65% per interventi che mirano a migliorare l’efficienza di un abitato.
  • – Gli infissi rappresentano l’anello debole della coibentazione. Sono veri e propri fori nell’involucro edilizio e lasciano entrare il calore in estate e il freddo in inverno. Controllate che non ci siano spifferi.
  • – Provate a sostituire il vostro vecchio scaldabagno con un boiler solare o ipotizzare la possibilità di installare una caldaia ibrida o un impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria. Anche in questo contesto non mancano detrazioni e incentivi. Per saperne di più controllate la nostra pagina dedicata al Conto termico.

Misurare i consumi elettrici per poterli riudrre

Sapete quanto consumano gli elettrodomestici che avete in casa? Individuate quelli che consumano di più per poi eseguire degli interventi ad hoc che siano un impiego più razionale o un intervento di manutenzione o sostituzione. Per conoscere i consumi effettivi di un apparecchio potete usare dei misuratori di corrente, facili da usare ed economici.

Su Amazon, un Misuratore di Consumo di Corrente efficiente è proposto al prezzo di 15,13 € con spese di spedizione gratuita. Con tale apparecchio è possibile misurare i consumi elettrici di un singolo elettrodomestico o di più dispositivi agganciati al Misuratore con una multipresa.

L’impiego è semplice: basta agganciare l’elettrodomestico a questo apparecchio e poi fissarlo alla classica presa elettrica domestica: sul display del dispositivo saranno individuati consumi elettrici in watt e una conversione orientativa al consumo economico con il prezzo effettivo dell’elettricità richiesta da quel apparecchio.

Come ridurre il consumo energetico, indicazioni pratiche

  • – Fasce orarie
    Per risparmiare sulla bolletta elettrica, assicuratevi di usare gli elettrodomestici più energivori (ferro da stiro, piastra per capelli, asciugacapelli, lavastoviglie…), durante le fasce orarie più economiche. In genere, l’energia elettrica è più cara dalle 8 alle 19. La fascia dalle 19 alle 23 è intermedia mentre l’elettricità costa di meno dalle 23 fino alle 7 del mattino successivo.
  • – L’illuminazione
    Spegnete sempre le luci quando lasciate una camera e prediligete l’illuminazione naturale. Evitate tendaggi se fuori c’è il sole ed è inverno! I tendaggi chiari possono schermare parzialmente il calore nelle giornate estive e consentire ugualmente l’ingresso della luce solare.
  • – Schermature solari
    Creare zone in ombra o installare sistemi schermanti intelligenti può aiutarvi molto sia per ridurre il consumo dei climatizzatori in estate, sia per ridurre il consumo del riscaldamento in inverno. Anche in questo caso sono presenti agevolazioni fiscali. Tutte le informazioni le trovate alla pagina dedicata alle schermature solari.
  • – Lampadine a LED
    Sostituite le vecchie lampadine con quelle a risparmio energetico: ciò comporta un risparmio fino al 70% sul consumo di elettricità quando si vanno a scegliere le efficientissime lampadine a led per la casa.
  • – Ciabatte multipresa
    Spegnete televisori e computer quando non vengono utilizzati, i led accesi comportano uno spreco notevole con un peso economico di circa 80 euro all’anno. Per gestire velocemente più elettrodomestici, organizzatevi con ciabatte multipresa con interruttore ON/OFF.
  • – Etichetta energetica
    Se dovete sostituire un qualsiasi elettrodomestico, imparate a leggere l’etichetta energetica e sceglietene uno di Classe A++ o A+++, decisamente più risparmiosi. Il maggior investimento iniziale verrà ammortizzato nel giro di poco tempo con una riduzione dei consumi elettrici.
  • – Manutenzione
    Eseguite la manutenzione indicata nel libretto d’uso di ogni elettrodomestico. Per esempio, con il frigorifero, assicuratevi che le guarnizioni siano sempre in buono stato così da assicurare la perfetta chiusura senza inutili sovraccarichi. Molto importante è la manutenzione degli impianti di climatizzazione indicata nell’articolo come risparmiare sul condizionatore.
  • – L’uso intelligente del congelatore
    Se dovete congelare gli alimenti, preparate piccole porzioni così da garantire dei tempi di congelamento più ridotti con minor consumo elettrico.
  • – Aiutate il vostro frigo
    Potete aiutare l’efficienza del frigorifero decidendo di scongelare gli alimenti al suo interno!
  • – Lavaggi a pieno carico
    Se dovete azionare la lavatrice o la lavastoviglie assicuratevi che siano a pieno carico. Al momento della sostituzione della lavastoviglie o al primo acquisto, lasciatevi consigliare dalla nostra guida come scegliere la lavastoviglie. Durante i lavaggi, usate l’acqua calda solo se necessaria.

Se vi è piaciuto questo articolo potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Ti potrebbe interessare anche

Consumo lavatrice: come calcolarlo

Pubblicato da Anna De Simone il 28 ottobre 2014