Come raccogliere le castagne

raccogliere le castagne

Come raccogliere le castagne: per facilitare la raccolta delle castagne si consiglia di eseguire un’accurata pulizia del sottobosco nel periodo precedente alla caduta del riccio. Con un sottobosco pulito, sarà più facile individuare i frutti caduti e più semplice l’apertura del riccio di castagna.

La pulizia del sottobosco può essere fatta mediante trinciatura o sfalciatura. Il materiale di risulta della trinciatura o sfalciatura, è perfetto per la preparazione del compost.

La caduta delle castagne mature è continuativa e graduale, ha un andamento crescente e dura, a seconda della varietà, dalle tre alle quattro settimane. Per raccogliere le castagne bisogna occuparsi dell’apertura del riccio. I ricci che si presentano rinsecchiti o anneriti e con le castagne saldamente aderenti alla parte interna, dovranno essere scartati: anche se le castagne interne sembrano sane, se il riccio esterno risulta rinsecchito e il frutto è attaccato saldamente alla parete interna dello stesso riccio, significa che è in corso un marciume del polpa (Gnomoniopsis castanicola) a causa del quale le castagne non sono adatte al consumo.

Come raccogliere le castagne

1) Aprite il riccio della castagna esercitando una leggera pressione con il piede sulle valvole dischiuse.

2) Quando il riccio si sarà aperto, chinatevi e raccogliete le castagne, estraendole da ciò che resta del riccio.

3) All’occorrenza è possibile impiegare piccole zappette di legno. Queste particolari zappette presentano gli angoli smussati per non ledere la buccia delle castagne.

Chi è fortunato, per raccogliere le castagne, non dovrà fare altro che chinarsi e raccogliere il frutto: talvolta il riccio dischiuso e prossimo alla caduta resta adeso alla pianta, ciò che cade invece sono le due o le tre castagne che a causa del loro peso, riescono a raggiungere il suolo più facilmente. Spesso le castagne fuoriescono dal riccio al momento dell’impatto con il suolo. La raccolta delle castagne deve avvenire tempestivamente, almeno a giorni alterni, così da seguire la cascola dei frutti maturi continua in modo crescente dalle tre alle quattro settimane.

Così come le castagne presenti in ricci rinsecchiti o neri, anche le castagne che presentano dei piccoli fori devono essere scartate: la presenza di larve di cidia o balanino può minare la qualità delle prime castagne cadute a terra; i frutti che mostrano dei fori non vanno lasciati sul terreno per non causare la propagazione di tali larve (che potrà essere peggiore l’anno successivo), piuttosto dovranno essere raccolti ed eliminati.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo sulle Castagne al microonde

Pubblicato da Anna De Simone il 21 ottobre 2014