Come pulire i pannelli solari

pulire pannelli solari

Come pulire i pannelli solari: quasi tutti i pannelli fotovoltaici hanno una superficie in vetro che, proprio come le finestre, si sporca e ha bisogno di pulizia. E’ stato stimato che, la mancata pulizia dei pannelli solari potrebbe causare una perdita di efficienza fino al 30%.

Perché pulire i pannelli solari?
Il lavaggio dei pannelli solari fa parte delle opere di manutenzione ordinaria. Certo, la pioggia aiuta moltissimo a rimuovere detriti, fumi, polveri e pollini, ma quando si tratta di incrostazioni delle deiezioni di volatili, resine vegetali o residui di fogliame, la pioggia da sola non basta.

Nell’articolo sulla Pulizia dei pannelli fotovoltaici abbiamo visto quali sono le principali fonti di sporcizia che minano l’efficienza del nostro impianto e come la posizione di questo possa essere determinante nello stabilire la frequenza dei lavaggi. Nel presente post continuiamo a parlare del lavaggio dei pannelli fotovoltaici dandovi ancora utili consigli.

Come pulire i pannelli solari 

Non mancano sistemi automatici per la pulizia degli impianti solari (Robot per la pulizia dei pannelli solari) ma solo una piccola parte di utenza ne valuta l’acquisto. Soprattutto quando si parla di impianti fotovoltaici domestici, gli utenti vogliono provvedere autonomamente all’opera di pulizia. A tale scopo sono disponibili dei kit per lavare i pannelli solari dai prezzi più disparati.

Pulire i pannelli solari con il fai da te non è sempre un’opera consigliata: la posizione dei pannelli solari rende il lavoro rischioso, soprattutto quando il tetto fotovoltaico è molto spiovente. Gli utenti che proprio non vogliono assumere un impresa di pulizia dovrebbero almeno munirsi di attrezzatura adeguata e seguire due semplici regole:

A) Per pulire i pannelli solari non bisogna impiegare detergenti comuni in quanto lasciano residui o peggio, aloni.
B) Per pulire i pannelli solari è sconsigliato l’uso dell’acqua del rubinetto, questa è molo dura e può essere causa di depositi calcarei o “macchie d’acqua” che a lungo andare possono danneggiare il modulo fotovoltaico in modo permanente.

Chi vuole provvedere autonomamente a pulire i pannelli solari dovrà munirsi di una spazzola professionale (a setole morbide) che incorpora un tubo per il passaggio dell’acqua ed è dotata di un manico telescopico e ripiegabile. Il manico dovrà “allungarsi” fino a raggiungere il tetto fotovoltaico e dovrà inclinarsi fino a raggiungere il perfetto angolo di pendenza dello stesso impianto. L’acqua che alimenta questa spazzola dovrà passare in un particolare filtro o comunque essere acqua pura, deionizzata e quindi a pH neutro.

Chi non vuole lavare i pannelli solari può contattare il produttore e informarsi se questi pannelli sono compatibili a particolari “rivestimenti”. In commercio esistono dei rivestimenti che proteggoni i pannelli solari e impediscono il deposito della sporcizia.

Spazzole per la pulizia del fotovoltaico
Vi segnaliamo una buona spazzola per la pulizia degli impianti fotovoltaici da poter comprare comodamente online: Kit Solar-Wash Spazzolone per la pulizia del Fotovoltaico

La spazzola può essere associata a un detergente universale non eccessivamente aggressivo, vi consigliamo l’impiego del detergente solo in caso di macchie ostinate. Tra i vari prodotti indichiamo un Detergente universale professionale generico. Il detergente consigliato è molto versatile ed è adatto alle superfici fotovoltaiche. Le istruzioni riportate sulla tanica da 5 litri prescrivono l’impiego di un di detergente per ogni 1,5 litri d’acqua. Potete diluire ulteriormente il prodotto per detergere in modo più delicato. Come premesso, consigliamo l’impiego del detergente solo in caso di sporco ostinato.

Pubblicato da Anna De Simone il 8 agosto 2014