Come proteggere le piante dal freddo

proteggere le piante dal freddo

Con l’arrivo dell’inverno è bene proteggere le piante dal freddo onde evitare preservarle danni causati dalle gelate e dalla pioggia eccessiva. Ogni specie vegetale presenta una specifica resistenza alle basse temperature e al gelo. Alcune piante di origine tropicale e subtropicale, per esempio non hanno una buona resistenza al freddo pertanto bisogna metterle al riparo nel periodo invernale. Le piante provenienti da zone temperate invece non richiedono particolari attenzioni durante i mesi invernali. A tal proposito ecco come proteggere le piante dal freddo seguendo alcune indicazioni utili.

Proteggere le piante dal freddo, teli protettivi
Tra gli accorgimenti per riparare le piante del freddo troviamo i teli protettivi in polietilene multiuso: sono pratici, resistenti e possono essere impiegati sia nella realizzazione di serre a tunnel che nella copertura di vasi e piante in terrazzo,

Proteggere le piante dal freddo, le indicazioni
Come vi abbiamo precedentemente accennato, non tutte le piante sono ugualmente sensibili nei confronti del freddo. Fra le piante che si adattano più facilmente a stare in serra troviamo gerbere, oleandri, fucsie, pelargoni, le diverse specie di agrumi soprattutto i limoni oppure le buganvillee. In alternativa alle serre, che necessitano di ampi spazi, queste piante nei mesi invernali possono essere collocate in un sottoscala, in un garage o in un ambiente chiuso non riscaldato. Attenzione però alla scarsità di luce: ci deve sempre essere un buon grado di illuminazione, per non compromettere la salute delle piante. Se si tratta di piante abbastanza resistenti, possiamo proteggerle già soltanto appoggiandole ad un muro rivolto verso sud, e ricoprendole con un telo: In questo modo, durante le giornate serene, la radiazione luminosa trasmetterà un po’ di tepore alle piante e le riscalderà grazie all’effetto serra garantito dalla copertura protettiva.
I tronchi o magari le piante per intere possono essere protette avvolgendovi intorno il telo protettivo in modo tale da creare all’interno un microclima favorevole. Lo stesso si può fare, ad esempio, con i vasi di geranio o altre specie tipicamente presenti nelle fioriere, avvolgendo ogni vaso con un telo.
Indicazioni utili: assicuratevi che vi siano delle aperture comunque per consentire il ricambio dell’aria ed evitare la formazione di condensa che può causare muffe e fenomeni di marcescenza. Periodicamente sarebbe opportuno aprire il telo e accertarsi delle condizioni delle piante e permettere il ricambio totale dell’aria.

Pubblicato da Anna De Simone il 29 novembre 2013