Come proteggere le palme dal freddo

come proteggere le palme dal freddo

Come proteggere le palme dal freddo: dalla concimazione invernale ai consigli per proteggere le palme dal freddo, dalle gelate e dalla neve.

Se immaginiamo una palma in piena vegetazione la collochiamo in un contesto caldo, tuttavia dipende dalla varietà di palme, alcune sono più resistenti al freddo e possono prosperare anche nelle zone settentrionali d’Italia.

Come proteggere le palme dal freddo

Le soluzioni per proteggere le palme dal freddo sono tre:

  • coltivare la palma in vaso da trasferire in serra durante l’inverno.
  • Proteggere la palma con dell’apposito tessuto, soluzione valida solo se la palma è coltivata in una zona del giardino esposta a sud.
  • Coltivare palme resistenti al freddo.

Le palme originarie dei climi tropicali e subtropicali possono essere coltivate in qualsiasi località a patto che la coltivazione avvenga in vaso da spostare in serra o in veranda durante il periodo freddo dell’anno.

In alternativa alla coltivazione in vaso, la palma dovrà essere coltivata in giardino in posizione esposta a sud e dovrà essere protetta dal freddo con la chioma avvolta in un apposito tessuto dall’inizio dell’autunno fino alla primavera successiva.

Per proteggere la palma dal freddo si possono usare i cappucci di tessuto non tessuto o altri teli appositamente realizzati. Queste protezioni vanno applicate quando le temperature scendono sotto lo zero. In questo contesto la chioma dovrà essere raggruppata con dello spago morbido e coperta con del tessuto non tessuto, anch’esso legato ma non troppo spesso. Il tessuto non tessuto è traspirante, tuttavia si consiglia di rimuoverlo non appena le temperature si saranno stabilizzate sopra lo zero così da permettere alla chioma della palma di ricevere aria e luce diretta.

Un rotolo lungo 10 metri di telo in tessuto non tessuto è proposto su Amazon al prezzo di 10,50 euro con spedizione gratuita.

Proteggere le palme dalla neve e dalle gelate

Le gelate prolungate, soprattutto se associate a un elevato tasso di umidità, possono danneggiare pesantemente le piante coltivate in giardino. Le gelate danneggiano direttamente l’apparato radicale delle palme, per questo motivo si consiglia di eseguire un’attenta pacciamatura con foglie, corteccia e paglia.

Analogamente sarà necessario proteggere le palme dalla neve:

  • rimuovete prontamente il carico della neve dal fogliame. Il peso della neve potrebbe piegare il fogliame e compromettere i tessuti della pianta.
  • Liberare la base della palma dalla neve.

Come proteggere le palme dal freddoUna strategia molto utile per salvaguardare l’apparato radicale consiste nell’aggiunta di uno strato di letame per un raggio di 150 – 200 cm dal “piede della pianta”. Il letame, oltre a essere un buon concime, protegge il suolo dal gelo. Per una questione estetica, lo strato di letame ben maturo o stallatico potrà essere ricoperto con un tessuto come il telo Per Pacciamatura.

Prima dell’arrivo dell’inverno si consiglia di concimare le piante con un fertilizzante a base di magnesio.

Palme resistenti al freddo

Non tutti hanno una veranda o una serra dove riparare le palme e soprattutto, una palma avvolta in un telo con la chioma raccolta perde il suo bellissimo impatto estetico. Per ovviare, almeno in parte, al problema del freddo, al momento della messa a dimora è possibile scegliere palme resistenti al freddoAttenzione! Non si tratta di palme immuni dal freddo ma più rustiche quindi più capaci di resistere alle gelate e che non necessitano di particolari cure se non per i primi anni di vita.

Tra le palme resistenti al freddo segnaliamo tre specie diverse, la Trachycarpus fortunei, la Brahea armata (è resistente al freddo, al vento e anche alla salsedine) e la Butia capitata che arriva a resistere al gelo e al freddo rigido, resiste fino ai -10 °C ma non ha una tolleranza molto prolungata.

Pubblicato da Anna De Simone il 11 dicembre 2015