Come prevenire gli incendi

Come prevenire gli incendi

Come prevenire gli incendi: una guida completa alla prevenzione degli incendi boschivi e incendi domestici. I consigli dei Vigili del Fuoco.

Per scrivere la nostra guida su come prevenire gli incendi abbiamo deciso di affidarci non solo al buon senso ma anche ai consigli del Corpo dei Vigili del fuoco.

Come prevenire gli incendi

Ricordiamo che il numero di emergenza per allertare i Vigili del Fuoco in caso di incendio è il 115. La prevenzione degli incendi cambia di contesto in contesto. In questa pagina ci soffermeremo su come prevenire gli incendi boschivi e gli incendi domestici.

Comprendere il rischio di incendi è un lavoro interdisciplinare, sempre molto complesso e sempre connesso ai settori della sicurezza dei luoghi d’interesse. Il corpo dei Vigili del Fuoco dispone di un Nucleo investigativo antincendio atto proprio a “ricercare”, “analizzare” e “valutare” le possibili cause di incendio nei vari contesti.

Come prevenire gli incendi boschivi

Iniziamo dal tipo di incendio più diffuso: quello boschivo. Gli incendi boschivi caratterizzando, da qualche anno, la stagione estiva. Ne abbiamo già parlato nell’articolo guida dedicato a come proteggere i boschi.

Il 2017 è stato un anno orribile, il peggiore in tema di incendi boschivi. Le previsioni meteo per questo 2018 dovrebbero metterci al sicuro dagli incendi boschivi, tuttavia fare una buona prevenzione è sempre indispensabile.

Per prevenire gli incendi boschivi è possibile partecipare a squadre di volontariato. Non tutti lo sanno ma i rifiuti abbandonati ai margini dei boschi possono essere loro stessi veicolo di incendio. I rifiuti, inoltre, qualora dovessero prendere fuoco, costituiscono un importante pericolo per la salute.

Le autorità competenti del luogo dovrebbero allestire “punti d’acqua” e prevedere “punti di atterraggio” per gli elicotteri. In questo contesto, puoi fare pressione sulle amministrazioni comunali denunciando il loro disinteresse in tema di incendi boschivi.

La presenza di campagna di sensibilizzazione in tema di incendi boschivi può fare una buona parte quando si parla di gestione attiva del patrimonio forestale. Infine, per prevenire gli incendi boschivi puoi valutare di entrare a far parte del corpo dei vigili del fuoco come volontario. In questo modo potresti partecipare attivamente alle misure anti-incendio, ancora meglio se hai una formazione specifica in scienze forestali o discipline analoghe. Per ulteriori informazioni è disponibile la guida: come entrare nei vigili del fuoco, in particolare il paragrafo dedicato alle attività da volontario.

Come prevenire gli incendi domestici

Gli incendi domestici hanno generalmente cause legate a errori umani e cause legate all’obsolescenza di sistemi elettrici e gasdotti che, a causa dell’usura e dell’incuria (mancata manutenzione) possono divenire fattori di rischio.

Gli incendi di natural elettrica rappresentano una categoria d’intervento molto frequente nell’abito dell’attività di soccorso tecnico svolta dai Vigili del Fuoco.

Molte case, soprattutto quelle di vecchia edificazione, contano su apparecchiature inadeguate. Sembra strano da comprendere ma la causa degli incendi domestici è spesso di natura elettrica.

Gli incendi domestici di natura elettrica sono legati a un malfunzionamento di apparecchi comuni come:

  1. televisori
  2. conduttori elettrici
  3. quadri elettrici
  4. apparecchi d’illuminazione
  5. lavastoviglie
  6. prese e spine
  7. contatori elettrici
  8. frigoriferi
  9. caricabatterie
  10. interruttori
  11. condizionatori
  12. aspiratori
  13. coperte riscaldanti
  14. forni elettrici
  15. stufe elettriche
  16. relè passo-passo
  17. zanzariere elettriche

Nelle statistiche, i cortocircuiti che possono causare un incendio in casa sono principalmente imputabili a tv e conduttori vari. Per prevenire gli incendi domestici è importante sottoporre a una costante manutenzione tutti gli elettrodomestici presenti in casa e usarli praticando il buon senso e sempre seguendo le prescrizioni presenti sul manuale d’uso.

Come premesso, anche le disattenzioni possono essere causa di un incendio in casa. Caminetti accesi lasciati incustoditi, stufe a gas malgestite e una cattiva conservazione di liquidi infiammabili, possono essere altre cause. Sembra banale ma anche in questo caso, la prevenzione migliore parte da semplici gesti fatti con attenzione. Quando si parla di rischio incendio domestico, la prima regola è: zero superficialità!

Nell’elenco di prima abbiamo riportato –secondo le statistiche dei Vigili del fuoco- in ordine decrescente, quali sono le principali cause di incendio domestico correlate al fattore “elettricità”. Prendendo delle statistiche più generali, quando si parla di incendi domestici il fumo di sigaretta può essere un fattore cruciale.

Secondo alcune statistiche il 7% degli incendi domestici è causato da mozziconi di sigaretta lasciati accesi in prossimità di letto, divano o altro materiale infiammabile.

In cucina la prima regola sta nel controllo costante dell’impianto del gas. Qualsiasi materiale infiammabile (presine, strofinacci, alcolici…) dovrebbero essere tenuti a debita distanza dai fornelli del gas.

Elevate attenzione andrebbe prestata alla sala caldaie senza dimenticare la manutenzione obbligatoria di tale apparecchi.

Pubblicato da Anna De Simone il 21 giugno 2018