Come fare snorkeling

Come fare snorkeling

Come fare snorkeling: dall’attrezzatura migliore ai consigli utili per chi intende sfruttare al meglio la pratica dello snorkeling.

E’ estate: c’è aria di mare e vacanze, ti basta avere l’attrezzatura giusta per rendere ogni giornata al mare un’esperienza indimenticabile, ricca di fascino e di passione… sì, passione per i fondali marini. Pratico snorkeling dall’età di 4 anni, potrebbe sembrarti prematuro ma è proprio per il mio quarto compleanno che ho ricevuto in regalo una maschera e uno snorkel… strumenti indispensabili per chi vuole fare snorkeling, già, è indispensabile anche saper nuotare. In questa pagina ti darà tanti consigli utili e ti spiegherò come fare snorkeling così da apprezzare al massimo le tue giornate al mare.

Snorkeling: attrezzatura indispensabile

L’attrezzatura per fare snorkeling non è molto costosa, tuttavia ti consiglio di non lesinare sul prezzo per l’acquisto di una buona maschera. Cosa serve per fare snorkeling?

  • Una maschera
  • Un areatore o snorkel
  • Delle pinne (consigliate)

Per la scelta di una buona maschera per fare snorkeling puoi seguire i suggerimenti che ti ho dato nella guida dedicata a come scegliere la maschera da sub, all’interno della pagina troverai tutti i consigli per non far appannare la maschera mentre nuoti sott’acqua.

Per quanto riguarda l’areatore (o snorkel termine inglese da cui deriva il nome di questa pratica!), in commercio ci sono modelli lisci o con boccaglio corrugato. Quando lo scegli, sappi che le dimensioni consigliate sono 25/30 cm di lunghezza e 20/25 mm di diametro… scegli sempre un areatore con boccaglio in gomma morbida così si adatterà meglio alle dimensioni della tua bocca.

L’areatore deve essere trattenuto dal cinghiolo della maschera, devi posizionarlo in modo che rimanga ben sopra il pelo dell’acqua. Niente di difficile: la gran parte di snorkel hanno un apposita linguetta che va posta proprio sull’elastico (cinghiolo) della maschera.

Non tutti consigliano le pinne ma… secondo me sono indispensabili soprattutto se vuoi nuotare su lunghe percorrenze o scendere rapidamente in apnea. Durante la fase di apnea il boccaglio va tolto dalla bocca e va rimesso in superficie, dopo averlo spurgato con una forte espirazione.

Per quanto riguarda le pinne, ci sono più lunghe, più corte, più morbide, più rigide… con calzata aperta (dovrai stringere bene il cinghiolo altrimenti rischi di perderle) o con calzata chiusa (vanno indossate sul piede nudo). Quando le scegli, dai priorità al benessere della calzata: non devono essere strette altrimenti rallenti la circolazione sanguigna degli arti.

Perché ti consiglio di usare le pinne per fare snorkeling? 

Perché ti fanno affaticare meno e ogni pinneggiata ti dà una spinta considerevole che non potresti mai raggiungere a piede nudo. Come si usano le pinne? Il movimento deve partire dall’anca e non dalle ginocchia così da assicurarti un’ampia oscillazione delle gambe. Per indossare le pinne con facilità, ricorda di bagnarti i piedi prima di infilarle, anzi, è meglio indossarle direttamente in acqua.

Ricorda sempre che l’attrezzatura da snorkeling va sempre lavata con acqua non salata dopo l’uso. Il sale, una volta asciutto, irrigidisce il silicone e le plastiche costringendole a una fine prematura. Prenditi cura della tua attrezzatura da snorkeling così che potrà accompagnarti per molti anni.

Dopo ogni uso:

  • Lava l’attrezzatura con acqua dolce.
  • Lascia asciugare l’attrezzatura all’ombra.
  • Non lasciare mai l’attrezzatura al sole.

Come fare snorkeling: consigli

Una volta preparata l’attrezzatura così come ti ho descritto, hai tutti gli strumenti indispensabili per praticare snorkeling.

Se non hai mai fatto snorkeling, anche sulla terra ferma, fai una prova: metti il boccaglio in bocca e usa l’areatore per respirare tappandoti il naso. Stai tranquillo/a, quando fai snorkeling il naso è coperto dalla maschera quindi non ti entrerà acqua dal naso. Impara a inspirare e espirare con l’areatore… se ti sembra difficili non preoccuparti, quando lo fai sulla terra ferma lo è: paradossalmente diventerà più facile respirare con lo snorkel con il viso sommerso dall’acqua!

Una volta in acqua, prima di iniziare a nuotare e fare snorkeling, ricordati di seguire questi consigli:

  • Regolare bene la maschera, che non deve essere troppo stretta ma comoda! Se la stringi molto, non eviterai l’appannamento! Ti ho spiegato come evitare che la maschera si appanni nell’articolo dedicato a come scegliere una maschera da sub.
  • Assicurati che i capelli non entrino nel bordo della maschera, in questo modo eviterai infiltrazioni d’acqua nella maschera. Nel caso, usa una fascia per capelli o tira indietro i capelli bagnandoli con l’acqua.
  • Fissa l’areatore all’elastico della maschera, sul lato destro.
  • Metti il boccaglio in bocca e inizia a inspirare e espirare in modo regolare.
  • Osserva i fondali marini.
  • Se vuoi andare in apnea, prendi un respiro profondo dallo snorkel, togli il boccaglio dalla bocca e scendi in apnea dandoti una spinta con le pinne. Quando riemergi, metti il boccaglio in bocca e spurgalo sfruttando l’aria residua che hai nei polmoni (una bella espirazione per eliminare l’acqua che durante la tua immersione è penetrata nel tubo dello snorkel). Questa è un’operazione un po’ complessa se sei alle prime armi, quindi se non te la senti, dopo la tua breve apnea, emergi con il capo, respira, libera il tubo e riprendi a fare snorkeling.

Per apprezzare i fondali, scegli una località marina ben colonizzata: in genere la fauna marina si trova in prossimità di fondali rocciosi o scogliere.

Fai snorkeling sempre con un amico, così da rendere questa attività più sicura.

Pubblicato da Anna De Simone il 13 luglio 2018