Come fare la liscivia

come fare la liscivia in casa

Come fare la liscivia: le istruzioni per operare il processo di liscivazione della cenere al fine di ottenere la soluzione alcalina contenente soda caustica.

La liscivia, popolarmente nota come lisciva, è un liquido ricavato dal processo di “liscivazione della cenere e sfruttato come base per la produzione di sapone.

La lisciva è considerata un potente detersivo naturale, è una soluzione alcalina contenente idrossido di sodio (comunemente chiamato soda caustica) oppure idrossido di potassio (comunemente chiamato potassa caustica). Sia l’idrossido di sodio, sia l’idrossido di potassio, hanno forti proprietà corrosive. L’idrossido di potassio è usato dall’industria alimentare come additivo con funzione di regolatore di acidità ed è identificato tra gli ingredienti con la sigla E525.

Gli utilizzi della liscivia

Gli utilizzi della lisciva non sono limitati alla produzione di sapone: la liscivia è usata in ambito alimentare, per la produzione di sgrassanti e detergenti, per la produzione di disgorganti… non soma mancati usi illeciti: la liscivia è stata usata per rimuovere l’inchiostro da banconote e documenti al fine di effettuare opere di contraffazione. Un altro utilizzo illecito della liscivia la vede impiegata come ingrediente di sintesi delle anfetamine.

La liscivia per la produzione di sapone

Nell’articolo-guida intitolato “come fare il sapone in casa” vi ho spiegato come produrre il sapone a partire dalla liscivia e da olio vegetale. Per la produzione della liscivia in ambito domestico abbiamo impiegato della semplice cenere: la cenere contiene carbonato di potassio o potassa, ideali per il processo di liscivazione. L’idrossido di sodio e l’idrossido di potassio sono impiegati nella produzione di sapone: l’idrossido di sodio è di solito usato per produrre sapone solido mentre l’idrossido di potassio è comunemente impiegato per la produzione di sapone liquido. I saponi prodotti a partire con l’idrossido di potassio sono più morbidi e possono essere disciolti in acqua più facilmente. Storicamente, l’idrossido di potassio veniva estratto a partire dalle ceneri di felce (vedi sapone di Castiglia e Sapone di Aleppo).

Per la produzione di sapone si usano 10 grammi di olio di oliva e 5 grammi di idrossido di potassio posti in 40 ml di una soluzione acqua-alcol al 50%. Si scalda il tutto per circa 45 minuti agitando continuamente. A parte si prepara un’altra soluzione acqua-alcol da aggiungere di volta in volta. Il processo termina aggiungendo una soluzione fredda data da 150 ml di acqua e cloruro di sodio. Il sapone si forma e “precipita” sul fondo. Per estrarlo basterà filtrarlo e lasciarlo asciugare completamente. Non tutti hanno a disposizione idrossido di sodio ma tutti hanno accesso alla cenere e quindi al carbonato di potassio e da qui è possibile preparare la lisciva e il sapone in casa.

Come fare la liscivia – metodo a freddo

La liscivazione della cenere con metodo a freddo vede tempi piuttosto lunghi: sarà necessario lasciare la cenere in acqua per un periodi di almeno 3 settimane in estate e 6 settimane in inverno. La prima fase di liscivazione può essere operata in un contenitore di plastica (in un secchio), avendo cura di mescolare almeno un paio di volte al giorno. Sappiate che i tempi d’attesa sono direttamente proporzionali alla causticità del prodotto ottenuto: più tempo si lascia più la liscivia sarà caustica. La cenere si depositerà tutta sul fondo e potete prelevare la lisciva con un mestolo per poi versarla in bottiglie di plastica.

Come fare la liscivia – metodo a caldo

La liscivazione a caldo ha tempi più stretti. Per fare la lisciva con il metodo a caldo, dovrete:

  1. Setacciate la cenere per eliminare grumi e parti non incombuste.
  2. Disponete la cenere in una pentola in acciaio e, per ogni parte di cenere, aggiungetene 5 di acqua (rapporto in volume, non in peso!).
  3. Fate bollire a fuoco lento, mescolate con frequenza e stabilizzate l’ebollizione. Fate cuocere per circa 2 ore.
  4. Al termine delle due ore, lasciate decantare e raffreddare. Filtrate la liscivia con un panno di cotone. Otterrete un liquido piuttosto limpido e facile da conservare anche per lunghi periodi.

Ciò che rimane è detto pasta di cenere, anche questa può essere usata come detersivo naturale, sfruttatela per sgrassare il forno o per pulire i ferri del BBQ.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 17 settembre 2015