Come eliminare i parassiti dalle piante

come allontanare i parassiti dalle piante
Con l’arrivo dell’estate le piante sono maggiormente esposte all’attacco dei parassiti, animaletti minuscoli che si cibano voracemente di fiori, foglie e boccioli, provocando inevitabilmente seri danni e nei peggiori dei casi la loro morte. Come eliminare i parassiti dalle piante? Per fortuna, non è necessario ricorrere a rimedi chimici; ci sono infatti metodi casalinghi altrettanti efficaci e allo stesso tempo innocui per l’ambiente.


Non vi è dubbio che il modo più efficace per eliminare i parassiti è la prevenzione, che consiste innanzitutto nel prendersi cura in modo corretto di piante e fiori: il che significa fare molta attenzione alla concimazione e all’irrigazione. Ma vediamo nel dettaglio come eliminare i parassiti dalle piante seguendo le nostre indicazioni.
Come eliminare i parassiti dalle piante, prevenzione naturale
Nell’agricoltura biologica, la prevenzione viene fatta, coltivando determinate piante in grado di tenere lontano i parassiti. È il caso dell’ortica che attira la presenza delle coccinelle: esse vanno ghiotte per gli afidi! Altro alleato è il tarassaco, dicasi la stessa cosa per il timo e la calendula che sono in grado di attirare i sirfidi: anch’essi divoratori di parassiti.

Come eliminare i parassiti, rimedi naturali
I parassiti possono essere eliminati in maniera naturale con l’impiego di macerati preparati in casa. Per allontanare i ragnetti rossi e gli afidi è molto efficace il macerato a base di ortica
Per la preparazione

  1. Sminuzzate un kg circa della pianta poi lasciatela macerare in un contenitore con 8 litri d’acqua
  2. Passate almeno due ore, filtrate il composto e versatelo in uno spruzzino avendo cura di diluirlo con altra acqua

Altro rimedio molto efficace contro i parassiti è l’aglio: basta interrare una decina di spicchi germogliati a circa mezzo metro dal tronco tutt’intorno.
Anche il peperoncino è un ottimo alleato contro i parassiti
Per la preparazione

  1. Mettete in ammollo una buona quantità di peperoncini in un litro d’acqua all’interno di un pentolino
  2. Mettetelo a scaldare fino a quando l’acqua non inizierà a bollire
  3. Una volta spento il fuoco, aspettate che raffreddi poi filtrate la soluzione con un colino
  4. Travasate il composto in uno spruzzino dopodiché irrorate sulle piante infette

Raccomandazione utile: operate preferibilmente nelle ore serali.

Ti potrebbe interessare anche la Dorifora della patata

Pubblicato da Anna De Simone il 21 aprile 2014