Come coltivare il girasole in vaso

coltivare girasole in vaso

Come coltivare il girasole in vaso: le istruzioni dettagliate per la coltivazione del girasole in vaso, dalla messa a dimora alle cure per farlo vegetare a lungo. 

Il girasoleHelianthus annuus, è una pianta annuale amata per la sua grande infiorescenza a capolino. Nel suo habitat naturale, la sua altezza può arrivare a superare i 3 – 4 metri ma da noi in Italia, difficilmente supera i 2 metri d’altezza.

Del girasole, quello che noi comunemente chiamiamo fiore, è in realtà un capolino, infiorescenza composta da numerosissimi fiori che a maturazione ultimata diventano “semi”, anche in questo caso il gergo popolare si discosta da quello botanico, infatti quelli che noi chiamiamo semi di girasole sono in realtà acheni della pianta, ovvero frutti. In genere il girasole presenta un unico fiore ma se siete fortunati, nella vostra coltivazione, potrete ottenere oltre al fiore principali, altri piccoli fiori che si sviluppano su diramazioni.

Il girasole non è solo bello da vedere, i “semi di girasole” vengono consumati come snack salato, decorticati e tostati. Possono essere utilizzati per insalate o per la produzione di olio; per la produzione di olio, i coltivatori selezionano le varietà ad alto tenore di acido oleico. La coltivazione del girasole, a livello industriale, è diffusa non solo per la produzione di olio o di snack, anche per preparare mangimi per uccelli e roditori, per estrarre olio per motori o per produrre biodiesel.

Il tipico colore del girasole riesce a creare un’atmosfera calda e dolce, tuttavia non è facile coltivare il girasole in casa perché questa pianta, per prosperare, necessita di moltissimo sole.

Cresce meglio in terreni fertili, umidi e ben irrigati. Al momento dell’acquisto del terriccio sarà importante verificare il pH: i girasoli preferiscono nu pH compreso tra 6 e  7,5.

  • Il periodo migliore per la semina dei girasoli cade in primavera, tuttavia questa operazione può essere eseguita anche a inizio estate.
  • Scegliete un vaso dal diametro di almeno 20 cm.
  • Predisponete uno strato drenante sul fondo del vaso, a tale scopo potete usare dell’argilla espansa.
  • Ricoprite lo strato drenante con uno strato di materiale organico.
  • Ricoprite lo strato di materiale organico con del terriccio fino a arrivare a un paio di centimetri dal bordo.
  • La semina dei girasoli dovrà essere eseguita al centro del vaso.
  • Interrate i semi di girasole a una profondità di circa 2 centimetri.
  • Bagnate il terreno.
  • I primi germogli dovrebbero spuntare nel giro di una settimana.
  • Porre il vaso in posizione soleggiata e al riparo dal vento.

Girasole in vaso o lattina
Chi vuole provare a coltivare il girasole in casa, può optare per i microgiardini organizzandone uno autonomamente con vecchi vasetti, oppure acquistandone uno già preconfezionato.

coltivare girasole

Microgiardini Girasole Fiori in Lattina made in Italy 
Il microgiardino in lattina contiene il terriccio più idoneo alla coltivazione del girasole. Contiene già i semi e l’unica cosa che bisognerà fare è provvedere a puntuali irrigazioni. Il prezzo è di soli 3,90 euro.

Consigli su come coltivare il girasole in vaso
Se intendete coltivare il girasole in balcone, cercate di posizionarlo nella zona più esposta al sole senza trascurare di predisporre un paravento per proteggere il fusto.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 17 aprile 2015