Come coltivare il corbezzolo

Come coltivare il corbezzolo: tutte le istruzioni per la coltivazione del corbezzolo in vaso o in giardino. Dalla messa a dimora a dove comprare le piante. Potatura, concimazione, rinvaso e cure da dedicare alla pianta.

Chi li ha assaggiati al punto giusto di maturazione sa che i corbezzoli sono buonissimi! La pianta di corbezzoli è facile da coltivare, quindi nulla vi vieta di piantarla nel vostro giardino, un’unica avvertenza: è molto produttiva quindi se non state attenti con il raccolto, sporca molto!

Corbezzolo, pianta

Il corbezzolo, arbusto molto apprezzato per la sua chioma brillante, è una pianta sempreverde che appartiene alla famiglia delle Ericacee.

Molto bello da tenere in giardino, il corbezzolo richiede molto spazio dato che cresce fino a 7 metri di altezza. Nei giardini viene impiegato come albero da frutto ma può essere considerato anche uno splendido albero ornamentale per la sua particolare fioritura che avviene in autunno, tra ottobre e novembre.

Fiori e frutti

L’albero di corbezzolo produce delle piccole campanelle di colore bianco, fiori graziosi ed eleganti che successivamente lasciano il posto ai caratteristici frutti rossastri dalla forma sferica.

Tali frutti, noti come corbezzoli, racchiudono una polpa commestibile dolcissima. I frutti di corbezzolo vengono impiegati per la preparazione di marmellate, liquori e distillati. I corbezzoli non sono facili da trovare in commercio perché quando acerbi, hanno un sapore pessimo e, quando maturi, deperiscono nel giro di pochi giorni. Per questo motivo i corbezzoli andrebbero consumati appena dopo il raccolto.

Raccolto

Per raccogliere i corbezzoli, come premesso, dovrete attendere la fine dell’inverno. Chi, come me, ha la fortuna di vivere in una zona a clima mite, riuscirà a raccogliere corbezzoli fino ai mesi di gennaio e febbraio.

Come coltivare il corbezzolo

La coltivazione del corbezzolo non richiede conoscenze particolari, trattandosi di una specie rustica, non ha grosse necessità colturali ed è molto resistente. A tal proposito ora vi daremo alcune indicazioni utili su come coltivare il corbezzolo.

Coltivare il corbezzolo: informazioni generali

Nella coltivazione del corbezzolo non preoccupatevi per le basse temperature invernali. Il corbezzolo è in grado di resistere tranquillamente anche fino a meno 15.

In vendita presso i vivai sono troverete facilmente piante anche già fiorite che dovrete poi trapiantare in piena terra o in un vaso più capiente.

Non tutti lo sanno ma… il corbezzolo è un lontano cugino del mirtillo e proprio come suo cugino preferite terreni acidi. Con terreni acidi produce frutti di migliore qualità ma si adatta bene anche su substrati calcarei o basici.

Prestate attenzione al drenaggio, assicurandovi che non vi siano mai ristagni d’acqua.

Dove piantare il corbezzolo 

Non trascurate di scegliere una buona posizione. Il corbezzolo può essere coltivato sia a mezz’ombra che in pieno sole, purché sia al riparo dal vento. Il vento è un acerrimo nemico della pianta: il forte vento non solo può danneggiare la pianta ma soprattutto può causare la caduta dei piccoli frutti quando ancora acerbi e quindi immangiabili.

Anche se il corbezzolo non teme il freddo, proteggete gli esemplari giovani in via precauzionale con un telo. Nei primi due anni dalla messa a dimora, proteggete la chioma della giovane pianta con del tessuto non tessuto, da rimuovere con l’arrivo della primavera.

Quando irrigare il corbezzolo

Fate le annaffiature solo d’estate, dato che d’inverno ci penseranno le intemperie a innaffiarle: in ogni caso prima di innaffiare il terreno, assicuratevi che sia completamente asciutto.

Quando piantare il corbezzolo

Il periodo migliore per piantare il corbezzolo cade in primavera per tutta la penisola. Chi, invece, vive nell’estremo meridione in zone particolarmente miti, può piantare il corbezzolo anche nel periodo tardo-autunnale.

Come piantare il corbezzolo

Per piantare il corbezzolo vi basterà scavare una bella buca, sul fondo della quale potete incorporare del letame ben maturo. Lo scavo che avete eseguito potete riempirlo per metà con lo stesso terreno dello scavo e per metà con del terriccio fertile di foglie, un po’ acido e ricco di materia organica.

Se avete un suolo di pessima qualità (poco drenante) fareste bene a incorporare, sempre sul fondo della buca, anche dell’argilla espansa o della ghiaia così da migliorare lo scolo dell’acqua ed evitare i ristagni.

Corbezzolo, potatura

Non bisogna trascurate di praticare una leggera potatura in primavera per favorire la fioritura. Come potare il corbezzolo? Dipende, volete allevarlo a cespuglio o ad alberello? Se volete coltivare il corbezzolo ad alberello dovete mantenere un unico fusto. In pratica, per tutto il periodo di sviluppo della pianta non dovrete fare altro che recidere i rami che crescono alla base del fusto. La potatura del corbezzolo per ottenere il portamento ad alberello va eseguita in primavera e solo su esemplari che hanno raggiunto 4 – 5 anni di età. In più, per evitare che la pianta possa essere esposta a malattie, vi consiglio di recidere solo uno o due getti a primavera. E’ vero, ci vorrà un po’ di tempo ma vi ritroverete con un alberello di corbezzolo molto grazioso, con un fusto robuste e la sua bella corteccia ben in vista.

In caso di coltivazione ad arbusto, dovete limitarvi a recidere i rami secchi e a fare una potatura più profonda qualora la pianta stesse “soffocando” per un’eccessiva vegetazione.

Come coltivare il corbezzolo in vaso

E’ possibile coltivare il corbezzolo in vaso se se acquistate una varietà nana. In questo caso, il corbezzolo in vaso non supererà l’altezza di 180 cm.

Il vaso definitivo dovrà avere un diametro di 50 – 60 cm mentre per la prima messa a dimora, a seguito dell’acquisto della pianta, potete rinvasare in un vaso dal diametro di 40 – 45 cm.

Per capire quando eseguire il rinvaso del corbezzolo dovete osservare il fondo del vaso. Quando intravedete fitte radici dai fori di scolo, via libera al rinvaso! Procedete in primavera oppure, se siete nel meridione, sia in primavera che in tardo autunno

Chi vuole coltivare il corbezzolo in vaso ha un vantaggio in quanto potrà adottare il terreno migliore: il vaso va riempito con una miscela, in parti uguali, data da terriccio universale e terriccio per piante acidofile.

Dove comprare una pianta di corbezzolo

Le piante di corbezzoli si possono acquistare presso consorzi agrari e vivai specializzati oppure sfruttando la compravendita online, a “questa pagina Amazon” trovate diverse proposte e diverse varietà.

Per esempio, una pianta di corbezzolo alta 1,5 m e dal vaso dal diametro di 20 cm si acquista al prezzo di 18 euro con spese di spedizione incluse La pianta è adatta alla coltivazione in giardino e non in vaso (si tratta di corbezzolo salernitano, molto produttivo, la medesima varietà che coltivo in giardino, non è una varietà riconosciuta a livello nazionale, semplicemente a Salerno vi è una località nota come “Sentiero dei corbezzoli”, popolare per l’abbondanza di questi frutti dal sapore dolcissimo). Per tutte le informazioni vi rimando a questa pagina Amazon.

In ogni caso, sentitevi liberi di scegliere la varietà più adatta alle vostre esigenze colturali.

Concimazione

Periodicamente assicurate al terreno una concimazione con un prodotto ricco di azoto e potassio da aggiungere all’acqua di irrigazione. Tale procedura è necessaria soprattutto per la coltivazione del corbezzolo in vaso.

Se vi è piaciuto questo articolo potete seguirmi sul mio account Instagram!

Pubblicato da Anna De Simone il 25 gennaio 2018