Come coltivare ravanelli

come coltivare i ravanelli

Come coltivare ravanelli in vaso e nell’orto. Istruzioni e consigli sulla coltivazione del ravanello e sulle sue proprietà (valori nutrizionali).

Se non avete il pollice verde ma amate l’orto potete cominciare con piante che con pochi sforzi offrono grosse soddisfazioni. È il caso del ravanello, un ortaggio con il quale potete preparare delle gustose insalate e non solo. I ravanelli non necessitano di molto spazio, si possono coltivare in vaso sul balcone o in piena terra nell’orto. In genere si distinguono ravanelli tondi e allungati.

Ci sono varietà che hanno una crescita velocissima: in meno di un mese dalla semina possono essere pronti da portare in tavola. Vediamo nel dettaglio come coltivare i ravanelli seguendo le nostre indicazioni, ma prima facciamo una panoramica delle sue proprietà nutrizionali.

Ravanello: proprietà

Si chiama ravanello ma in alcune regioni è noto anche con i nomi di rafanèllo e rapanèllo. Annovera proprietà antiossidanti, depurative e idratanti. Ecco i valori nutrizionali riferiti a 100 gr di prodotto.

Calorie: 16 kcal

  • Carboidrati: 3,4 g
  • Grassi: 0,1
  • Proteine: 0,68

Micronutrienti

  • Vitamina B1: 0,012 mg
  • Riboflavina (B2): 0,039 mg
  • Niacina o Vitamina PP: 0,254 mg
  • Acido pantotenico (B5): 0,165 mg
  • Vitamina B6: 0,071 mg
  • Vitamina B9: 25 μg
  • Vitamina C: 14,8 mg
  • Calcio: 25 mg
  • Ferro: 0,34 mg
  • Magnesium: 10 mg
  • Manganese: 0,069 mg
  • Fosforo: 20 mg
  • Potassio: 233 mg
  • Zinco: 0,28 mg

Acqua: 95,3 g

Il ravanello è tra gli alimenti meno calorici. Apporta un moderato contenuto di Vitamina C e si tratta di una radice dalla notevole componente idrica. Non apporta grassi e contiene un’esigua quantità di proteine.

Come coltivare ravanelli

Ne esistono diverse varietà, il ravanello viola, il ravanello giallo e il classico ravanello rosso tondo o allungato. Il ravanello bianco da noi è noto con il nome daikon. Non manca un varietà nera (ravanello nero) e una varietà nota come “watermelon” per la tipica colorazione della polpa interna alla radice che ricorda un’anguria.

Per i semi delle diverse varietà di ravanello, da coltivare in vaso o nell’orto, potete rivolgervi al vostro consorzio agrario di fiducia oppure, per una rapida visione, è disponibile “questa pagina Amazon” con una selezione molto variegata di varietà di ravanello (giallo, bianco, viola, a radice lunga…).

Il periodo di semina può cambiare in base alla varietà. Per il classico rapanello o ravanello rosso, la semina può avvenire fino a tarda estate, in piena terra.

Tutti i ravanelli si dovrebbero seminare in fase di luna calante. È bene precisare che alcune varietà seguono una diversa tempistica di maturazione: il ravanello nero, per esempio, si semina a luglio e matura in autunno.

Come seminare il ravanello?

Per la semina in piena terra così come in vaso, praticate dei fori a circa mezzo centimetro di distanza uno dall’altro, aggiungete un paio di semi per ogni foro. Ricoprite superficialmente con un po’ di terra e annaffiate delicatamente con l’aiuto di uno spruzzino.

coltivare ravanelli

Ecco come coltivare i ravanelli:

  1. Prediligere terreni sciolti e ben drenati, con una buona percentuale di potassio e meno azoto. Il potassio è essenziale per lo sviluppo della radice commestibile. Attenzione alla concimazioni massicce, un eccesso di azoto potrebbe portare alla produzione di più foglie che frutti.
  2. Il terreno usato per la coltivazione del ravanello deve essere leggero perché in quelli pesanti i ravanelli tenderanno a diventare troppo piccanti. Se il sapore del ravanello è forte, la causa è correlata alla qualità del suolo e a scarse irrigazioni.
  3. Prediligere ambienti di crescita freschi e umidi.
  4. Per quanto riguarda l’esposizione, i ravanelli vanno posizionati a mezz’ombra.
  5. L’irrigazione deve essere abbondante, a maggior ragione se si tratta di una coltivazione di ravanello in vaso ed eseguita in periodi caldi e siccitosi dell’anno.

In base al principio della consociazione, piantare i ravanelli vicino a cavoli, spinaci, carote, piselli e pomodori. La lattuga, in particolare, è in grado di renderlo meno pungente e più saporito

Come coltivare ravanelli in vaso

Per la coltivazione dei ravanelli in vaso, il contenitore dovrà essere profondo circa 20 cm ed essere riempito con del buon terriccio leggero e fertile. Le cure da dedicare alle piante non cambiano.

Ravanello troppo piccante: perché succede?

Diversi fattori possono incidere sul sapore del rapanello. Se questo risulta “forte” o “piccante”, è bene modificare la composizione del terreno eseguendo una vangatura profonda e aggiungendo ammendanti.

Assicurarsi che il ravanello riceva la giusta quantità di acqua mediante irrigazione.

Mediamente i ravanelli maturano a poco più di un mese dalla semina: vanno raccolti non appena maturi, altrimenti tendono ad indurire e ad acquisire un sapore piccante.

Daikon o ravanello giapponese

In giapponese, il termine daikon, significa letteralmente “grossa radice”.  Il nome botanico del daikon è Raphanus sativus (var. longipinnatus o niger, i due termini sono sinonimi). E’ una varietà del ravanello comune tanto che viene anche ravanello cinese, ravanello giapponese o ravanello invernale (per il periodo di semina e raccolto).

Chi intende coltivare il ravanello giapponese può consultare la nostra guida: come coltivare il Daikon.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 novembre 2018