Bruciore agli occhi: rimedi naturali

Bruciore agli occhi
Bruciore agli occhi, capita spesso di avvertirlo, può essere un semplice segnale di stanchezza, una reazione a sostanza a cui siamo particolarmente sensibili oppure il sintomo di patologie più complesse e non immediate da diagnosticare. Se persiste, il bruciore agli occhi deve essere curato da un medico, ma possiamo affiancare alla eventuale terapia farmacologica, anche alcuni rimedi naturali. Importanti da conoscere, anche i trucchi per prevenire fastidi del genere.



Bruciore agli occhi: cause

Dalle banali alle gravi, sono numerose le cause del bruciore agli occhi. Questo fastidio può nascondere una irritazione legata all’esposizione al fumo di tabacco, allo smog oppure alla polvere.

Può capitare anche se utilizziamo senza troppo proteggerci, detergenti per la casa contenenti candeggina o altre sostanze potenzialmente irritanti, e sarà capitato a tutti almeno una volta di provare bruciore agli occhi a causa dello shampoo o del sapone entrato accidentalmente in contatto.

Le allergie, sia stagionali sia perenni, possono causare bruciore, e ci sono quelle ai pollini o ai peli di animale ma anche ai trucchi e alle creme. Il bruciore agli occhi può nascondere però anche patologie ben più gravi che solo un medico può “stanare” come la sindrome da occhio secco, la congiuntivite o la blefarite. In inverno, ma non solo, se ci capita di avere infezioni alle alte vie respiratorie, come l’influenza o il raffreddore, possiamo avvertire anche un fastidioso bruciore agli occhi.

Bruciore agli occhi

Bruciore agli occhi e stanchezza

Più banale delle cause già banali spiegate finora, c’è anche la stanchezza. E spesso legata allo stare davanti allo schermo del pc o a quello ancora più faticoso, di uno smartphone. Anche l’invecchiamento può aumentare le occasioni in cui gli occhi ci bruciano e lo stesso vale se utilizziamo lenti a contatto per periodi prolungati.

Bruciore agli occhi: sintomi

E’ piuttosto semplice capire i sintomi del bruciore oculare ma esso può essere accompagnato da altri che ci indirizzano nell’individuazione di una causa. Possiamo ad esempio provare anche prurito, oppure mostrare arrossamento ed irritazione oculare.

Ci sono persone che hanno la vista offuscata, gli occhi lacrimanti, o secchi, oppure una sensazione che qualcosa sia all’interno di un occhio. Se il Bruciore agli occhi è legato ad un raffreddore, molto probabilmente avremo anche il naso che cola, magari la tosse, e qualche starnuto.

Segnali più preoccupanti legati la Bruciore agli occhi possono essere il sanguinamento dall’occhio, la presenza di secrezioni di materiale denso giallo o verdastro, un’alterazione della vista, forti dolori, lampi di luce o la comparsa di punti neri o macchie scure.

Bruciore agli occhi

Bruciore agli occhi: rimedi naturali mascherina

Fatti gli opportuni controlli per comprendere le cause del Bruciore agli occhi possiamo rilassarci e svuotare la mente indossando una mascherina per dormire. Si tratta di un accessorio di lusso, in filo di seta di gelso al 100%, lavabile a mano e con una cinghia elastica morbido, tutta ipoallergenica e in grado di aiutare la circolazione sanguigna e la digestione. E’ ideale per riposare anche in viaggio. Una alternativa è il Palming per occhi

Bruciore agli occhi: rimedi della nonna

Quando persiste o diventa cronico, il Bruciore agli occhi deve essere curato da un medico, che molto probabilmente ci prescriverà una terapia farmacologica come gocce antibiotiche, pomate oculari, risciacqui con soluzione salina, lacrime artificiali o antistaminici.

Bruciore agli occhi

I rimedi della nonna riguardano soprattutto la prevenzione: cerchiamo di evitare ambienti troppo inquinati, utilizziamo un umidificatore se l’ambiente è molto secco, casa o ufficio che siano, e laviamoci sempre le mani prima di grattarci gli occhi e di usare le lenti a contatto, qualora le usassimo. Per un po’ di sollievo possiamo anche preparare impacchi freddi sulle palpebre, da tenere 10 minuti.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 16 gennaio 2017