Albero di Giuda

Albero di Giuda

Se vi state chiedendo quale è quell’albero che fiorisce sul tronco… è lui, l’albero di Giuda. L’Albero di Giuda, botanicamente conosciuto come Cercis siliquastrum, è un albero ornamentale poco conosciuto dagli italiani ma merita un posto di primo piano per la sua precoce e lussureggiante fioritura. L’albero di Giuda è perfetto per chi sta cercando un albero ornamentale da coltivare in giardino: ha un grosso valore estetico soprattutto in piena fioritura e in più non richiede alcuna particolare cura.

L’albero di Giuda presenta una fioritura particolare, non solo per la posizione ma anche per le tempistiche: i fiori spuntano prima delle foglie su tutti i rami fino a ricoprire anche il tronco. Le foglie caduche sono cuoriformi, larghe da 5 a 10 cm e dal colore alterno che va dal verde scuro sulla pagina superiore al verde opaco su quella inferiore. In primavera, le foglie, possono assumere tonalità bronzee mentre in primavera, in base all’esposizione solare, possono assumere un colore che va dal giallo oro all’arancio.

I fiori dell’albero di Giuda sono rosa porpora, raggruppati in insiemi da 4-6 esemplari. La magnifica fioritura avviene in marzo-aprile.

L’albero di Giuda, fiori da mangiare
La particolarità della fioritura continua in cucina: i fiori possono essere raccolti e mangiati, sia fritti in pastella sia mescolati freschi a insalate. C’è chi li conserva in salamoia come i capperi per poi usarli in zuppe o piatti alla pizzaiola e c’è chi li conserva sottaceto.

Al termine della fioritura, l’albero di Giuda sfoggerà i suoi frutti, si tratta di legumi appiattiti -sì, l’albero di Giuda fa parte della stessa famiglia di fagioli e piselli, è una Leguminosa- lunghi circa 10 cm e larghi quasi 2 cm. I frutti rimangono sulla pianta anche dopo la caduta delle foglie, fino a seccarsi.

L’albero di Giuda resiste benissimo alla siccità, predilige terreni calcarei con esposizioni ben soleggiate ma si adatta a qualsiasi tipo di suolo: come tutte le piante odia i ristagni idrici. Può essere coltivato nei giardini a bassissima manutenzione e non richiede acqua neanche nei periodi estivi. L’albero di Giuda può essere impiegato come piante ornamentale anche in villette o nei giardini in pieno centro urbano in quanto manifesta una grande resistenza all’inquinamento atmosferico.

L’Albero di Giuda, curiosità
Il suo nome comune sembra sia legato alla leggenda secondo la quale, Giuda, dopo aver tradito Gesù, si sarebbe impiccato proprio legando una corda ai suoi rami. Leggenda a parte, il nome potrebbe essere derivato dalle origini dell’albero, il suo nome potrebbe derivare dalla regione “Giudea”, l’attuale Palestina è ricca di Cercis siliquastrum.

Pubblicato da Anna De Simone il 6 marzo 2014