Air2Water Dolphin, un sorso d’aria

“L’acqua del rubinetto è potabile?” Questo dubbio ha fruttato fior fior di quattrini all’industria dell’acqua confezionata. Tradotto per le nostre tasche, soldi che volano via: secondo i dati ISTAT una famiglia italiana composta da tre persone spende circa 22 euro al mese per l’acquisto di bottiglie d’acqua!

Se vogliamo evitare l’acqua in bottiglia possiamo acquistare delle caraffe filtranti o installare un depuratore al rubinetto oppure, grazie a una nuova tecnologia, strappare l’acqua dall’aria! Partiamo dal presupposto che l’aria atmosferica contiene vapore acqueo. Cosa c’entra questo con la crisi idrica? La quantità di vapore acqueo presente nell’atmosfera è tanta da poter soddisfare tutte le esigenze idriche del genere umano.

In questa prospettiva scienziati e ingegneri sono sempre alla ricerca di metodi per estrarre l’acqua dall’aria senza attendere il naturale ciclo della pioggia. Produrre acqua sottraendola all’aria è possibile grazie a un dispositivo chiamato Air2Water Dolphin, un refrigeratore d’aria.

Già qualche anno fa, un inventore australiano progettò una sorta di micro-turbina eolica, la Max Water. La turbina era capace di estrarre l’acqua dall’aria grazie al cambiamento di fase dovuto alla differenza di temperatura. Un dispositivo destinato ai paesi dove l’acqua scarseggia fortemente. Meno di un anno fa lo stesso principio è stato attuato nelle regioni aride di Abu Dhabi dove turbine eoliche provvedono al fabbisogno idrico delle località remote. A cavalcare la stessa onda è Air2Water Dolphin che vuole arrivare nelle case dei Paesi sviluppati. Il dispositivo si presenta con un’estetica compatta e gradevole, il design è stato studiato per arredare case e uffici.

Air2Water Dolphin utilizza la tecnologia del deumidificatore ed è in grado di estrarre molecole d’acqua dall’aria; ciò è possibile mediante una tecnica di raffreddamento: raffreddando l’aria si forma la condensa e a quel punto sarà semplice raccogliere l’acqua presente nell’aria. Air2Water Dolphin può generare circa 20 litri d’acqua al giorno quando l’umidità esterna arriva al 70%.

Un moderno sistema di filtraccio fa in modo di fornire acqua pulita e priva di germi. Il filtro elettrostatico aspira l’aria presente all’esterno rimuovendo il 93% delle particelle sospese in essa. Dopo il meccanismo di condensa, l’acqua rimane in un serbatoio per meno di un’ora, qui una luce ultravioletta purificherà l’acqua uccidendo il 99,9% dei microrganismi presenti.

Sarebbe interessante sapere di quanta elettricità necessita Dolphin per funzionare.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 ottobre 2012