Agapornis Personatus, l’inseparabile mascherato

Agapornis Personatus o inseparabile mascherato
L’affascinante mondo dei pappagalli offre un variegato numero di specie. Se ne contano più di 350 nel nostro pianeta. Tra queste, una delle più suggestive è certamente rappresentata dai pappagalli Agapornis, più comunemente noti come pappagalli inseparabili o “lovebirds”. Il particolare nome deriva dalla loro tendenza a non separarsi dal proprio compagno o dalla propria compagna nel corso dell’esistenza.

Si tratta quindi di una razza di uccelli che ha la prassi di creare legami di coppia stabili. In questo articolo ci soffermeremo in particolar modo su una delle diverse specie che fanno parte della famiglia degli Agapornis, ovvero l’Agapornis Personatus, conosciuto anche come “Personata” o “inseparabile mascherato”.



Caratteristiche dell’Agapornis Personatus

L’inseparabile mascherato è l’Agapornis più diffuso in cattività insieme all’Agapornis fisheri (o inseparabile di Fisher) e all’Agapornis Roseicoillis. Contraddistinto dalla maschera facciale nera, il Personata presenta un piumaggio prevalentemente verde, un becco rosso corallo e una taglia che oscilla in media tra i 14,5 e i 15 centimetri. Giallo sul petto e sul collo, si caratterizza anche per l’occhio bruno scuro, accerchiato di bianco. Le ali dell’Agapornis Personatus sono invece verdi con sfumature nerastre.

La compattezza del corpo gli conferisce una “importanza” maggiore rispetto a quella della taglia effettiva. Distribuito in un areale piuttosto vasto nella parte settentrionale della Tanzania, l’Agapornis Personatus è diffuso anche in ampie zone a sud-est del lago Vittoria. In alcune aree particolari di Kenya e Tanzania si sovrappone all’Agapornis Fischeri. In queste zone si sono inoltre creati ibridi fertili che hanno dato vita a popolazioni intermedie tra le due specie di inseparabili.

Gli esemplari giovani di Personata sono simili a quelli adulti ma presentano in genere una colorazione più opaca che tende a scurirsi con il passare del tempo. Lo stesso becco evidenzia un colore rosso meno acceso. A crescita completata, ossia intorno agli otto mesi, i soggetti giovani raggiungono la medesima taglia degli individui adulti.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato: Pappagalli inseparabili, scopri il pappagallo Agapornis

Agapornis Personatus: distribuzione e habitat

L’inseparabile mascherato è originario dell’Africa, per l’esattezza della zona dei grandi altipiani del nord della Tanzania. La sua distribuzione si estende anche nelle regioni meridionali ad altitudini comprese tra i 1000 e i 1700 metri. La presenza dell’Agapornis Personatus è stata inoltre registrata ad altitudini maggiori, fino a 1.800 metri.

La popolazione selvatica ha subito per decenni catture piuttosto pesanti che non hanno tuttavia messo la specie in pericolo di estinzione. Oggi le catture sono per fortuna molto diminuite. In natura, la popolazione di Personata risulta perciò numericamente stabile.

L’Agapornis Personatus predilige vivere nelle aree erbose contraddistinte da isolate macchie boscose, dove predomina l’acacia. Non disdegna comunque neanche le aree coltivate del fondovalle.

Inseparabile mascherato: carattere

L’Agapornis Personatus è una specie molto interessante da un punto di vista etologico perché presenta una ampia gamma di comportamenti e di abitudini che, in taluni casi, variano da gruppo a gruppo. Generalmente, in natura vive in gruppi di venti/trenta individui che evidenziano atteggiamenti socievoli e gregari. È tuttavia possibile trovare anche dei gruppi composti da oltre cento soggetti che vivono in colonia, dimostrando un alto livello di socialità. Ma in natura si segnalano anche coppie isolate che si contraddistinguono per un forte amore per l’indipendenza.

Il Personata è un ottimo volatore che ama dilettarsi in acrobazie aeree nella boscaglia. Quando si muove alla ricerca di cibo o quando si sente in pericolo, il suo volo diventa invece rapido e concentrato, così da evitare perdite di tempo.

Agapornis Personatus in cattività

L’inseparabile mascherato può essere messo in voliera con Agapornis di altre specie, tra cui il Fischeri. In cattività, il Personata si caratterizza per diverse mutazioni, tra cui:

  • il verde scuro;
  • il malva;
  • l’oliva;
  • il blu;
  • il viola;
  • il cobalto;
  • l’albino.

La socievolezza che contraddistingue l’Agapornis Personatus nel suo habitat naturale si riscontra anche in cattività. Se il piccolo pappagallo viene preso in affidamento in giovane età, può anche essere addomesticato con una certa facilità. Dimostrando un po’ di pazienza, si può tuttavia instaurare un rapporto di confidenza anche con gli esemplari selvatici.

L’inseparabile mascherato ama molto l’acqua. Per questo motivo è bene lasciargli sempre una vaschetta in gabbia, così da consentirgli di fare il bagno ogniqualvolta ne senta la necessità.

Riproduzione del Personata

L’Agapornis Personatus è tendenzialmente un uccello monogamo. La sua maturità sessuale viene raggiunta tra i dieci e i dodici mesi di età. In natura, il periodo riproduttivo dura normalmente da marzo ad agosto. La femmina è solita creare un nido comodo e ben imbottito nel cavo di un albero, trasportando il materiale per la costruzione con il becco. Il maschio non collabora attivamente nella realizzazione del nido, tuttavia nutre spesso la compagna, rigurgitando il cibo per lei.

Personata

Un albero tipico in cui i piccoli pappagalli costruiscono il nido è il baobab. In questa tipologia di alberi si possono trovare anche più nidi, spesso molto vicini tra loro.

Quando le coppie di Agapornis Personatus sono in cattività è opportuno fornire loro del materiale per costruire il nido nel momento in cui sono pronti per la riproduzione. Come materiale ideale è possibile ricorrere a dei rametti di ulivo o di salice.

La deposizione delle uova avviene solitamente due volte per stagione riproduttiva, nel periodo secco. La prima si verifica tra marzo e aprile. La seconda tra giugno e luglio. Il numero delle uova varia in genere tra le quattro e le sette. L’incubazione dura poi dai venti ai ventitré giorni. I piccoli lasciano il nido a circa quarantacinque giorni, divenendo autonomi intorno ai due mesi di vita.

Nelle colonie fisse di Agapornis Personatus che sono distribuite in natura, ciascuna coppia mantiene lo stesso nido per tutta la vita riproduttiva, custodendolo anche come eventuale dormitorio.

Alimentazione dell’inseparabile mascherato

L’alimentazione dei Personata è la stessa di tutte le altre specie di Agapornis. Siamo quindi di fronte a uccelli granivori che si cibano di miglio, di scagliola, di sorgo e di altre sementi. L’inseparabile mascherato ha una predilezione per le spighe di panico. Nella sua dieta occorre dare spazio anche a frutta e verdura, tra cui la lattuga, la cicoria e le foglie di cavolo o di spinaci.

Gli Agapornis Personatus amano molto dissetarsi con l’acqua. Il pappagallino si abbevera in genere più volte nel corso della giornata, in particolar modo durante il periodo di allevamento della prole.

Pubblicato da Evelyn Baleani il 22 Gennaio 2021