Acqua in giardino, quanta ne serve?

Acqua in giardino

Con l’arrivo della stagione calda si presenta il problema di dare acqua in giardino e nell’orto, assicurando al prato e a ogni pianta il giusto apporto idrico.

Il problema è che spesso di acqua in giardino o nell’orto non ce n’è, nel senso che non ci sono fonti vicine, e qui le cose si complicano perché l’acqua bisogna portarcela con sistemi di irrigazione o serbatoi. E allora scatta la domanda: di acqua in giardino quanta ne serve?

Per avere un’idea del fabbisogno idrico del vostro giardino e del vostro orto fate riferimento alle indicazioni qui sotto, poi studierete la modalità di approvvigionamento più conveniente. Vi accorgerete subito che per coltivare di acqua ne serve tanta, ma vanno considerate anche le precipitazioni e lo stop alle innaffiature nella stagione fredda.

  • Al prato servono circa 4-6 litri di acqua al giorno per ogni metro quadrato. Durante l’inverno le innaffiature vengono sospese e in primavera-autunno aiutano le piogge, ma al lordo delle precipitazioni considerate che questa è l’acqua necessaria.
  • Per gli alberi dipende. Alle latifoglie piantate nell’anno servono 40-60 litri ogni due giorni per ogni pianta, poi ci si regola come per il prato. Per le specie tropicali la quantità sale a 60-80 litri ogni due giorni per pianta, e anche in seguito si sta un po’ sopra il fabbisogno del prato. Alle conifere sono necessari 40-60 litri d’acqua ogni due giorni per pianta, ma solo nei primi due anni perché poi provvedono da sole.
  • Per gli arbusti (rose a cespuglio, biancospino, viburno, sambuco…) sono da prevedere 8-16 litri pianta/giorno nel caso dei primi impianti, il doppio per gli esemplari già sviluppati. Per le siepi: 4 litri al giorno per metro lineare alle siepi giovani, il doppioa quelle svulippate.
  • Alle piante da frutto servono 60 litri circa di acqua per pianta ogni due giorni in un frutteto dove per ogni albero è stato calcolato un sesto d’impianto, è di 16 metri quadrati circa.
  • Per coltivare un orto servono circa 3 litri d’acqua al giorno per ogni metro quadrato. Non tutti gli ortaggi hanno lo stesso fabbisogni idrico, ma la media è questa.

Acqua in giardino, come farla arrivare?

Dove esiste un rubinetto di attacco non troppo distante si può portare acqua in giardino con il classico tubo di gomma. Tenete però presente che l’irrigazione a pioggia è la più dispendiosa e la meno utile alle piante (alcune non sopportano proprio l’acqua sulle foglie) e che l’acqua ideale è quella a temperatura ambiente.

Il miglior sistema di irrigazione è quello ‘a goccia’ che a arrivare l’acqua direttamente alle radici in quantità moderata e, grazie all’erogazione centellinata, non causa shock termici. Serve un punto di attacco non troppo lontano, un tubo forato (ala gocciolante), un tappo di fine tubo e un programmatore di erogazione che si acquistano facilmente:

100 MT TUBO 16mm/ Ala gocciolante doppio foro

Tappo di fine tubo 16 mm

Programmatore di erogazione acqua

Per limitare il consumo di acqua e dove non esiste un attacco vicino si può invece raccogliere l’acqua piovana in serbatoi capienti. Si possono usare fusti di recupero oppure ci si può procurare qualcosa di più funzionale che nel caso può essere collegato a un pluviale per raccogliere l’acqua dal tetto:

Contenitore per acqua piovana da 200 litri

Pubblicato da Michele Ciceri il 9 maggio 2015