L’Acqua del rubinetto fa male?

acqua del rubinetto fa male

L’acqua del rubinetto fa male? Domanda molto difficile perché tutto dipende da come è gestita la rete idrica cittadina. In teoria l’acqua del rubinetto dovrebbe essere perfettamente potabile e quindi sicura per la salute. Purtroppo a far sorgere dei dubbi nei cittadini sono scandali come quello della contaminazione da arsenico, questione che ha interessato diversi comuni delle regioni Toscana, Lombardia e Lazio.



Quello dell’acqua all’arsenico non è l’unico scandalo che ha minato la fiducia risposta dai cittadini nella rete idrica. La sicurezza dell’acqua del rubinetto fa discutere molto, tanto che il tema è stato alzato anche durante l’appena trascorsa campagna elettorale 2015 da non pochi candidati delle più disparate amministrazioni italiane. Per riportare un esempio, l’acqua del rubinetto è stata al centro dell’interesse del candidato sindaco del comitato civico “CambiAmo Vibo” (Vibo Valentia) Antonio D’ Agostino:

“il problema dell’acqua, resta tuttora una vicenda irrisolta. La potabilità del prezioso liquido rimane tutt’oggi per molti cittadini vibonesi decisamente discutibile. Questo poiché l’ acqua, in molti casi, dall’ agosto del 2010 – periodo nel quale scoppiò in città e frazioni la prima emergenza fino ad oggi non ha mai smesso di arrivare nelle case dei cittadini di un inquietante colore marroncino e maleodorante. Da ricordare, inoltre, che proprio l’ emergenza idrica è finita sotto i riflettori della locale Procura della Repubblica che ha aperto nei mesi scorsi un apposito fascicolo di indagine che vede ancora oggi diversi indagati sotto inchiesta.” Così come riportato dalle pagine del portale del Codacons.

L’acqua del rubinetto fa male? Forse in alcune località d’Italia sì, ma anche l’acqua in bottiglia non è esulata da scandali, quindi possiamo sollevare un’altra domanda: l’acqua minerale fa male? O meglio, l’acqua in bottiglia è più sicura di quella che sgorga dal rubinetto?

L’acqua minerale non è né per definizione né in pratica necessariamente più pura e più sana dell’acqua potabile.” E’ questo quello che si legge nel libro “Qualcuno vuol darcelo a bere” di Giuseppe Altamore. Libro che riporta test, ricerche e approfondimenti sulla salubrità dell’acqua minerale paragonata all’acqua del rubinetto.

Se il focus è l’impatto ambientale, certamente l’acqua del rubinetto è più sicura di quella in bottiglia. L’acqua minerale grava sull’ambiente dall’imbottigliamento alla distribuzione, dall’acquisto allo smaltimento… Le bottiglie di plastica, seppur riciclabili, hanno un forte costo per l’ambiente. Anche se esaminiamo i costi non ambientali, ma il peso economico, l’acqua del rubinetto ne esce vincitrice. Anche se in Italia abbiamo il comune con l’acqua più cara d’Europa (Sestri, con un costo di 4,21 euro al metro cubo), l’acqua del rubinetto risulta di gran lunga più economica e sostenibile per l’ambiente.

L’acqua del rubinetto fa male?

Dopo la doverosa premessa, si può affermare che, fatta eccezione dei casi dove vi sono contaminazioni delle falde acquifere e cattiva gestione della rete idrica, l’acqua del rubinetto non fa male ed è sicura. Per tutelarsi, il cittadino può rivolgersi alle autorità competenti o agli enti come l’ARPA (acronimo di Agenzia regionale per la protezione ambientale).

Come fare per bere acqua sicura e potabile?

Di certo, comprare l’acqua in bottiglia non vi terrà al sicuro, purtroppo solo il consumatore può tutelare davvero se stesso. Se vogliamo bere acqua buona, pura e non contaminata, dobbiamo “lottare” e investire più forze nella tutela dell’ambiente. Solo proteggendo fiumi, laghi e falde acquifere riusciamo a garantirci un approvvigionamento idrico sicuro.

Nell’immediato è possibile dotare i rubinetti di casa di appositi filtri in grado di potabilizzare l’acqua del rubinetto e renderla anche più saporita al palato. A tal proposito vi consiglio l’acquisto di un frigogasatore che, a discrezione dell’utente, può fornire acqua frizzante o liscia perfettamente depurata.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 19 giugno 2015