Acne rosacea: cause e cura

Acne rosacea

Acne rosacea è il nome di una malattia infiammatoria cronica, colpisce la pelle soprattutto degli adulti con la carnagione chiara e i capelli tendenti al biondo. Al contrario di ciò che si può pensare, parlando di acne, cioè che colpisca gli adolescenti, stavolta le vittime hanno ben passato i 18 anni. Si parla di acne rosacea a volte anche come di “Maledizione dei Celti”, proprio perché se la prende con chi ha sembianze “nordiche”. Quando compare questa patologia, si nota un arrossamento localizzato, di solito su guance, naso, mento e fronte.  Le donne sono più colpite rispetto agli uomini, almeno tre volte di più, ma allo stesso tempo prendono maggiori precauzioni e si curano più prontamente.



Acne rosacea lieve

L’acne rosacea inizia quasi sempre in modo lieve e poi peggiora nel tempo in modo costante e spesso decisamente fastidioso. Se nella forma lieve, si nota a fatica, poi la sua presenza diventa veramente impossibile da non vedere, diventa un problema che può crearne anche dal punto di vista psicologico e sociale,

Il rossore diventa persistente e anomalo. Ci sono casi in cui l’acne rosacea alterna momenti di forma lieve con altri di picco, ha quindi un decorso ciclico, che alterna settimane o mesi migliori con altri peggiori.

Acne rosacea

Acne rosacea: cause

Le cause che provocano la comparsa dell’acne rosacea sono sconosciute, molto probabilmente c’è una combinazione di fattori che la fa comparire, spesso sono sia ereditari, sia ambientali, ma anche psicologici ed immunologici.

Certo, al primo comparire di questa patologia della pelle, si hanno delle manifestazioni che sembrano di tipo solo vascolare, con alterazioni dei flussi venosi che portano all’arrossamento e anche piccole lesioni legate alla dilatazione dei capillari sanguigni. Ci sono tante altre possibili concause per l’acne rosacea, ad esempio l’esposizione a temperature troppo fredde o troppo calde, oppure al vento, gli stress emotivi, un esercizio fisico eccessivo, bagni caldi troppo frequenti.

L’acne rosacea può coincidere anche con l’arrivo della menopausa, oppure con l’uso prolungato di corticosteroidi e di farmaci che dilatano i vasi sanguigni.

Acne rosacea: cura

E’ molto facile confondere l’acne rosacea con altri disturbi che riguardano la pelle e che provocano ugualmente lesioni cutanee, gonfiore del naso e irritazione della cute vicino agli occhi. In questo caso si parla proprio di acne rosacea oculare.

Quando si cura in modo corretto e puntuale la patologia, si riesce a ridurne i sintomi anche se una terapia vera e propria per la rosacea non esiste. Ci sono medici che prescrivono una combinazione di farmaci da spalmare e da ingerire.

A livello topico possiamo puntare su prodotti che hanno un effetto antibatterico ed antinfiammatorio come il metronidazolo e l’’acido azelaico, per via orale si possono assumere anche antibiotici ma badando che non creino disturbi allo stomaco, diarrea, nausea o vomito. In extremis esiste anche il trattamento chirurgico per curare l’acne rosacea.

Acne rosacea

Acne rosacea e alimentazione 

Come non esiste una cura, non c’è neanche una specifica dieta per contro l’acne rosacea ma se si vuole abbattere le possibilità che inizi a disturbarci, meglio evitare alcolici, cibi troppo caldi, cibi piccanti o speziati e caffè.

Ci sono anche altri accorgimenti che possiamo applicare al nostro stile di vita per ridurre il rischio, a partire dal proteggere la pelle dal sole in estate e dal freddo in inverno, con una sciarpa, evitare di strofinare troppo la pelle del viso e di usare prodotti con alcol o irritanti.

Acne rosacea: rimedi naturali

Dato che l’acne rosacea può creare anche problemi sociali e psicologici, possiamo anche ricorrere a dei trattamento cosmetici in modo da attenuare gli effetti mentre la curiamo. L’importante è che si tratti di prodotti naturali come questa maschera per il viso di argilla bentonite che funziona anche per i punti neri e le macchie dell’età.

Possiamo anche utilizzare dei prodotti omeopatici o naturali che abbiano una azione protettrice per capillari come bioflavonoidi, vitamina C, antocianosidi o sostanze ad azione antiflogistica e decongestionante.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 6 maggio 2017