Aceto di mele, benefici

aceto di mele

L’aceto di mele è un alimento che può impiegato non solo per appagare il palato ma anche per la cura del corpo. In questa pagina vi elencheremo quali sono gli usi dell’aceto di mele e i benefici che potremmo trarne.

L’aceto di mele si ricava da un processo di fermentazione mediante il quale gli zuccheri naturalmente presenti nella mela si convertono in alcool e successivamente in aceto.

Per sfruttare al meglio le proprietà dell’aceto di mele, molta attenzione dovete porta al omento dell’acquisto: in commercio esistono diversi tipi di aceto di mele molti dei quali hanno subito un processo di pastorizzazione; evitate la scelta di prodotti pastorizzati in quanto avranno perso la gran parte di proprietà nutritive. Orientatevi su un aceto di mele di produzione biologica e non filtrato.

Aceto di mele, benefici

Aceto di mele per dimagrire

Sebbene molti blogger vi consigliano di bere due cucchiai di aceto di mele diluito in un bicchiere d’acqua, noi vi invitiamo ad usarlo introducendolo come condimento base della vostra alimentazione quotidiana.
L’acido acetico in esso contenuto, riduce il rischio di obesità e contrasta l’accumulo di tessuto adiposo.
Usandolo come condimento nella dieta quotidiana andremo a ridurre l’impiego del più calorico olio.
Vi sconsigliamo la pratica di bere l’aceto a digiuno per evitare controindicazioni come per esempio bruciore di stomaco.

Aceto di mele contro le micosi della pelle

L’aceto di mele si pone come rimedio naturale alla micosi della pelle causata dal comunissimo fungo Candida albicans.
Impiego
Immergete la zona infetta in una bacinella contenente acqua e aceto di mele in parti uguali; in alternativa potete limitarvi all’uso di un batuffolo di cotone ben impregnato nella soluzione da applicare come un impacco

L’aceto di mele contro la forfora

L’aceto di mele è un vero portento contro la forfora! La composizione chimica dell’aceto riesce a creare un ambiente poco apprezzato da lieviti e funghi che causano la forfora. Potete utilizzarlo puro o mischiato con dell’acqua calda (considerando 2 parti di aceto e 4-5 d’acqua). Applicate la miscela ottenuta sul cuoio capelluto dopodiché avvolgere i capelli con un asciugamano. Lasciate agire per almeno 10 ore (per questo è consigliabile provare questo trattamento la sera, prima di andare a letto). Trascorsi i tempi di posa risciacquare i capelli con uno shampoo delicato.

Aceto di mele per favorire la digestione e aiutare le difese immunitarie

L’aceto di mele può aiutare la digestione soprattutto in associazione a un pasto ricco di amidi: a livello dell’intestino i carboidrati ingeriti con gli amidi svolgono un ruolo probiotico aiutando la flora batterica “buona” presente nel nostro apparato intestinale. Per lo stesso motivo l’aceto di mele aiuta a rafforzare la nostra difesa immunitaria. Il suo consumo in piccole quantità mantiene sotto controllo la stitichezza ed evita problemi digestivi come l’infiammazione.

Aceto di mele per eliminare le verruche

Grazie all’elevata concentrazione di acido acetico, l’aceto di mele svolge un’azione antisettica, molto utile per chi ha problemi di verruche.

Come impiegarlo?
Anche in questo caso potete scegliere se immergere la parte interessata in una soluzione composta di aceto di mele e acqua o adoperare un batuffolo di cotone da applicare come un impacco. Se non avete problemi di pelle sensibile potete procedere con l’impiego del prodotto puro, senza la diluizione in acqua.

Aceto di mele come rivitalizzante

L’aceto di mele annovera discrete proprietà toniche. C’è chi afferma che ingerendo un bicchiere d’acqua con due cucchiai di aceto mele si possa conferire all’organismo maggiore vitalità sia fisica che mentale.
Se siete a caccia di una bevanda naturale rivitalizzante, valutate l’impiego di acqua di cocco non dolcificato.

Aceto di mele per ridurre le vene varicose

L’aceto di mele è annoverato tra i vecchi rimedi della nonna perché sembrerebbe efficace nel ridurre le vene varicose

Come impiegarlo?
Realizzare una soluzione composta di due parti di aceto di mele e una di acqua
immergete una garza pulita poi coprite la parte interessata.
Lasciate in posa per circa 30 minuti e sciacquate con acqua tiepida

Pubblicato da Anna De Simone il 19 aprile 2016