Yoga dinamico: cosa è e benefici

Yoga dinamico

Chi pensa allo yoga classico è difficile immaginare uno yoga dinamico, me ne rendo conto, eppure esiste e non è frutto dell’eccentrica inventiva di qualche eretico. Non è nemmeno una invenzione tanto moderna e nata con obiettivi di marketing. Il dinamico esiste, ha un suo nome e delle sue “regole”, e anche molti benefici per chi lo pratica.



Da tempo, e non solo oggi in questo mondo sempre in movimento, chi fa yoga ha delle difficoltà a mantenere gli asana in modo statico. Non è sempre una questione di avere fretta, è spesso il corpo che si ribella, la mente che scalpita e poco ci vuole a perdere la posizione, soprattutto se si è ancora agli inizi. Con lo yoga dinamico parte di questi problemi possono ritenersi risolti anche la disciplina resta sempre tutt’altro che banale.

Yoga dinamico: cosa è

Chi ha già provato ad approfondire il tema avrà sentito parlare di “vinyasa“. Con questo termine si va definire uno stile di yoga dinamico dove si “fluisce” da una posizione all’altra in accordo con il respiro. Il corpo, e anche la mente, non fanno altro che transitare da un asana al successivo, non in modo causale o nevrotico ma dinamico e scorrevole perché a guidarli c’è il respiro, la saggia alternanza di inspirazione ed espirazione.

Un esempio classico di questo stile di yoga è il noto saluto al sole che troviamo praticato anche da tradizioni yoga più statiche, ma in generale quella che si esegue è sempre una sequenza che attinge dal repertorio delle posture classiche, quelle dell’hatha yoga, legate le une all’altre in una sorta di meditazione in movimento. Questo vale di base, in generale, per dare delle linee guida ad uno stile che risulta di fatto però potenzialmente fantasioso e creativo.

L’insegnante di yoga dinamico, infatti, è libero di elaborare un numero infinito di combinazioni, proponendole ai propri studenti dopo averle decise in base anche alle loro propensioni e alla loro capacità di concentrazione. Le sequenze quindi possono cambiare di classe in classe e di giorno in giorno, possono essere più dinamiche o meno, più difficoltose o meno da eseguire, fino ad arrivare ad essere considerate anche fisicamente impegnative.

Lo yoga dinamico è uno stile per sua natura eclettico e creativo, che richiede una certa elasticità mentale ma anche una certa preparazione atletica trattandosi di una disciplina vigorosa. Può essere utilizzato in tanti contesti diversi, è “plasmabile” a tante situazioni visto che la sequenza da eseguire non è fissata a priori, il maestro è libero di proporre l’una o l’altra, guidato da esperienza e istinto.

Yoga dinamico: cosa è

Yoga dinamico: tappetino

Da grandi discorsi filosofici a questioni meramente pratiche come l’acquisto del tappetino per fare yoga, dinamico o meno. Ce ne sono diversi in commercio, anche on line si trovano delle buone proposte come questo tappetino da yoga, antiscivolo e resistente, ottimale come ammortizzatore di colpi e con doppio strato. In vendita a 33 euro su Amazon è un ottimo cuscino anche leggero da trasportare 1830×800×6mm.

In alternativa c’è un tappetino da yoga antiscivolo che può essere utilizzato anche in altre occasioni, come per fare pilates o esercizi di fitness. Costa 38 euro, sempre su Amazon. Ultima proposta, che facciamo qui, è questo tappetino da yoga con uno spessore di 10 millimetri, con una coperta antistrappo e la superficie antiscivolo, da 20 euro.

Yoga dinamico benefici

Yoga dinamico: benefici

Lo yoga dinamico è uno stile di yoga considerato particolarmente adatto alla forma mentis occidentale che si contrappone quindi alle idee che stanno alla base dell’hatha yoga. Tra i benefici legati a questa disciplina, ci sono quelli a livello cardiovascolare, in generale allena molto la resistenza e potenzia le forze.

E’ importante anche in questo caso trovare il proprio ritmo e non andare in affanno nel seguire l’insegnante, la sequenza deve essere un fluire e non un inseguire le sue mosse. Ecco anche perché in generale lo yoga dinamico non viene consigliato ai principianti ma a chi già conosce lo yoga e può con maggiore disinvoltura passare da una posizione all’altra senza troppo stancarsi o deconcentrarsi.

Yoga dinamico: esercizi

Per chi desidera approfondire questa disciplina c’è il libro “Yoga dinamico” scritto da Kia Meaux in cui viene illustrata sia la sua genesi, sia le sue potenzialità. La guida, ispirata all’Astanga Vinyasa yoga, propone e spiega esercizi energizzanti e tecniche di rilassamento praticabili senza problemi a casa propria.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 20 novembre 2018