Volontariato sociale: il racconto di una volontaria in Nepal

monaci bambini che giocano

Il volontariato sociale è un attività svolta da persone comuni che decidono di dedicare una parte del proprio tempo per offrire attività utili alla nostra società.

L’attività è in genere offerta pro-bono, senza ricevere alcun compenso, e può riguardare diversi ambiti: supporto a persone indigenti o con problemi di diversa natura, azioni finalizzate alla salvaguardia dell’ambiente, progetti di giustizia sociale o di supporto a piccole attività con valenza sociale.

Il volontariato sociale rientra nell’ambito del terzo settore e ovviamente non ha un obiettivo di realizzare un profitto economico.

In questo articolo Virginia Melodia ci spiegherà come funziona il volontariato sociale e ci racconterà la sua esperienza con la Onlus YearOut vissuta in Nepal, tra monasteri buddisti immersi tra le montagne dell’Himalaya.

Come funziona il volontariato sociale

Si può contribuire a raggiungere i risultati del progetto svolgendo attività in vari settori: istruzione, insegnamento della lingua inglese, sport, costruzione e lavori manuali e empowerment femminile.

Il progetto di volontariato in Nepal è rivolto ai bambini delle comunità più indigenti nell’area di Kathmandu, con interventi mirati al supporto di strutture scolastiche e centri educativi durante il dopo-scuola.  Sono attivi progetti a favore dei bambini portatori di disabilità e speciali programmi rivolti alle donne, che necessitano di competenze per raggiungere i propri obiettivi lavorativi.

La mia esperienza in Nepal

“C’è più gioia nel dare che nel ricevere”. E’ questo lo spirito che uno ha viaggiando facendo volontariato. Si torna a casa con una gioia diversa da quella che si ha dopo una solita vacanza. È nella nostra natura aiutare il prossimo, il vero amore è il prendersi cura dell’uno e dell’altro. Per questo ho deciso di raccontavi la mia esperienza.

Nel 2019 sono partita per il mio primo viaggio di volontariato all’estero. Era da anni che volevo fare un’esperienza di questo genere. Ho avuto una grandissima fortuna a trovare una organizzazione con uno spirito incredibile proprio a Milano, YearOut Onlus. Il loro supporto sia prima che durante la mia partenza ha fatto veramente la differenza. Tra i programmi offerti io decisi di propormi per il loro progetto in Nepal. Un’esperienza unica che mai avrei pensato di trovare. Solo il pensiero di poter conoscere in prima persona la vita dei piccoli monaci buddisti in uno dei paesi più speciali al mondo mi diede una grande emozione.

Arrivai nella seconda settimana di settembre, durante la fine della stagione dei monsoni. Era come se fossi tornata indietro nel tempo; tra il loro modo di vestire tradizionale, il loro uso minimo della tecnologia e i templi che risalgono dalla fine del X secolo avevo la sensazione di essere in un altra era.

Una cosa che mi colpì molto fu l’energia delle persone e la loro ospitalità. Essendo uno dei paesi più poveri al mondo, non hanno la possibilità di trovare un benessere materiale, perciò, lo devono cercare nella spiritualità. Infatti, questo aspetto l’ho subito notato nella zona di Kathmandu in cui stavo, Boudhanath, un importante luogo di pellegrinaggio e meditazione per i buddisti tibetani e i nepalesi locali. Si trova su quella che era un’importante rotta commerciale tra il Nepal e il Tibet dove vivono persone di religione buddista.

Appena arrivata la famiglia che mi ospitava mi accolse con un rituale buddista di purificazione, le persone in giro per la città mi salutavano con un namaste in preghiera, la mattina e vicino alle Stupe era sempre presente il loro mantra cantato ‘Om Mani Padme Hum’ e i bambini al monastero passavano ore tutte le mattine e sere a pregare.

templi in Nepal

Al monastero ho lavorato per due settimane. Ogni mattina mi recavo a piedi e insegnavo dalle nove fino a mezzogiorno per poi riprendere alle tre e finire alle cinque.

La mattina era dedicata allo studio di diverse materie tutte insegnate in lingua inglese e il pomeriggio era invece l’unico momento ricreativo per i bambini che si svegliavano alle cinque di mattina per pulire, cucinare e pregare. Erano in nove i piccoli monaci: stupendi, svegli e educati. Durante il giorno non c’era nessuno a parte me, ero completamente autonoma. Il Lama essendo molto impegnato non c’era quasi mai e la cuoca veniva solo all’ora di pranzo.

Non mi scorderò mai i miei novi studenti. Mi hanno lasciato un’impronta molto profonda. È emozionante il rispetto e l’amore che ho ricevuto. La loro gratitudine era immensa, l’ultimo giorno mi accolsero con una festa e dei regali. Non ho mai visto dei bambini di nove anni con la loro consapevolezza.

Il mio volontariato sociale in Nepal lo terminai sull’Himalaya con un trekking di una settimana sulle montagne dell’Annapurna, uno dei posti più sacri al mondo.

Passando giornate in montagna con viste strepitose e conoscendo la popolazione locale è stato il miglior modo per terminare il mio viaggio. Ho lasciato il paese che ero una persona nuova. La loro cultura mi ha insegnato l’importanza della spiritualità e l’impatto che ha verso la nostra relazione con la natura e il prossimo.

YearOut: la Onlus per cui ho viaggiato

Alice e Flavia sono le due coordinatrici di YearOut, loro seguono ogni volontario prima, durante e dopo il viaggio. Hanno sede a Milano e offrono appuntamenti  in persona o tramite chiamata. Offrono l’opportunità di fare un’esperienza di volontariato sociale, ambientale e medico con partenze durante tutto l’anno. I costi variano a seconda della destinazione e della durata dell’esperienza. Essi coprono: vitto, alloggio, transfer da/per l’aeroporto e i materiali per le attività. Tra i diversi progetti offrono: Costa Rica, India, Kenya, Namibia, Nepal, Perù – Cusco, Perù – Valle Sacra, Tanzania, Grecia, Uganda e Italia.

Volontariato ambientale: un’alternativa green al volontariato sociale

Nei progetti ambientali il volontario lavora in riserve naturali e immerso nella fauna e nella flora locale. Le attività sono volte alla tutela dell’ecosistema e alla salvaguardia delle specie minacciate.

L’obiettivo del volontariato ambientale in Costa Rica è equilibrare lo sviluppo umano e la conservazione delle risorse naturali, in particolare supportando lo studio delle tartarughe marine di Ostional e tutelando il raro fenomeno delle Arribadas.

In Namibia l’obiettivo è la riabilitazione a lungo termine degli animali e il loro reinserimento nell’habitat naturale di origine. Nel Wildlife Sanctuary, una riserva di 3.200 ettari che offre un rifugio sicuro a esemplari a rischio e in difficoltà.

Come candidarsi con YearOut

Il mio consiglio è di partecipare a uni dei loro digital InfoDay, ne organizzano due ogni mese durante i quali avrai la possibilità di conoscere i volontari senior. Puoi registrati compilando il form al link: https://www.yearout.it/it/incontriamoci/infoday.asp.

Per conoscere i progetti e le modalità per partire puoi scrivere a [email protected] o chiamare il +39 334 8606453.

 

di Virginia Melodia, volontaria sociale per la Onlus YearOut

Pubblicato da Matteo Di Felice, Imprenditore e Managing Director di IdeeGreen.it, Istruttore di corsa RunTrainer certificato RunAcademy FIDAL, Istruttore Divulgativo certificato della Federazione Scacchi Italiana e appassionato di Sostenibilità, il 15 Febbraio 2022