Smaltimento RAEE, la guida al consumatore

smaltimento RAEE

Smaltimento Raee, una guida che vi spiegherà come comportarvi per gestire i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

I RAEE prodotti in quotidianamente da noi italiani sono un’infinità: televisori, robot da cucina, tostapane, orologi, frigoriferi, lavatrici, pile, lampadine, modem, notebook… e tanti altri elettrodomestici ormai giunti alla fine del loro ciclo di vita. I RAEE possono essere suddivisi in 5 categorie:

  • R1, riferito a rifiuti da apparecchiature elettriche quali frigoriferi e climatizzatori. R1 = Freddo e clima.
  • R2, altri Grandi Bianchi come lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie.
  • R2, sono i rifiuti elettronici quali tv e monitor.
  • R4, rappresentano i rifiuti da apparecchiature elettroniche più diffusi, vale a dire piccoli elettrodomestici, impianti audio e elettronica di consumo (smartphone, lettori multimediali, tablet…).
  • R5, lampadine di ogni tipo e altre sorgenti luminose.

Per il corretto smaltimento dei RAEE bisogna conferire tali rifiuti presso le isole ecologiche comunali. Se si tratta di Raee ingombranti come i grandi Bianchi o i RAEE della categoria R1, sarà necessario richiedere il ritiro a domicilio offerto gratuitamente in molte città italiane. Se lo smaltimento raee è legato all’acquisto di un nuovo elettrodomestico, portate quello vecchio direttamente al negoziante che provvederà a smaltirlo in modo del tutto gratuito.

Anche i giocattoli da gettare via potrebbero non dover finire nell’indifferenziato. Come capire se un giocattolo va nell’indifferenziato o con lo smaltimento raee?
Osservate l’oggetto o la sua confezione, se presenta il classico logo di un bidone della spazzatura barrato con una X, non può finire nel secco indifferenziato ma dovrà essere conferito con gli altri RAEE. La gran parte dei giocattoli radiocomandati o che presentano componenti elettriche vanno conferiti con i RAEE.

Smaltimento RAEE – cosa non fare

  1. Non battute i rifiuti elettronici nella pattumiera, assolutamente non vanno conferiti con la raccolta indifferenziata. Il secco fin troppo spesso è destinato a mostri ecologici chiamati inceneritori o termovalorizzatori.
  2. Evitate di ammassare rifiuti elettronici in cantina o in soffitta. Finireste per occupare solo spazio prezioso rimandando ai posteri il problema. Inoltre, in caso di umidità, innalzamento delle temperature e conservazione scorretta, i raee potrebbero alterarsi e non giovare all’ambiente domestico.
  3. Non mischiare i raee con altri rifiuti non elettronici.

Smaltimento RAEE – cosa fare

  1. Portate i RAEE presso le isole ecologiche comunali o conferite i raee nei centri di raccolta autorizzati. Per scoprire il punto di raccolta RAEE più vicino visitate il portale remediapervoi.it alla voce Ricerca Eco-Piazzola RAEE.
  2. Richiedete il ritiro a domicilio dei RAEE ingombranti come i Grandi Bianchi (lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie…).
  3. Al momento dell’acquisto di un nuovo elettrodomestico, consegnate quello vecchio al commerciante. Il punto vendita è tenuto per legge ad accettarlo anche se non più funzionante. La normativa vigente impone al punto vendita di provvedere al corretto smaltimento raee.

Pubblicato da Anna De Simone