Risparmiare energia negli edifici: se ne parla a EOS

Casa di legno SaDiLegno

È interessante vedere che EOS – Exposition of Sustainability, salone italiano della sostenibilità ambientale (il primo dedicato all’impronta di carbonio) dedica ampio spazio alle soluzioni per risparmiare energia negli edifici. Non è un caso: il tema dell’inquinamento legato ai consumi energetici degli edifici e all’edilizia a basse emissioni è tra i più attuali.

Di recente l’ISPRA ha reso noti i dati sulle emissioni di gas serra in Italia, che nel 2011 sono complessivamente diminuite del 2,3% rispetto all’anno precedente e del 5,8% rispetto al 1990. Molto positivo, se non ci fosse dell’altro: sempre nel periodo 1990-2011, dice ISPRA, le emissioni legate ai consumi energetici del settore residenziale e servizi sono aumentate del 9,7%. La crescita è evidentemente legata all’incremento del numero di abitazioni (e dei relativi impianti di riscaldamento).

Ecco spiegato perché EOS (negli spazi alla Fiera di Udine dal 17 al 19 maggio) punta molto sulle ultime soluzioni per risparmiare energia negli edifici riducendo gli sprechi, con innovazioni e proposte per costruire e abitare in modo più sostenibile per il pianeta.

Spulciando tra i protagonisti di Exposition of Sustainability troviamo SaDiLegno, costruttore della Casa di Legno eco-sostenibile situata in Val Pesarina (UD) e presentata dal PEFC International (Programme for the Endorsement of Forest Certification) nell’ambito di RIO+20, come reale esempio di sostenibilità ambientale e socio-economico.

L’edificio SaDiLegno è stato realizzato solo con legni locali certificati Pefc, senza altri materiali ad alta intensità energetica come cemento e acciaio, e in questi anni ha immagazzinato CO2: parte di questo gas è stato oggetto nel marzo 2013 del primo contratto italiano di compravendita di crediti di carbonio da prodotti legnosi.

Da vedere a EOS anche i prodotti per un’abitazione a basso consumo, come il Sistema Genera, che integra fotovoltaico, verde pensile e sistema di raffreddamento e pulizia (quest’ultimo in grado di aumentare la resa energetica dell’impianto solare di oltre il 6,5% su base annua) posizionandoli sul tetto, e colloca a terra un sistema di raccolta e gestione dell’acqua piovana.

In tema di caldaie e scaldabagni verranno presentati a EOS gli scaldacqua a pompa di calore di Ekos, che con un basso consumo di energia producono acqua calda sanitaria; mentre in tema di illuminazione è interessante l’ibrido tra lucernario tubolare e illuminazione a led che rappresenta un’evoluzione concettuale  per il lighting: efficienza e gratuità dell’illuminazione naturale dei tubolari Solarspot e luce led 24 ore su 24.

Per il problema dell’umidità nei muri a EOS troverete Biodry, piccolo dispositivo per il prosciugamento naturale e definitivo dei muri umidi da risalita capillare, che funziona senza corrente elettrica, sostanze chimiche, campi magnetici e senza ricorrere a lavori edili invasivi.

Se invece cercate una porta a basso impatto ambientale, Bauxt presenta a Exposition of Sustainability la porta blindata di design Plank, protagonista di un progetto in tandem con il Ministero dell’Ambiente per la valutazione dell’impronta di carbonio, in vista di una minimizzazione della CO2 prodotta nel ciclo di vita di questo prodotto.

Altri articoli che ti potrebbero interessare Come illuminare casa risparmiando

Pubblicato da Michele Ciceri il 11 maggio 2013