Rifiuti e raccolta differenziata

Ambientiamoci di Adiconsum

Che cosa i rifiuti? Reduce, reuse e recycle sono le tre parole d’ordine in tema di rifiuti e raccolta differenziata. Ma che sono i rifiuti? Anche su questo è bene avere le idee chiare e Adiconsum ci aiuta a farlo in modo semplice-semplice con il progetto Ambientiamoci, un’iniziativa promossa  in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ambientiamoci, attraverso la campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti, ci informa che La Comunità europea indica come rifiuto qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci si disfi o si abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi (Direttiva n.2008/98/Ce del 19 novembre 2008).

I rifiuti prodotti giornalmente dalle persone (i rifiuti solidi urbani), se vengono abbandonati in modo incontrollato, divengono fonte di inquinamento, degrado ambientale e causa di proliferazione di insetti e animali potenzialmente pericolosi per la salute umana.

Ecco perché è importante sia diminuire la produzione dei rifiuti sia, quando questo non è proprio possibile, differenziare i rifiuti per fare in modo che le materie prime di cui sono composti inizino un nuovo ciclo di vita.

Come si fa una corretta raccolta differenziata dei rifiuti? Adiconsum ci aiuta ricordando a tutti le 10 regole d’oro del Consorzio nazionale imballaggi-Conai per una raccolta differenziata di qualità.

  1. Separa correttamente gli imballaggi in base al materiale di cui sono fatti e mettili nell’apposito contenitore per la raccolta differenziata.
  2. Schiaccia lattine e bottiglie di plastica richiudendole poi con il tappo. Comprimi carta e cartone.
  3. Dividi, quando è possibile, gli imballaggi comporti da più materiali, ad esempio i contenitori di plastica delle merendine dalla vaschetta di cartone oppure i barattoli di vetro dal tappo di metallo.
  4. Togli gli scarti e i residui di cibo dagli imballaggi prima di metterli nei contenitori per la raccolta differenziata.
  5. Sappi che la carta sporca (di cibo, come i cartoni della pizza, di terra o di sostanze tossiche come solventi e vernici), i fazzoletti usati e gli scontrini non vanno nel contenitore della carta.
  6. Fai attenzione a non mettere nel contenitore del vetro oggetti in ceramica, porcellana, specchi e lampadine.
  7. Riconosci e conferisci correttamente gli imballaggi in alluminio. Oltre alle più note lattine per bevande, separa anche scatolette e vaschette per il cibo, tubetti, bombolette spray e il figlio sottile per alimenti.
  8. Riconosci e conferisci correttamente gli imballaggi in acciaio, che solitamente riportano le sigle FE o ACC. Le trovi su barattoli per conserve, scatolette di tonno, lattine e bombolette, fustini e secchielli, tappi corona e chiusure di vario tipo per bottiglie e vasetti.
  9. Introduci nel contenitore per la raccolta differenziata della plastica tutte le tipologie di imballaggi. Fai attenzione a non introdurre altri oggetti, anche se di plastica, come giocattoli, vasi, piccoli elettrodomestici, articoli di cancelleria e da ufficio.
  10. Ricorda che se hai imballaggi in legno li puoi portare alle isole ecologiche comunali attrezzate. Cassette per la frutta e per il vino, piccole cassette per i formaggi, sono tutti imballaggi che possono essere riciclati.

Pubblicato da Michele Ciceri il 12 maggio 2013