Microcircolo: alimentazione

Microcircolo

Microcircolo, si chiama micro ma è un responsabile di molti disturbi che proprio micro non solo. Quando la circolazione non funziona al meglio, è essenziale capire perché e soprattutto porre rimedio, anche con delle strategie naturali. Ci sono casi in cui non bastano, sarà il medico a valutare, e bisogna ricorrere ad una terapia integrativa per prevenire la formazione di edemi e proteggere le pareti dei vasi.



Microcircolo alimentazione

Ci sono degli cibi particolarmente consigliati a chi ha dei problemi di microcircolo, primi fra tutti i mirtilli, ricchi di antocianosidi che rinforzano la struttura dei vasi sanguigni e migliorano l’elasticità delle pareti. Ci sono altri frutti che sono ottimi: l’uva, ricca anche di flavonoidi, utili per l’eliminazione dei radicali liberi, e poi l’avocado, che tiene bassa la pressione sanguigna, diminuendo il rischio di ipertensione.

Gli agrumi, e in particolare arance e limoni, essendo ricchi di vitamina C e polifenoli, sono utili per tonificare i vasi sanguigni e contribuire all’eliminazione dei radicali liberi.

Non è solo la frutta a combattere i problemi di microcircolo, lo fanno anche alimenti più sostanziosi come il salmone, i semi di zucca e il cioccolato fondente: ottima notizia vero?

Prodotti per migliorare il microcircolo

Tè Tamari Bancha, ottimo perché ricco di calcio e ferro, digestivo e con tante vitamine A e C, allevia la fatica e stimola la circolazione. Restando sui té, c’è anche l’Ume-Sho-Bancha, a base di umeboshi, salsa di soia e zenzero, indicato in caso di circolazione lenta. Se preferiamo il vino, quello rosso è ottimo per la circolazione se consumato in dosi ragionevoli. Offre benefici per il sistema cardiovascolare, è ricco di tannini che vantano una azione antinfiammatoria e antidiarroica.

Microcircolo: erbe

Senza nulla togliere all’efficacia dei trattamenti terapeutici veri e propri, che prevedono l’uso di farmaci e vanno prescritti da un medico, possiamo qui parlare delle erbe che agiscono in modo positivo sul microcircolo. Ce ne sono numerose che contengono sostanze ad azione vasoprotettiva, antiflogistica ed antiaggregante piastrinica.

Microcircolo

A volte più che utilizzare delle erbe singole si possono prendere gli estratti con mix di piante contenenti fitocomplessi che agiscono in modo sinergico e positivo.

Citiamo però qualcuna delle erbe e delle piante che sono particolarmente amiche del microcircolo. La Centella o Hydrocotyle asiatica (Gotu Kola) stimolare la sintesi del collagene e aumenta la resistenza delle pareti dei capillari sanguigni, migliorando il microcircolo.

La Vitis vinifera protegge i vasi sanguigni e rafforza la muscolatura liscia, l’ippocastano è ricco di escina che ha un effetto “sigillante” sulle membrane dei capillari, il Pungitopo (Ruscus aculeatus) ruscogenine, contiene molte molecole con attività flebotoniche, capillaroprotettive, antiflogistiche e diuretiche, è usato anche per contrastare gonfiore e senso di pesantezza alle gambe.

Microcircolo gel

Per chi ha problemi di microcircolo ci sono anche numerose terapie che agiscono a livello topico, realizzate con principi attivi adatti allo scopo. Si trovano ormai in commercio molti prodotti come creme e soprattutto gel che hanno un effetto rapido ed elevato rilascio sulla cute.

Un’erba che viene usata per effettuare trattamenti topici è il Melilotus officinalis, ricco di flavonoidi, di saponine e di tannini, viene raccomandato non solo per il microcircolo ma anche per contusioni ed ecchimosi superficiali

Microcircolo: esercizi

L’attività fisica è il miglior rimedio naturale che esista in questo frangente, se fatta nella giusta misura e affiancata da una alimentazione sana ed equilibrata. E’ importante fare esercizi in modo regolare, senza troppo sperimentare discipline strane e procurandosi attrezzatura adatta: un paio di scarpe sbagliate può essere davvero dannoso. A proposito di scarpe, è bene non esagerare ad indossare tacchi alti.

Tornando allo sport adatto al microcircolo, i più atletici possono attrezzarsi con calzini per corridori che aiutano la circolazione, acquistabili anche su Amazon, a 19 euro.

Microcircolo e cellulite

Capita spesso, soprattutto alle donne, che i problemi di microcircolo comportino anche la comparsa di cellulite, sulle gambe ma non solo! Se la si vuole combattere è necessario iniziare trattamenti generali e locali. La cellulite è una conseguenza della cattiva circolazione quindi agire migliorando il microcircolo non fa che dare una mano anche dal punto di vista estetico.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 15 luglio 2017